Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » autori » antonella

Tutte le frasi dell'autore antonella

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 5; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

La sconfitta

La sconfitta arriva
quando ti accorgi
di non saper più
a cosa aggrapparti
per sentirti ancora viva.

La sconfitta arriva
quando non c’è niente e nessuno
che possa dare sollievo
alle tue angosce.

La sconfitta arriva
quando senti
di non poter più sopportare
il peso e la fatica della tua vita.

La sconfitta arriva
quando ti svegli al mattino
e non vorresti più doverlo fare.

La sconfitta arriva
quando nelle tenebre della notte
senti solo il rumore del tuo pianto
e ti accorgi che nessuno
è disposto ad ascoltarlo.

La sconfitta arriva
quando neppure
il sorriso di tuo figlio
riesce a dare sollievo alla tua anima.

La sconfitta arriva
quando capisci
di non aver più la forza per sorridere
e di voler solo piangere, piangere, piangere,
fino a sfinirti.

La sconfitta arriva
quando senti
l’ansia appropriarsi del tuo essere
e non trovi il modo per potertene liberare.

La sconfitta arriva
quando neppure
una parola è sufficiente
per aiutarti a non sentirti così sconfitta.

antonella

segnalata da antonella sabato 18 gennaio 2003

stelline voti: 7; popolarità: 2; 0 commenti

categoria: Poesie

Il lago dorato

Nel riflesso di un lago dorato si specchiano i miei sogni.

Li vedo, ma non riesco a prenderli.

Sono lì, ma il vento li sta portando via.

Corrono lontano da me.

Li ho inseguiti a lungo.

Ora non ho più la forza di rincorrerli.

Li lascio andare, trasportati dalla corrente.

Aspetto, in silenzio, che le tenebre della notte ne cancellino ogni traccia.

antonella

segnalata da antonella sabato 18 gennaio 2003

stelline voti: 2; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

A Nikka

Sei qui, sulle mie ginocchia,
a farti accarezzare
da chi ti ha voluto bene
come se fossi stata una figlia.

Sei qui, in un ultimo interminabile abbraccio,
a regalarmi gli ultimi momenti della tua vita.

Sei qui, ora, con me,
che piango per il dolore
di dovermi separare da te.

Domani non ci sarai più,
sulle mie stanche ginocchia
che a fatica cercheranno di rialzarsi
nel deserto di una vita in cui tu,
mia dolce, fedele compagna,
non sarai più con me,
a scodinzolare ad ogni mio ritorno.

E la mia vita,
da domani,
sarà ancora più vuota,
senza di te.

antonella

segnalata da antonella sabato 18 gennaio 2003

stelline voti: 9; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Frasi d'amore

Bacio

Se il bacio fosse una parola .............
vieni qui ke ti faccio un bel discorso!

Antonella

segnalata da Antonella martedì 31 dicembre 2002

stelline voti: 4; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Ieri, oggi, domani

Nello sfogliare l’album dei ricordi
ho fatto tesoro di tutto ciò
che lo ha reso luminoso ed offuscato
e nell’andare incontro
all’alba di ogni nuovo giorno
non dimentico di pensare
che ogni istante di ogni ora
può essere speciale.

E se ieri non sono riuscita
a cogliere pienamente la bellezza di ogni mio respiro,
oggi voglio ricordarmi di assaporare ogni attimo di vita,
per rendere più dolce il mio andare incontro al domani.

antonella

segnalata da antonella martedì 8 ottobre 2002

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Il Poeta

Hai scoperto in un libro di poesie
parole che, una volta, avevi scritto per me:
“I più belli dei nostri giorni non li abbiamo ancora vissuti
e quello che vorrei dirti di più bello non te l’ho ancora detto.”

Ero rimasta inebriata dalla grandiosità di ciò che si celava dietro a quelle parole.
Ma esse si sono perse nel vento, anche se il mio cuore è sempre rimasto in attesa
dei giorni più belli che avremmo vissuto, delle parole più belle che mi avresti detto.

E quando esse sono state pronunciate, non c’era più la possibilità di viverle.

Sei stato anche tu un poeta e non lo sapevi,
un poeta che ha inseguito con dolci parole i suoi sogni, alimentando anche i miei.

antonella

segnalata da antonella martedì 8 ottobre 2002

stelline voti: 6; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

La casa

Ti vedo, solo, in quella casa desolata, che ha preso il posto di un nido mai costruito.
Nel deserto della tua vita annaspi alla ricerca di una nuova identità.
Ti guardi indietro e vedi solo il rimpianto per cose non fatte.
Non eri pronto a vivere la tua vita con me, non fartene una colpa.

E nel tuo presente, quando le lacrime si placheranno,
guarda con occhi nuovi al tuo futuro, per non ripetere vecchi errori.
La vita è nelle piccole cose di tutti i giorni,
quelle piccole cose che tu non riuscivi a vedere.

Ora guardale, apprezzale, godi della gioia che ti sanno dare.
E impara che la vita è sapersi costruire,
è crescere con se stessi e con gli altri,
è trovare la propria dimensione.

E quando lo capirai,
la tua casa, ora così vuota e malinconica,
diverrà ricca di suoni ed immagini,
perché sarà il riflesso di ciò che tu sarai divenuto.

antonella

segnalata da antonella martedì 8 ottobre 2002

stelline voti: 5; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Unidici settembre.

Uomini e donne che, in un’ordinaria mattina di settembre,
vi siete recati, come sempre, a compiere il vostro dovere,
avete visto crollare su di voi la follia
di chi ha voluto dimostrare al mondo di essere un Dio
che poteva disporre delle vostre vite normali e abitudinarie.

Uomini e donne che, in una soleggiata giornata di fine estate,
vi siete recati a svolgere il vostro gioioso o ripetitivo lavoro,
cosa avete pensato quando il mondo è caduto su di voi?
Cosa avete provato quando avete intuito
che quella normale giornata di lavoro sarebbe stata senza ritorno?
Cosa avete gridato quando le vostre vite sono state orrendamente distrutte?

Il vostro atroce dolore è stato il dolore di chi,
come me, ha visto la morte cadere su di voi.

antonella

segnalata da antonella sabato 5 ottobre 2002

stelline voti: 7; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Specchio.

Guardo il mio viso riflesso nello specchio.

Il mio viso mi guarda e sembra volermi dire,
con parole che non ha,
quanta tristezza vede nei miei occhi.

I miei occhi mi guardano
e vedono lacrime represse
che vorrebbero scorrere come ruscelli inarrestabili.

Le mie lacrime mi impediscono di vedermi,
ma sentono il dolore di tutta una vita
spesa nell’inutile tentativo di poter trovare,
in quello specchio, un volto sereno.

antonella

segnalata da antonella sabato 5 ottobre 2002

stelline voti: 5; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Solitudine.

Ti ringrazio, mio dolce amico,
per avermi permesso di vedere,
al di là dei tuoi occhi e delle tue parole,
quel mondo a me sconosciuto che solo a te appartiene,
quel mondo nel quale non concedi a nessuno di entrare,
quel mondo nel quale c’è spazio solo per la tua solitudine.

Ti ringrazio, mio dolce amico,
perché ora ti vedo con occhi nuovi
e mi è più facile capirti,
perché nella tua profonda solitudine
vedo rispecchiarsi la solitudine che mi accompagna da quando sono nata
e con la quale ho saputo convivere, forse, in maniera diversa dalla tua.

antonella

segnalata da antonella sabato 5 ottobre 2002

1 2 3 4 5 6


© 2000-2021 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

31 ms 22:10 19 012021 fbotz1