Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » autori » daniela cesta

Tutte le frasi dell'autore daniela cesta

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » vita

non abbiamo sentito la carezza
della primavera, siamo prigionieri
dentro quattro mura, per un mostro invisibile.

DANIELA CESTA

segnalata da daniela cesta martedì 31 marzo 2020

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » vita

TEMPO NERO

strade deserte e silenziose
tutto sembra calmo,
ma è solo apparenza
siamo in guerra senza bombe
ma con tante lacrime e paura.
Terrore di un mostro invisibile
che non conosciamo, che ferma il nostro respiro
che ha sconvolto la nostra vita quotidiana
non abbiamo sentito la carezza della primavera
perché viviamo chiusi in casa
a vedere i dati di una pandemia
arrivata improvvisamente.

DANIELA CESTA

segnalata da daniela cesta martedì 31 marzo 2020

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

e arrivò aprile

e aprile arrivò, sequestrati anima e corpo
da dietro i vetri di una finestra, chiusi in casa
prigionieri per un virus mortale,
non abbiamo goduto dell'entrata della primavera,
ne delle carezze del suo vento
viviamo reclusi tra le mura di casa
non coglieremo i fiori di aprile,
piangiamo a volte per il nostro paese,
da nord a sud, dalle Alpi agli Appennini,
con i loro splendidi villaggi,
laghi e fiumi che l'attraversano, boschi e valli
città piccole e grandi, cariche di storia,
che hanno donato civiltà al mondo
pieni di musei a cieli aperti,
capolavori inimitabili, delle persone del nostro passato
noi siamo un popolo affabile, che vive con amici e parenti
amiamo il bar, gli aperitivi, il parlare e sorridere
amiamo vestire bene, sfoggiare la nostra conoscenza
ascoltare il cinguettio gioioso degli uccelli a primavera,
aprile e i suoi mandorli in fiore, densi di profumo
inebria spirito, sublime estasi che mostra la gloria di Dio,
aprile italiano di questo terribile anno, città vuote e deserte
villaggi come fantasmi, boschi, valli e campagne
appartengono ora agli animali, le persone vivono in casa
chiusi senza vedere nessuno, periodo peggiore per un italiano.
Migliaia e migliaia di morti in questa nazione, che una volta portati in ospedale, i loro familiari non hanno piu visto e non vedranno piu.
Senza un funerale , ne un addio, ne un ultimo sguardo,
migliaia di povere anime che hanno tenuto la mano di
una infermiera vestita come un astronauta, che tratteneva le lacrime
aprile è arrivato e noi dobbiamo avere solo speranza e
amore per un passato che non dimenticheremo mai.

DANIELA CESTA

segnalata da daniela cesta martedì 31 marzo 2020

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

tempo di virus

che strano tempo attanagliati
dalla morsa di un mostro
che oscura i nostri polmoni
e non ci fa respirare.

prigionieri in casa per difenderci
in una strana primavera
tra il sole, la pioggia e la neve
in un silenzio assordante, dal sapore di morte

migliaia e migliaia di persone
che non sono piu di questa umanità
all'improvviso è piombato su tutti noi
un killer lacerando la nostra vita.

Non ci sono farmaci ne un vaccino che
neutralizza il male, non ci resta che pregare
chiedendo aiuto al Signore, mentre il battito
del nostro cuore aumenta per la paura.

Abbiamo grandi timori e ci domandiamo
"perchè è successo?" una tragedia che
ha trascinato i popoli in un tunnel
dove ancor non si vede la luce.

Che ne sarà di noi? Dei nostri figli
dei nostri nipoti, del futuro e del mondo che verrà.
Di una cosa sono sicura, la natura sopravviverà
e vincerà nella sua sgargiante bellezza

Il creato è stato voluto dal Creatore
l'umanità lo ha violato.

DANIELA CESTA

segnalata da DANIELA CESTA sabato 28 marzo 2020

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

A BIRD TO MY EAR

A bird to my ear ...
"Do you want my wings?"
"What will you do without your wings" I said,
"I'll wait till you come back ..."
"no you know the dangers of this world?
you without wings ...
you might die, you are accustomed to
fly above the pain,
in your blue endless sky ...
the pains are on the earth
you glide above so gently ... "I said
"I want to try the pains of this world"
"I will not allow it! you belong to heaven
you're like a dream,
Our souls need dreams
to reveal our innermost secrets,
you are the secret of heaven! "said
The bird gave me a kiss.

DANIELA CESTA

segnalata da daniela cesta mercoledì 25 marzo 2020

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

l'incubo

l'incubo che stiamo vivendo
sembra senza fine..

il virus killer che sta uccidendo
migliaia di persone, incute terrore

tutto è cambiato all'improvviso
senza preavviso, senza avvertimento

il male è entrato nelle nostre bocche, narici e occhi
velatamente come un enzima incolore e velenoso

si è appoggiato nei nostri polmoni
scavando morte e togliendoci il respiro,

sembra un altra realtà, un altro mondo
a volte non sappiamo piu chi siamo

ne dove andiamo, cosa ci aspetta nel futuro,
a volte pensiamo di non avere un futuro

che sia l'inizio della fine. Incubo.
I sopravvissuti forse avranno imparato

un nuovo modo di vivere, l'amore verso la creazione
rispetto, umiltà, onore, ottemperanza verso Dio,

gli uomini e l'intera umanità.
Forse.

DANIELA CESTA

segnalata da daniela cesta martedì 24 marzo 2020

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Gli alberi

ascolto i sussurri degli alberi
il loro sonno invernale
è quasi finito, onde sonore
appena percettibili,

sussurri che passano sotto le nuvole
tra cielo e terra in tutta la foresta
con angeli invisibili sorridenti
nel tramonto silenzioso.

Speranza dell'amore sono gli alberi
maestosi, potenti, misteriosi
vogliono raggiungere il cielo azzurro
per adorare Dio, che li creò,

sottomessi all'uomo, pilastri verdi della terra
sono la nostra vita, senza di loro moriremmo tutti,
sono la poesia di Dio,
usciti dal suo cuore,

tra i suoi rami verdi di primavera
voglio ubriacarmi di ossigeno,
enzimi energici, vigorosi che donano
benessere, floridezza al corpo e alla mente

chi abbraccia un albero in cambio avrà
la sua possente vitalità, efficienza
consapevolezza, nel capire che cosa sono
questi giganti pieni di amore incondizionato.

DANIELA CESTA

segnalata da daniela cesta mercoledì 4 marzo 2020

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

L'ALBERO TAGLIATO

il mio cuore si stringe quando
vedo un albero che viene tagliato, sento
il suo sussurro doloroso, lacrime dalle viscere
e dagli altri alberi intorno con i cespugli, che assistono inermi
è tutto un lamento insistente, di dolore e gemiti,
un addio sconvolgente, che sembra uccidermi
un albero maestoso è come un libro aperto
potrebbe raccontare infiniti momenti, di gloria e rimostranze
attimi di vita di ogni creatura, che gli è passato accanto
cinquanta anni per crescere e diventare imponente
solenne, possente e nobile..mezz'ora per bruciare
e scomparire perennemente dalla terra.
Rispettare gli alberi è una nostra priorità
perché producono ossigeno, aria, frescura,
regalano frutti, sono al nostro servizio
e noi abbiamo il compito, di averne cura, di proteggerli
con tutto l'intero creato.

DANIELA CESTA

segnalata da DANIELA CESTA mercoledì 19 febbraio 2020

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

FEBBRAIO

il sole di febbraio si insinua tra
i rami spogli e dormienti dell'albero
lo inonda di luce purificatrice
iconica immagine che colpisce
fa riflettere nel silenzioso pomeriggio
ventilato e soleggiato di un mese che avverte
che il tempo cambia, anche per noi
che dobbiamo trasformarci in farfalle
lasciare il nostro bozzolo invernale
e tuffarci nella vita che rinasce.

DANIELA CESTA

segnalata da DANIELA CESTA sabato 15 febbraio 2020

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

pensiero al tramonto

corre il pensiero al tramonto
mentre lo spirito intimorito e confuso
non sente l'energia positiva
maliconia che affascina e che fa tremare
ma l'equilibrio è in me, con radici profonde
il crepuscolo fa vivere, momenti fuori dal tempo
ma non è un velo triste, che circonda il cuore
tutto tace ma io ascolto, un armonia che rapisce
nel sussurrare dei rami spogli, che sembrano morti
lo straordinario silenzio della natura invernale
che irrora il sangue nelle vene
come medicina portentosa che guarisce
quella rosea luce lontana, sembra conoscermi
si perde il mio inconscio, che non sa dove andare,
ma laggiù, nel lontano orizzonte
pulsa il cuore di Dio.

daniela cesta

segnalata da DANIELA CESTA mercoledì 12 febbraio 2020

1 2 3 4 5 6 ... 182


© 2000-2020 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

47 ms 07:16 13 082020 fbotz1