Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » community » forum » poesie » ma chi vota le poesie?!

Ma chi vota le poesie?!

elenco forum | discussioni | post | cerca | partecipanti | proponi discussione

971 visite

Sono presenti 29 post. Pagina 1 di 2: dalla 1a posizione alla 20a.

◄ indietro
1 2
messaggi per pagina
600avatars45x45 > 516stellina stellina stellina stellina stellina Lamu domenica 27 giugno 2004 12:321/29
L'argomento nasce dalla mia profonda curiosità riguardo i criteri secondo i quali vengono "votate" (orribile verbo da riferire ad una poesia) le poesie,nonchè frasi d'amore, aforismi e quant'altro, all'interno del sito, dai vari lettori.....Questo perchè nn riesco proprio a capire come si faccia a giudicare meno di 5 stelle una meravigliosa e affascinante poesia di C. Baudelaire (e nn perkè l'ho segnalata io ma semplicemente perkè è di Baudelaire), o ancora, una poesia come quella scritta da Scilla, tormentata, profonda e semplicemente bellissima!!!Questi sono solo degli esempi recenti ma ci sono stati altri casi del genere che mi hanno lasciata letteralmente sconvolta!!!Perciò la domanda nasce spontanea....Chi è quel premio nobel per la letteratura che così esprime il suo esperto gusto poetico????!!!Aiutatemi a capire vi prego!!

avatar 22stellina stellina stellina stellina stellina stellina gloria domenica 27 giugno 2004 12:452/29
ogniuno di noi ha i suoi gusti!!!!
ed esprime un suo giudizio di certo nessuno si mette a fare una critica di quello che sta votando (anche perchè non credo che molti abbiano la competenza necessaria per farlo).
semplicemente si esprime un giudizio, è un pò come dire "si questa mouss al cioccolato mi è piaciuta, o è un pò meno buona dell'altra volta!"....

non ci vedo niente di strano...
glò
600avatars45x45 > 516stellina stellina stellina stellina stellina Lamu domenica 27 giugno 2004 13:003/29
Beh,paragonare una mousse ad una poesia nn e' prprio il massimo,cmq...Io più che altro credo in questo caso che nn sia stato capito il significato della poesia...o delle poesie...Vabbè ma tanto è veramente inutile se come presupposti paragoniamo la poesia ad un cibo...quello mi piace, l'altro no...nn intendevo questo genere di aiuto...
600avatars45x45 > 331Scilla domenica 27 giugno 2004 13:134/29
Cara Lamù, ti dirò...questo forum ha dato voce a una domanda che già da tempo mi chiedevo.
Ho letto su questo sito molte poesie che, mio modesto parere), ritengo piuttosto scontate e banali, però risultavano parecchio gradite ai lettori.
Forse è la semplicità esasperata fino alla banalità che piace, o forse non tutti comprendono: Baudleaire non è certamente per tutti così come altri Grandi Poeti.
Gloria dice questioni di gusti...ma non ho il coraggio di considerare la poesia come una mousse.
Credo sia questione di persone e forse anche di cultura!

Grazie Mille per aver giudicato positivamente la mia poesia, soprattutto perchè conoscendoti so che te ne intendi e so che no stiamo parlando di diversi modi di cucinare le uova.
winnie the pooh > tiggerstellina stellina Niso domenica 27 giugno 2004 14:055/29
Ma è mai possibile che ci si soffermi tanto su un paragone usato semplicemente per facilitare la comprensione di un pensiero?? A me sembra scontato che Gloria non intendesse dire che poesia e cibo sono sullo stesso livello!!
A mio parere, rimproverarla di questo è un comportamento quasi superficiale.

Cmq, torniamo a noi.
Io penso che la poesia sia un qualcosa di fortemente soggettivo, e che non debba piacere per forza soltanto per chi l'ha scritta. E non venitemi a dire che è una questione di cultura!! Prendendo l'esempio di Baudelaire, vi saranno sicuramente (anke se pokissime) delle persone acculturate e preparate a cui nn piace, per una semplice questione di gusti personali.
Se così non fosse, allora a tutti gli uomini di cultura poetica piacerebbero gli stessi grandi autori.
Non credo che ciò sia possibile!

Un'altra cosa, la più importante:
io ho scritto delle poesie, ma non ho mai ritenuto che fossero di chissà quale bellezza o accuratezza formale;
ma che nessuno osi dirmi che sono banali e scontate!!!
Io credo che fare poesia significhi essenzialmente mettere per iscritto sentimenti ed emozioni, e questa, se permettete, non è una cosa da poco.
C'è chi è più abile e chi meno, ma i sentimenti che spingono a scrivere una poesia sono comunque presenti in tutti i piccoli e grandi poeti, assieme alla volontà di esprimerli. Nessuno, e ripeto nessuno, ha il diritto di definire banale una poesia solo per il modo in cui è scritta.
Sono forse banali le semplici parole "Ti amo", quando chi le dice ama davvero?
Secondo me no...
nessunostellina stellina stellina elisabeth domenica 27 giugno 2004 14:506/29
Adesso nn facciamo un processo a gloria solo perchè ha fatto un paragone (che tra l'altro era per esprimere la propria opinione in modo chiaro e "dolce"!)
io penso che ognuno cataloghi una poesia seguendo i propri gusti, i propri canoni critici che possono sembrare anche completamente sbagliati agli occhi di altri...ma questa non mi sembra una novità!
Per quanto riguarda il sito in particolar modo, non credo sia frequentato solo da "grandi studiosi"ma anche da "gente comune" che scrive e vota poesie anche prive di termini arcaici o di periodi complicati!
...
e poi se definiamo banali poesie che esprimono sentimenti allora voglio precisare che è banale aprire anche un topic del genere!con tutto il rispetto!
japanime > a kostellina stellina stellina stellina stellina stellina giacomina domenica 27 giugno 2004 15:547/29
secondo me dire ke le poesie di alcuni sono scontate e banali è una gravissima offesa...xke una xsona qnd scrive poesie mette in rilievo i sentimenti e le emozioni...e guai a ki dice ke sn stupidate..
600avatars45x45 > 331Scilla domenica 27 giugno 2004 15:578/29
A questo punto è mio dovere precisare che per banali, visto che è questo che si sta attaccando, non intendo il sentimento che sostiene la penna di chi scrive, ma intendo quelle frasi che, anche se bellissime si leggono ormai ovunque sminuendo l'intensità del messaggio.
Un ti amo detto sempre si apprezza come quello detto raramente???

Poi, credo sinceramente che molto dipende dalla cultura; non credo che tutti possono essere in grado di comprendere Dante Alighieri ad esempio.
Il fatto che un letterato ha dei gusti preferendo un autore piuttosto che un altro questi rimangono gusti personali della persona AUTOREVOLE chiamata in causa; ma se dico che non mi piace D'annunzio, e non so neanche di chi stiamo parlando, che valore ha il mio giudizio???
Non è forse questo un pò superficiale e privo di elementi???

Non è poi superficiale biasimare il paragone tra cibo e poesia, perchè si discuteva di come a volte viene considerata la stessa, tra l'altro nessuno le ha sparato contro parole peccaminose...o anche stavolta mi sto sbagliando?

Ragazzi il dilemma di Lamù si potrebbe risolvere considerando (come qualcuno ha gia detto) che questo sito è aperto a tutti per cui ciascuno può esprimere la propria opinione incondizionatamente, d'altra parte è questo il bello,no?!

P.S.:Niso non trovo le tue poesie banali anzi...ma per quanto può contare il mio parere....
nessunostellina stellina stellina stellina stellina spaider domenica 27 giugno 2004 17:359/29
sottoscrivo in pieno le parole di niso.
comunque per fare e leggere poesia nn ci vuole cultura,
quanti e di che spessore sono i poeti che pur non leggendo o nn conoscendo la storia del mondo, scrivono delle meraviglie che nemmeno ci si può immaginare...
600avatars45x45 > 331Scilla domenica 27 giugno 2004 17:4610/29
Hai ragione Spaider effettivamente la Divine Commedia chiunque è in grado di comprenderla...vero?

Per scrivere occorre abbandonarsi alle emozioni, desiderio, passione...scrivere è come una smania che ti brucia dentro, scrivi e liberi la tua essenza...
Comunque Spaider posso sapere che intendi per cultura? Non credo i bei voti a scuola?
Perdona la mia ignoranza mi puoi indicare un poeta senza cultura?
Così mi tengo aggiornata!!!
japanime > a kostellina stellina stellina stellina stellina stellina giacomina domenica 27 giugno 2004 19:0211/29
ciao scilla,
alla domanda ke hai fatto a spider ti voglio rispondere io!
c sono nel mondo(paesi cm africa e india) dei poeti ke a volte compongono poesie meglio di dante alighieri. questi poeti c mettono l'anima x scrivere e qnd scrivono nn scrivono cn le penne,ma col cuore.raccontano la loro vita,la sofferenza e la miseria ke c'è nei loro paesi...ma nn fanno diventare la poesia pesante e monotona,ma scorrevle e cn un suono orekkiabile!nn bisogna di certo essere Dante Alighieri o Gabriele D'Annunzio x scrivere poesie!!
poi guarda,ti dirò,Alighieri è troppo p#####o cm autore...x leggere la Divina Commedia ci ho messo una vita...xke nn mi veniva nemmeno voglia di leggerla!!!Manzoni invece scrive bbastanza scorrevole,cn particolari attenzioni ai luoghi e ai fatti dove accade la storia!!
finisco col dire ke tutti possono scrivere poesie a livelllo di Manzoni e Dante Alighieri...basta ke ci si immedesima cn il cuore e la mente...
600avatars45x45 > 034stellina Nina85 domenica 27 giugno 2004 21:5512/29
Volevo rispondere a Lamu.. ho letto la poesia in questione e capisco il tuo stato d'animo nel non vedere apprezzata la poesia da te segnalata che senza ombra di dubbio è bellissima.. critico però il tuo modo di esporti.. non puoi disprezzare chi non ha il tuo solito gusto in fatto d'arte.. il mondo è bello perchè è vario e fortunatamente è pieno di autori stupendi e di persone che li apprezzano.. ho notato una punta di superiorità chiamando chi ha votato poco poeti che per te valgono tantissimo "nobel per la letteratura".. e non mi è piaciuta.. non sentirti superiore..probabilmente sei acculturata ed intelligente non dimostrare l'incontrario sputando fuoco su chi non ama le tue solite cose...
Il 27/06 15:57 Scilla ha scritto:
Il fatto che un letterato ha dei gusti preferendo un autore piuttosto che un altro questi rimangono gusti personali della persona AUTOREVOLE chiamata in causa; ma se dico che non mi piace D'annunzio, e non so neanche di chi stiamo parlando, che valore ha il mio giudizio???

Scilla..il tuo giudizio.. soprattutto in campo artistico ha sempre valore.. perchè se D'annunzio non riesce a trasmetterti emozioni.. è inutile che tu sappia di chi stai parlando o cosa l'ha spinto a scrivere..
La poesia è emozione..quando leggo qualcosa che mi trasmette.. non mi interessa sapere cosa ha suscitato nell'autore tutto quel sentimento..vivo il sentimento e basta..

Spero di essermi spiegata bene..
600avatars45x45 > 171stellina stellina stellina stellina stellina stellina napulitanboy domenica 27 giugno 2004 23:4013/29
Il 27/06 12:45 gloria ha scritto:
ogniuno di noi ha i suoi gusti!!!!
ed esprime un suo giudizio di certo nessuno si mette a fare una critica di quello che sta votando (anche perchè non credo che molti abbiano la competenza necessaria per farlo).

non ci vedo niente di strano...
glò


d'accordissimo!
600avatars45x45 > 516stellina stellina stellina stellina stellina Lamu lunedì 28 giugno 2004 18:2714/29
Mi scuso con quanti si sono sentiti offesi dalla frase conclusiva del mio primo post:
"Chi è quel premio nobel per la letteratura che così esprime il suo esperto gusto poetico????!!!"
Era solo una battuta per sottilineare il mio disappunto riguardo l'argomento, di certo nn era mia intenzione prendere in giro nessuno, nè tanto meno manifestare superiorità nei confronti degli altri!!Cmq sia, credo sia stato frainteso o meglio, probabilmente nn ho saputo spiegare le mie posizioni...Il mio obbiettivo nn era sminuire nè fare un processo al giudizio (ke tanto per la cronaca, gloria, è sempre una critica!!) personale di ciascuno! Il mio post, più sottilmente, muove una critica nei confronti di una generale omologazione del gusto poetico (naturalmente con tutte le varie eccezioni, perciò nn sentitevi tutti chiamati in causa!!)che ho notato e continuo a notare all'interno del sito....In questo senso sono d'accordo con quanto scrive scilla, ossia è più gettonata la frase sentita e risentita o una canzone dei blue e altri (aggiungo io e come potrete constatare voi stessi..) piuttosto che altro: in questo senso riporto e sottolineo, a scanso di ulteriori equivoci, quanto lei scrive : " A questo punto è mio dovere precisare che per banali, visto che è questo che si sta attaccando, non intendo il sentimento che sostiene la penna di chi scrive, ma intendo quelle frasi che, anche se bellissime si leggono ormai ovunque sminuendo l'intensità del messaggio.Un ti amo detto sempre si apprezza come quello detto raramente???"....Tendo anke a precisare ke nn facevo riferimento solo a "grandi scrittori", cosa ke invece quasi tutti hanno pensato, ma anche e forse soprattutto a poesie come quella appunto di scilla ke, conoscendola, nn è di certo una luminare riconosciuta della poesia!(senza offesa scilla ;-p)

P.S.: Nina 85, se mi conoscessi sapresti ke nn sono assolutamente il tipo ke disprezza le poesie altrui, perkè queste sono mosse dal bel sentimento umano , che è sempre meraviglioso!!Mi dispiace se ho dato questa impressione, spero di aver meglio fatto comprendere il mio pensiero...
600avatars45x45 > 331Scilla martedì 29 giugno 2004 18:3715/29
Ciao Giacomina,
ti ringrazio per aver risposto alla mia domanda ma forse nel porla non sono stata così chiara come, in realtà, credevo…te ne rivolgo un’altra:
che intendi per cultura???
Mi parli di poeti che perché Africani o di poeti che vivono in condizioni di miseria devono considerarsi senza cultura…perché???
Visto che tu non hai fatto il nome di nessun Autore(poeta o scrittore) te lo faccio io, Kahlil Gibran è nato in Libano, secondo te è senza cultura????
Gli zingari che vivono in condizioni miserevoli hanno una loro cultura che certo è diversa dalla mia ma non per questo la considero senza valore.

Ciao Nina,
ti farò una domanda usando un esempio culinario(visto che ci piacciono tanto!!!):
se dici che non ti piace la carne dopo averla assaggiata e lo dici senza conoscere il suo sapore, è la stessa cosa?
japanime > a kostellina stellina stellina stellina stellina stellina giacomina martedì 29 giugno 2004 19:2616/29
io x cultura intendo una "materia" nella quale una xsona è brava...ma tu,pensavo,intendessi i letterati cm Dante o D'Annunzio...quelli ke hanno ricevuto premi nobel o oscar...
secondo me tutti hanno una propria cultura...e nessuno può dire ke poesie scritte da altre xsone sn senza senso oppure poco significative...
600avatars45x45 > 516stellina stellina stellina stellina stellina Lamu martedì 29 giugno 2004 20:3717/29
Il 29/06 19:26 giacomina ha scritto:
io x cultura intendo una "materia" nella quale una xsona è brava...ma tu,pensavo,intendessi i letterati cm Dante o D'Annunzio...quelli ke hanno ricevuto premi nobel o oscar...
secondo me tutti hanno una propria cultura...e nessuno può dire ke poesie scritte da altre xsone sn senza senso oppure poco significative...


Ho perso le parole...nn so ke dire...anzi direi a questo punto ke può bastare...interrompiamo la discussione....
nessunostellina stellina stellina stellina stellina spaider martedì 29 giugno 2004 20:5518/29
io scusate, ma la discussione l''avevo già interrotta...
mica per altro ma perchè nn ho voglia di arrabbiarmi per qst cose...
600avatars45x45 > 331Scilla mercoledì 30 giugno 2004 00:1519/29
Carissima Giacomina mi sa che ti sbagli di grosso perchè io non ho mai scritto che per cultura intendo i premi nobel lo dimostra il fatto che ponendo la domanda a spaider avevo già dato per scontato che la cultura non è rappresentata dai bei voti a scuola, mi dispiace ma sei stata un pò presuntuosa.
Per quanto riguarda quello che intendi tu per cultura spero tu stia facendo un pò di confusione.Quella che intendi tu per cultura si chiama erudizione, si può essere eruditi in letteratura, nelle scienze, nelle arti...ma la cultura è un'altra cosa e puoi stare tranquilla che i due vocaboli non sono sinonimi, un sinonimo di cultura è 'civiltà' ad esempio...se non ti convinco consulta su un buon vocabolario la voce "cultura" magari mi sbaglio!!!

Comunque se ti può interssare Kahlil Gibran, come altri, che a questo punto tu consideri senza cultura visto che non si è specializzato in una materia, essendo tra l'altro pittore e filosofo, è riuscito a comprendere opere di Reausseau, Lamartine, Hugo, Chateaubriand e il già citato Baudelaire....
Tanti saluti a tutti!!!
japanime > a kostellina stellina stellina stellina stellina stellina giacomina mercoledì 30 giugno 2004 07:3220/29
io nn ho mai pensato ke Gibran sia senza cultura...
lui forse ha capito il vero senso della vita,al contrario di altri...le sue poesie,cm quelle di altri autori ke magari nn sn citatissimi nel"nostro"mondo,fanno capire l'umiltà ke c'è in loro...nn cm Alighieri ke sapeva i essere molto apprezzato dal suo pubbliko e se la menava...
cmq...forse prima m sn espressa male....x cultura io intendo il modo di essere diverso delle xsone...cn le proprie tradizioni,i propri usi e costumi...e anke quelle ke hanno capito il vero senso della vita....
e x cultura prima ho detto ke uno è specializzato in una materia....infatti nn si puo dire ke un campione di sport sia un culturato xke è bravo solo nello sport o altri ke hanno preso il nobel ma ke della vita nn hanno capito un c###o.
◄ indietro
1 2
INFO
18/10/2017: I forum di discussione sono da oggi disponibili solo in lettura. Ringraziamo gli utenti che vi hanno partecipato per tanti anni.


© 2000-2019 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

47 ms 04:29 23 092019 fbotz1