Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » autori » catello nastro

Tutte le frasi dell'autore Catello Nastro

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

MI RISPECCHIO
Mi rispecchio nella tua anima
ora antica e quasi sonnolente.
Poi come in un film in bianco e nero,
tratto dalla cineteca della vita
passata assieme da tanti anni fa,
ripercorro i drammi e le farse
recitate davanti ad un pubblico
che non mostrava interesse
ma assisteva all’evolversi delle vicende,
ora tragiche ora comiche.
Ora che al tramonto il genere è cambiato
non resta altro che cambiare canale
e cercare un film comico
per ritornare a sorridere alla vita.

Catello Nastro

Catello Nastro

segnalata da Catello Nastro venerdì 16 gennaio 2015

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: poesie

N’AUCEDDUZZO

Cumm’à n’aucedduzzo
caruto ra nu niri
sott’à l’irmici re na casa vecchia
re la via Filippo Patella,
sotto à li scaluni re preta viva,
ca’ portano a lu’ centro storico,
la parte re chistu paese
ca’ se specchia rint’àlu mari,
assettata annanti a ‘nu purtone
re legno re noce carulato,
cu’ ‘nu tuozzulo ca penguliava
ra’ lu seculo passato,
‘na criaturedda ra la pelle scura,
ca’ nun parlava manco ‘a lengua nosta,
prujeva la mano a li passanti
chierenno ‘a carità.
Me scutrullaje li sacche re lu cauzone
e accugliette tutt’è spicciule ca’ tenìa.
S’inghette e spicciuliddi re’ poco valore
la manzolla re la criatura ca nun canuscìa
e me rialava ‘nu surriso triste,
ca’ quanno lu penzo
me mettesse a chiangere.
Quanno turnai nun la truao cchiù.
S’era sparuta e cchiù nun l’ancuntrao.

Catello Nastro

TRADUZIONE AD SENSUM
Come un uccellino caduto dal nido posto sotto tegole di un palazzo antico di Via Patella, prima degli scaloni che danno accesso al centro storico di Agropoli, la cui origine si perde nel tempo, uscendo da casa incontrai una bambina extracomunitaria che chiedeva umilmente la carità ai passanti. Rovistai nelle tasche e raccolsi tutte le monetine, gliele porsi e lei contraccambiò con un sorriso triste, che il solo ricordo mi fa scappare le lagrime. Quando rientrai a casa non la trovai più!

Catello Nastro - tratto da Poesie cilentane

segnalata da Cateello Nastro domenica 20 gennaio 2013

stelline voti: 2; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: poesie

Nonno, cos'è la poesia?

center][/center][b][/b][center][center]NONNO, COS’E’ LA POESIA ?

Tornare a ritroso nel tempo,
guardarsi fanciullo come te
quando giochi al computer
con personaggi fantastici
elaborati per internet
avidamente gustando patatine
e pop corn comperate in sacchetti
policromi al supermercato.

Ammirare gli alberi fioriti
in una sfavillante primavera
dietro la casa di campagna,
il cane che abbaia a squarciagola
a un gatto imperterrito,immobile,
come la statua sul marmo del camino
che profuma ancora di legna di bosco
parcheggiata in cantina fino all’autunno.

Notare il mezzo bicchiere di vino
superstite al parco pasto ipocalorico,
il lento sorseggio per favorire il palato,
il delicato borbottio della nonna
che enumera analisi cliniche
sconvolgenti come i risultati
di una partita di calcio della squadra
del cuore penalizzata dall’arbitro.

Fissare il tuo volto sorridente
e ringraziare Iddio per un’altra giornata
concessa in offerta speciale
nel grande supermercato della vita.

Catello Nastro

segnalata da Catello Nastro venerdì 26 ottobre 2012

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Quando la poesia diventa musica...

GABRIELE CIANFRANI
L’evoluzione della musica

Finalmente mi è arrivato il cd di GABRIELE CIANFRANI, mio nipote, di Isernia, contenente nove brani di musica jazz ( 1 – Paradise – 2 – Enigma – 3 – Pray for peace – 4 – Naimà – 5 – Space – 6 – Equinox – 7 – Impro – 8 - Eternal life – 9 - Suspended - . Nella presentazione: “ E’ il primo lavoro discografico di Gabriele Cianfrani, il quale rapito fin da ragazzo dall’arte dei grandi maestri del jazz abbraccia la graffiante sonorità fusion espressa in chiave chitarristica. L’album musicalmente influenzato dalla corrente artistica di William Stravato, rappresenta il personale contributo chitarristico al panorama moderno del rock fusion. Progetto moderno con l’intento di spaziare in sperimentazioni armoniche complesse,espresse da un alternarsi di linee funk, bossa e rock caratterizzate da estensioni sonore melodiche presenti in diversi brani, accompagnate dall’articolare ritmica del Maestro Stravato. Scale articolate di solistica mirate ad esaltare un emergente stile elaborato e poliritmico ricorrendo alle molteplici sonorità della chitarra semiacustica.” In religioso silenzio, nella quiete del mio studio, ho ascoltato i nove brani del cd con enorme sorpresa. Il ragazzino al quale oltre dieci anni fa regalai la mia chitarra, generica ed acustica, è diventato un gigante. Le sue esecuzioni palpitano di partecipazione attiva e creativa, le sue dita sembrano quasi accarezzare le corde, facendo scaturire toni ora bassi, ora alti come solo i grandi maestri sanno fare. Per me che ho amato ed amo la musica, è una grande soddisfazione notare che un nipote è arrivato a così alti vette. Auguri, Gabriele!!!
Catello Nastro

Catello Nastro

segnalata da Catello Nastro venerdì 12 ottobre 2012

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Un raggio di luce immensa

UN FASCIO DI LUCE IMMENSA

Illumina la notte scura e senza luna,
un fascio di luce immensa da lontano.
Sembra quasi squarciare le tenebre,
statiche nella loro sonnolenza notturna,
ferme ed abbarbicate all’oscurità
apportatrice di sonno e di riposo.
Non si capisce l’origine del fenomeno:
naturale o soprannaturale è immenso.
Sembra una cometa o una stella cadente,
oppure un incendio cosmico strisciante
nel cielo costellato di stelle dormienti.
E quando un bambino ignaro guarda
il cielo costellato di stelle fluorescenti,
ingenuamente capisce che è la luce.
La luce della solidarietà cosmica.

Catello Nastro

Catello Nastro - tratto da Pensieri e parole

segnalata da Catello Nastro venerdì 21 settembre 2012

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Estate 2012

ESTATE 2012

Pure ‘o palummo
‘ ngoppa ‘a ringhiera
sente ‘nu cavere
ca chiamasse ‘e pumpiere.

Tutte ‘e fforze
ca’ teneve stanotte,
songo fernute,
ma chi se ne fotte.

Mo’ metto ‘a capa
sott’à funtana
e pe’ me rinfrescà
me sciacquo ca’ mano.

Cu’ l’auta mano
me tengo appuggiato
ca’ po’ calore
me sono stancato.

Fernesse ambresse
chesta staggione,
ca’ po’ cavere e ‘e tasse
s’è squagliata ‘a penziona!!!

Catello Nastro

TRADUZIONE
Anche il colombo sulla ringhiera del balcone sente un caldo che chiamerebbe i pompieri per farsi rinfrescare. Tutte le forze che tenevo stanotte, al fresco, sono terminate: ma non importa. Metto la testa nel lavandino sotto il rubinetto dell’acqua fredda e con una mano mi rinfresco e con l’altra mi tengo appoggiato, perché per il caldo mi sento frastornato. Finisse presto questa estate 2012, perché per il troppo caldo e le troppe tasse, si è squagliata pure la pensione.

Catello Nastro - tratto da Nuove poesie napoletane

segnalata da Catello Nastro giovedì 23 agosto 2012

stelline voti: 4; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

LITIGI DI PAROLE

LITIGI DI PAROLE

Pensieri e parole si alternano
nel meccanismo del cervello
compromettendo sentimenti
già provati da vicissitudini,
sperimentazioni, sproloqui,
convulsioni cerebrali.
Ragione e sentimento
si sovrappongono, incessanti,
in un percorso che non
avrà mai fine, mai un punto.
Eppure è la norma che decide,
che stabilisce i confini,
che detta le regole della competizione,
che sancisce le puntate
come in uno sceneggiato televisivo,
con attori finti ed attrici camuffate.
Il protagonista, ora attivo, ora succube,
sono io che lotto, che soffre, che decide.
Con alterne vicende…

Catello Nastro

Catello Nastro - tratto da NUOVE

segnalata da Catello Nastro venerdì 15 luglio 2011

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

La varricedda

22 - LA VARRICEDDA

‘Na mamma tenìa
‘nu figghiu zico,
ca’ stanno sempe
ammienzo a la via,
avia acchiappata
‘na malatia..

Jette primma
ra la mahara
ca’ cu’ ‘na maggia
lu ngarmava,
ma lu’ mmali nun passava.
Lu’ juorno aroppa
jette ra lu farmacista,
ca’ ‘nguntrao a primma vista..

“Duttò, duttò, viniti a la casa
ca’ lu ninno mio zico,
oj scjorta bedda,
propeto ra sotto a l’umbillico,
acchiappau la varricedda,”

“Oi nenna mia bedda,
nun ve ‘mbrissiunati
ca nunn’è ggravi la varricedda,
ma quant’anni tene lu guaglione?
-Sule quatt’anni è ancora zico!”-
“Allora è zico, ‘o ninno,
nun è ancora guaglione,
si nò tenìa la varrone!!!.

TRADUZIONE
Una mamma teneva un figlio piccolo che stando sempre in mezzo alla strada o in piazza assieme ai coetanei, aveva contratto la varicella. Va prima dalla fattucchiera, ma la magìa non funziona, inontra di poi per strada l’aiutante del farmacista e gli comunica la malattia del figlio. Questi chiede l’età, e quando la mamma risponde che ha solo quattro anni, il giovane inesperto risponde che a quattro anni per forza doveva avere la “varricedda” non un “marrone”.NB. Con la parola “varra” si indicava anche l’organo sessuale maschile.

Catello Nastro - tratto da Poesia erotica cilentana

segnalata da Catello Nastro venerdì 17 giugno 2011

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Li scarpi grosse

20 - LI SCARPI GROSSE

‘Ngè stia ‘na vota, a li tiempi antichi,
‘nzimma a ‘nu pajese re montagna,
n’ommo ricco cu’ terri, animali e massaria
ca’ ogniruno pi’ se ccirtamente vulìa.
St’ommeno pirò nunn’era contento,
ca’ la mugghiera soja nunn’era mai incinta,
pure si lu puveriddo si sfurzava
e rint’à lu lietto maje s’arripusava.
E siccome iddo nun barava a spese,
si jette a consigliare sigretamente
cu’ la mahara re lu pajese.
“Basta ca se vace a curcare cu’ n’omme
ca tene li pieri ruossi
e porta li scarpi re lu quarantasei,
ca aroppa a nnovi misi patri tu sei!!!”
Lu’ puverieddo, ca’ nun vulìa
lassari li terre soje a li parienti,
e pe’ tene’ ‘nu figghio
ca’ curasse tutti li bbeni ca’ tinìa cu’ li rienti,
se mettette a circare uno cu’ li pieri gruossi
peì tutto la pajese e alla fine re la jurnata
la pirzona ca’ carcao avìa truvato.
“ Si ti vieni a curcare cu’ mugghierema,
tutto chero ca’ mi circhi io te rao:
tornesi, ‘nu ciuccio, ‘na pecora o ‘na crapa,
e a tia la casa mia sempe s’arapa.
Senza decide chero ca’ vulìa pe’ la sciammereca,
lu biforco accettao la richiesta
e rint’à lu’ lietto se ficcao lesto lesto.
Quann’assette ra fora, lu massaro lu ringraziao,
ricenne c’ li rìa tutto chero ca’ cercao.
“ Sintiti, io tengo lu’ pero trentacinco,
e fratimo m’ rato li scarpe soje
ca’ iddo porta lu quarantaseio.
E piriche nun pozzo camminà comoramente,
si me rati li scarpi voste ca’ songo zeche,
me faciti contento overamente!!!”

TRADUZIONE

Un ricco massaro non può avere figli e va dalla maga del paese per trovare il giusto rimedio. La fattucchiera, che contava fesserie a tutti quanti, disse che non poteva avere figli perché portava le scarpe piccole, il trentasei. L’uomo si mise alla ricerca e finalmente trovò un giovane che portava le scarpe grandissime; addirittura il quarantasei. Lo convinse ad andare a letto con sua moglie promettendogli ciò che avrebbe chiesto: anche una capra o un asino. Poiché il giovane non aveva moglie e non faceva all’amore da mesi accettò subito. Finita la prestazione il massaro, contento di diventare padre, anche se il figlio che avrebbe concepito la moglie era di un altro, ma nessuno lo sapeva, gli chiese come poteva sdebitarsi ed il giovane così rispose: “Basta che mi dare le vostre scarpe che sono piccole. Io porto il trentacinque e con quelle che mi ha prestato mio fratello che porta il quarantasei, non posso camminare comodamente!!!”

Catello Nastro - tratto da Poesie Cilentane

segnalata da Catello Nastro martedì 7 giugno 2011

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

LE OMBRE

LE OMBRE

Le ombre sono come i sogni:
incontrollabili, deformate,
foriere di illusioni fatue e leggere,
fugaci come la corsa di un ladro.

Anonime figure irreali,
pescate dal mondo della fantasia,
cassandre di presagi imprevedibili,
moderatrici di umori mattutini.

Ma un raggio di sole persistente,
dietro le tegole del condominio
annuncia e modifica l’itinerario
seguendo la bussola della luce.

E allora, vincitore indiscusso,
prosegui il cammino quotidiano,
ammirando le margherite nel prato
ed il sorriso dei bimbi sull’altalena.

Catello Nastro

Catello Nastro - tratto da Pensieri

segnalata da Catello Nastro venerdì 13 maggio 2011

◄ indietro
1 2 3


© 2000-2017 copyright
Per contattarci o saperne di più su frasi.net vieni al CENTRO INFORMAZIONI

31 ms 19:41 14 122017 fbotz1