Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » community » forum » libri » la festa dei libri e delle rose

La Festa dei Libri e delle rose

elenco forum | discussioni | post | cerca | partecipanti | proponi discussione

819 visite

Sono presenti 2 post.

messaggi per pagina
nessunoAMATCOMUNICA lunedì 16 aprile 2007 17:511/2
Lunedì 23 aprile 2007 a Milano si celebra la terza edizione di SAN GIORGIO, LA FESTA DEI LIBRI E DELLE ROSE, una tradizione Catalana importata da Barcellona tre anni fa dall’agenzia Amat Comunicazione.
Le vie pedonali del quartiere Brera, situate tra il Bar Giamaica e lo spazio Luisa Beccaria di Via San Carpoforo, si animeranno con bancarelle di libri e chioschi di rose per permettere ai passanti di compiere un rituale che prevede, in questo speciale giorno di primavera, che gli uomini regalino alle donne una rosa e le donne ricambino o anticipino il dono con un libro.
Perché San Giorgio, i libri e le rose? I Catalani onorano il libro il 23 aprile perché in quello stesso giorno ricorrono la morte di Cervantes, quella di Shakespeare e l’onomastico di san Giorgio, il santo guerriero che, dopo aver sconfitto il drago, colse una rosa dal cespuglio di rose germogliato dal sangue del mostro, per donarla a Sabra, la Principessa liberata.
Si dice che il giorno di San Giorgio sia testimone della nascita di nuovi amori, ma è il desiderio di celebrare in modo intrigante e coinvolgente la passione per i libri e la lettura il sentimento protagonista di questa tradizione.

La FESTA DI SAN GIORGIO nasce a Barcellona nel 1926 su idea di un editore catalano e si ripete da allora ogni anno con immutata magia. Il 23 aprile la città si sveglia con un profumo diverso, quello di rose appena colte e ancora bagnate di rugiada. E’ primavera, l'aria è tiepida e frizzante e c’è quel modo tutto spagnolo di onorare il libro. Spagnola anche l'idea di questa unione rituale: la conoscenza (il libro) con l'estetica (la rosa), con la leggenda religiosa (San Giorgio che uccide il drago). E in onore di San Giorgio i cittadini scendono in strada a combattere, avendo come arma una rosa e come bandiera un libro. La liturgia è semplice: regalare libri e offrire rose. Per un giorno la letteratura invade le strade, le librerie si trasferiscono all'esterno, gli editori presentano le ultima novità, gli autori firmano centinaia di migliaia di copie.
La giornata comincia molto presto, alle sette i librai montano i loro banchi in esterno, e affiggono i calendari con gli appuntamenti degli autori disposti a incontrare il loro pubblico.
Solo se il 23 aprile cade di domenica la festa è anticipata al pomeriggio del giorno prima, per consentire a chi non ci sarà di partecipare comunque all'appuntamento più atteso dell'anno.

Chiunque abbia partecipato a quella festa ne è rimasto rapito. E’ successo anche a Ludovica Amat, di origine catalana, che ha deciso di importare a Milano la Festa, sfatando il pregiudizio che la città si svuoti per la vicina ricorrenza dell’anniversario della Liberazione. Le prime due edizioni hanno infatti registrato un’incredibile affluenza di pubblico, entusiasta e coinvolto, oltre che dagli acquisti di libri e rose, anche dalle presentazioni delle novità editoriali organizzate al Bar Giamaica e dalle disquisizioni con nuovi e vecchi sapienti sul tema dell’amore, ospitate nello spazio della stilista Luisa Beccaria.

Orari e calendario degli incontri, che si terranno dalle 15 alle 20, saranno pubblicati sul sito www.lafestadeilibriedellerose.it

IDEAZIONE, ORGANIZZAZIONE E UFFICIO STAMPA: AMAT COMUNICAZIONE
Via Rutilia 10/8, Milano. Tel. 02.6599810 amat@amatcomunicazione.it

IL PROGRAMMA DI QUEST’ANNO

PER LE VIE DI BRERA. Via Brera, Via Fiori Chiari, Piazza Formentini.

Il 23 aprile quest’anno coincide con il giorno di chiusura del Salone del Mobile, si prevede quindi di beneficiare anche della partecipazione di un pubblico internazionale. Le bancarelle di libri e rose faranno la loro apparizione nella mattinata e rimarranno fino all’imbrunire, si potranno trovare proposte da parte di piccoli editori, librerie cittadine, librerie antiquarie, ognuno con una scelta di titoli studiata per questa giornata speciale.
NOVITA’ EDITORIALI AL BAR GIAMAICA. dalle 16.30 alle 20.30. Via Brera 32
Al Bar Giamaica, dalle 16.30 alle 20.30 Angela di Luciano (Editor del Sole 24 Ore e organizzatrice del salotto letterario/condominiale di Via Rutilia 23 a Milano) condurrà le presentazioni delle novità editoriali del momento, proposte sia da grandi che da piccoli editori. I reading saranno a cura di Igor Loddo e Marco Olivieri, della Compagnia teatrale milanese Scimmie Nude. Tra le proposte, tutte interessanti ed estremamente variegate, spicca l’Editore Cabila, il caso editoriale dell’anno costituito da un gruppo di amici, impegnati in professioni diverse dall’editoria, che si sono avventurati con risultati promettenti in questo mondo, beneficiando della loro dissennata passione per il libro e dalle competenze maturate nel loro campo professionale, quello della comunicazione. Un altro caso estremamente interessante è quello di Ida Bozzi, giornalista e scrittrice che ha creato sul sito di sua proprietà (www.settemoderniste.it) un romanzo permanente ad episodi che racconta di un Reality Show Letterario. Nella Casa, ci sono sette ospiti - scrittori che scrivono in sette stili diversi e vivono ciascuno secondo il proprio stile (il modernista si esprime solo con monologhi incomprensibili, l'hard boiled pensa solo a donne e azione, il giapponese si esercita nella lotta con i bastoni, ecc.). I personaggi sono impegnati a superare, come in tutti i reality, "prove" di abilità come scrivere (vivere) un flashback, descrivere (vivere) un dolore, dispiegare (incontrare) i personaggi comprimari. Le prove sono naturalmente letterarie, su forma e contenuto del romanzo. Tutto è condotto dal produttore patron, il cattivissimo e sexy Snow White. All’imbrunire chiude gli incontri Raul Montanari presentando "E' di moda la morte" (Perrone Editore) e " Incubi" scritto a più mani con Pinketts, Nove, Sclavi, Biondillo; incubi milanesi raccontati direttamente dagli autori (Baldini e Castaldi).
PARLARE D’AMORE. SHOW ROOM LUISA BECCARIA, Via San Carpoforo 9. DALLE 16 ALLE 19.30
Mecenate degli incontri sul tema dell’amore è quest’anno la stilista milanese Luisa Beccaria, una donna estremamente affascinante che trasferisce nei suoi abiti floreali un romanticismo struggente. Quale migliore padrona di casa per accogliere le disquisizioni sull’amore che ogni anno arricchiscono la festa dei Libri e le Rose? Dopo la Poesia d’amore e la Seduzione, trattate nelle precedenti edizioni, il tema indagato quest’anno sarà: “LE FORME PROVVISORIE DELL’AMORE O L’AMORE PER SEMPRE”.
E’ dal mondo del lavoro e dall’ansia di precarietà lamentato dalle fasce più giovani che ci giunge il suggerimento per tracciare un quadro dela provvisorietà in campo amoroso. L’incontro vuole infatti insinuare dubbi nel modo di vivere e pensare l’amore nella nostra società. Una società che ha ammesso a se stessa la natura transeunte di ogni rapporto, non solo nell’accezione di precarietà quanto in quella manifesta di non staticità degli equilibri che regolano le nostre relazioni. Diventa quindi affascinante domandarsi come l’uomo contemporaneo, alla luce della imperante frammentazione affettiva, lavorativa, sociale, conviva e possa riconciliarsi con il concetto di eternità in generale e di eternità del sentimento in particolare. Il titolo di questa riflessione arriva a suggerire, con il candore impudico tipico di ogni anti-dogmatismo, che la chiave vitale dell’amore coincida col suo implacabile rimettersi in continua discussione. In una parola, che la provvisorietà delle forme sia necessaria all’eternità della sostanza. Ne parlano con Valeria Palumbo: Silvia Vegetti Finzi, Alina Marazzi, Silvia Giacomoni, Giulio Giorello, Mario Gerosa (autore di Second Life), Clirim Muca (scrittore e poeta albanese), conclude Walter Passerini con un intervento dal titolo: “Il pane e le rose: il lavoro e l’amore ai tempi della

nessunostellina stellina stellina stellina alato lunedì 16 aprile 2007 22:412/2
Il 16/04 17:51 AMATCOMUNICA ha scritto:
conclude Walter Passerini con un intervento dal titolo: “Il pane e le rose: il lavoro e l’amore ai tempi della
della? per l'ultima parola ti sei confuso??
INFO
18/10/2017: I forum di discussione sono da oggi disponibili solo in lettura. Ringraziamo gli utenti che vi hanno partecipato per tanti anni.


© 2000-2019 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

47 ms 08:52 16 092019 fbotz1