Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » community » diari » diario di coraggio

Diario di Coraggio

elenco diari | pagine | cerca | commenti | partecipanti | scrivi nel tuo diario | impostazioni


archivio
maggio 2008marzo 2007gennaio 2007
novembre 2006......
.........
.........
.........
.........
Feed XML RSS 2.0Feed RSS 2.0

{ lunedì 12 maggio 2008 }

...

nella notte che albeggia, nel cielo che si colora, ti guardo...ti guardo in quegli occhi dolci...che non vogliono salire, come nuvole nel deserto, come un cristallo nella terra, ti abbraccio e non ti lascio, ti abbraccio e ti avvolgo intorno a me, al di sopra di ogni mare.

Coraggio - 12:04 - 0 commenti - commentainizio

{ sabato 10 marzo 2007 }

...

uno scudo resistente...si ho sul braccio uno scudo robusto..riuscirà a resistere l'impatto...quel colpo che in un attimo forma una pioggia di scintille, tanto forte da far girare il vento per guardare...il cielo è scuro stanotte ma come un fulmine in un attimo tutto è diventato visibile e solo io con il mio braccio a porre resistenza.dietro di me la città mi aspetta, aspetta che le nuvole spariscano.
ora ogni colpo non può più infliggere perchè nulla può scalfirmi...più sottile di una lama..più libero di un'aquila, resto immobile aspettando l'alba

Coraggio - 21:09 - 0 commenti - commentainizio

{ giovedì 18 gennaio 2007 }

Cattivo

Inutile mondo,
inutile essenza,
basta una sua parola e tutto va in frantumi
poesia, passione, contatto, amore, e come un tarlo delle lunghe orecchie ma poco udito, divora nella banalità l'impercettibile verità...la verità di una confessione...di un pensiero che bruciava,bruciava dentro rendendo triste l'anima..storia dell'amor perduto, storia di violenza, storia di coraggio, racconto della propria vita, racconto della propria esperienza non fa differenza per chi è scaltro a non mostrarsi stolto...ma come un grande patriota si fa trionfante dietro un'abile olchestra che ahimè da fuori altro non è che una piccola banda popolare che fuori tempo stona per le vie dei testi e mostra ogni volta la sua inesorabile incapacità di contatto

Coraggio - 20:58 - 0 commenti - commentainizio

{ giovedì 30 novembre 2006 }

Inseguire il vento

In un armadio chiuso da sempre ho trovato un libro aperto pochissime volte...è uno dei libri più letti nella storia eppure per me è sconosciuto.
L'ho sempre ritenuto incomprensibile e noioso, pieno si leggi e regole per vivere una vita giusta...non superficiale ma antico!e come ogni cosa antica poco interfacciabile con la realtà moderna.
La prima cosa che leggo è la storia di un re.
Il più grande Re della storia dei tempi..il più ricco il più potente, l'uomo che è riuscito ad ottenere tutto ciò che ha voluto.
Ho letto un suo pensiero, delle sue riflessioni e sono rimasto incredulo!
"Sono il più saggio degli uomini, sono riuscito ad ottenere tutto anche se con estrema fatica ma mi accorgo di non avere nulla!
Il sole sorge e tramonta,
il vento soffia in tutte le direzioni nel cielo,
i fiumi tornano tutti al mare senza mai riempirlo,
e tutto rimane immutato sempre identico a se stesso come una ruota che gira, non c'è inizio ne fine.
Ogni cosa che l'uomo fà è inseguire il vento."
Mi sono chiesto se avesse senso credere alle sue parole...mi sono chiesto come faceva questo grande uomo a pensare cose del genere quando possedeva tutto.
Il suo tutto che diventava niente!
Fumo neglio occhi!
Questo doveva essere matto...uno stolto travestito da saggio che trova il tesoro che tutti ambiscono e lo guarda annoiato...come se aspettasse che gli parlasse o che lo rendesse felice ed invece rimane deluso!
Tutti inseguono qualcosa!
Te lo incastrano nel cervello fin da piccoli che nella vita bisogna avere un obbiettivo...
ma ogni obbiettivo porta miseramente al suo punto debole:
l'aiutante che non sopporta di essere aiutato
il pacificatore che odia trovarsi in conflitto
il leader che odia mostrarsi debole
l'entusiasto che ha paura di soffrire
il collaboratore che odia trasgredire
l'organizzatore che odia fallire
l'artista che odia essere ordinario
il perfezionista che odia andare in collera
l'osservatore che odia trovarsi vuoto
trovato l'obbiettivo trovato il modo per essere infelici.
vuoi essere leader?
mettiti in un contesto in cui ti fanno sentire debole e sarai triste.
vuoi aiutare il prossimo?
sei costretto a non essere aiutato per stare bene..

Io credo che Noi siamo il vento..e che quindi non lo seguiamo ma solo se siamo rivolti verso noi stessi possiamo capirlo.

Coraggio - 23:08 - 2 commenti - commentainizio


© 2000-2020 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

35 ms 17:26 01 042020 fbotz1