Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » cerca » 2 di picche

Cerca 2 di picche nelle poesie

archivio frasi | autori | classifiche | commenti | cerca | scrivi frasi

Alcune directory frasi trovate:
ATTENZIONE
Le seguenti parole sono state ignorate perché molto comuni:
2, di.

Sono presenti 5 poesie.

Criteri di ricerca



 
categoriapoesie












 
qualsiasi
 
qualsiasi
 
giornoqualsiasi































 
mesequalsiasi












 
annoqualsiasi




















stelline voti: 38; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

l'amor diviso in due

ebbro della tua fragranza, rinsavii soltanto baciando le sue morbide labbra,oh qual appetitosa bisboccia scaturì dal contemplar la tua fulva peluria sol da un vel nascosta, la picca di giada allor m'accarezzasti e d'impazienza io fremetti, il mio animo errabondo cinicamente lei blandiva,ma entrambi vi perdetti, perchè amor vissuto imberbe,nell'impervia via s'invola.

Luca Renzo Marafioti - tratto da Psiche & Delìa

segnalata da Dragon Izolde mercoledì 22 dicembre 2010

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

LU UATTO RE LA CASA RE CAMPAGNA

poesia in dialetto cilentano
con traduzione ad sensum
LU UATTO RE LA CASA RE CAMPAGNA

Cittu cittu, chiano chiano,
rint’à la casa re lu vualano
e re tutta la ggente re la campagna,
s’accuglia ‘nu uatto cumm’a
uno re casa, o megghio ancora,
nu’ cristiano ca facìa lu’ guardiano.

E iddo uatto uatto, chianu chianu,
arreta a la cascia re lu’ ggrano assettato
aspettava ca’ int’à ‘nu pertuso,
ascìa ‘nu soricio rignuso
ca’ ra tre jiuoinu nun magnava.

Iddo avia fari rint’à la cascia
chianu chianu ‘nu’ pertuso,
ra parte re ‘ngoppa,
sott’a lu cupierchio,
ca si lu facìa ra sotti,
scennia ra vascio
tutto lu’ grano supierchio.

Ma lu sorice ‘ntilligente e furbo,
ch’era nato ra na mamma zoccula,
nunn’avia privista la presenza astuta
re nu’ uatto maimone ca’ già spìava
le sue latrocinie ‘ntinzioni.

Cu’ la zampa re ‘nnanti
lu sorecio agguanta,
lu puverieddo trema
ma iddo già frema,
è chiara assale la sua ‘ntinzione
ch’adda fare calazzione.

Lu sorecio chiangìa.
ma lu uatto nun se ne futtìa,
picchè si lu’ Patrone trovava la cascia rusecata,
iddo, lu uatto, acchiappao ‘na cauciata,
e picché allora nun ‘ngera su sindacato,
putìa esse pure licenziato.

Tomo tomo, uattu uatto,
arape la vocca all’intrasatta,
e mentre lu puverieddo
le vole fa’ cangià ‘ntinzione,
lu uatto già s’è magnato
ddoje cosse, lu fegato e lu purmone.

E che n’ha fatti re li ‘ntistini?
Se le magna rimani a matini:
chesto lu’ fface in tutta fretta
picchè a chiri tiempi
nun ‘ngera ancora la scatuletta…

Catello Nastro

TRADUZIONE

Facendo il restauro di antiche casse di castagno, il legno caratteristico del Cilento, molto duro e resistente, almeno nell’ottanta per cento dei casi, nel bordo superiore, sotto il coperchio, trovavo un buco quasi circolare di cinque o sei centimetri che portava ai bordi i segni dei denti aguzzi del terribile roditore.
In un precedente argomento abbiamo parlato anche del cane. Oggi sono diventati animali da compagnia e mangiano scatolette di carne confezionate e fabbricate apposta per loro ed in vendita oramai i n tutti i supermercati. Allora erano animali da guardia ed il cibo se lo dovevano guadagnare. Gli avanzi di cucina sfamavano anche loro. Il gatto allora, difendeva la casa dai topi. Non esistevano pesticidi e l’unico rimedio, nelle case di campagna, per combattere i roditori erano i gatti, astuti e furbi che li aggredivano silenziosamente e poi li divoravano. L’altro giorno ho visto un gatto scappare alla vista di un topolino. I tempi sono cambiati. La civiltà dei consumi ha cambiato l’uomo, ma anche alcuni animali…
ne "ad sensum"

Catello Nastro - tratto da POESIE CILENTANE

segnalata da Catello Nastro domenica 27 marzo 2011

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

POESIA IN DIALETTO CILENTANO

LA CAPA RE PEZZA E LU CACAGLIUSO

Tra lu Natale e la Bifania
a lu convento re la Gliastra,
lu puorco cchiù grosso s’acceria,
e li monache re lu convento
se ne stiano tutte contente
ca re sausicchie e zsupressate
se putiano fa na grossa magnata.

La mamma re Pascalino lu cacagliuso,
ca ricìa la t a lu posto re la c,
lu mannao a l’annascuso,
a lu convento re li ccape re pezza
cu la speranza r’acchiappà
cocc’uosso o re cotena nu’ pezzo.

Pascalino lu cacagliuso,
ca’ chiuvia e era tutto ‘mbuso,
aroppa n’ora tutto contento
arrivao ‘nzimma a lu convento,
e addummannannese
chi putìa esse a cher’ora,
arapette lu purtone
propeto la matra superiora.

“Ti mo’ ha titto mammema
si le manne nu’ poto e totena,
e si l’avita jttare rint’à nu fuosso
pure la tora o nu piezzo re uosso…”

“Ma cumme parli, ca nun te capisco,
che gghiè sta totana ca vai circanno?
“Ti mo’, la totena re lu puorto!”
“Nun capisco e nun saccio chero ca’ rici.”
“E tazzo, ti mo’, picchè nun tapisci?”

“Scustumati e screanzati,
iesci fora ra lu cunvento,
ca’ mo’ te ravo nu’ gruosso tormento
“Ti mo’, picche’ tu tazzo tapisci
e totena fai finta re nun tapisce…”

Catello Nastro

Durante le vacanze natalizie, era consuetudine, in tutti i conventi del Cilento, macellare il maiale più grosso. Una donna, poveretta, manda il figlio con un piccolo difetto di pronuncia, perché scambia la “t” con la “c” dalla madre superiore per chiedere qualche osso o almeno un pezzo di cotica. Quando il ragazzo gli chiede la cotina ella non capisce, ma quando dice una parolaccia “tazzo”, lo caccia fuori dal convento. Totena non aveva capito, ma tazzo sì!!!

Catello Nastro - tratto da nUOVE POESIE DEL cILENTO

segnalata da Catello Nastro giovedì 10 marzo 2011

stelline voti: 28; popolarità: 9; 0 commenti

categoria: Poesie

SPLEEN

Pluvioso, irritato contro l'intera città, versa dalla sua urna
a grandi zaffate un freddo tenebroso sui pallidi abitanti
dei vicino camposanto,
rovesciando, sui quartieri brumosi, la morte.

Il mio gatto, alla cerca d'un giaciglio sul pavimento agita
incessantemente il suo corpo magro e rognoso; l'anima
d''un vecchio poeta erra nella grondaia con la voce triste
d'un fantasma infreddolito.

La campana che si lagna e il tizzo che fa fumo accompagnano
in falsetto la pentola raffreddata; intanto in un
mazzo di carte dall'odore nauseante,

lascito fatale d'una vecchia idropica il bel fante di cuori
e la regina di picche chiacchierano sinistramente dei loro amori defunti.

BAUDELAIRE

segnalata da basilicom martedì 13 aprile 2004

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Oggi, domani e sempre

Ho aperto un vecchio cassetto
pieno di polvere e di carta straccia.
Ho trovato un vecchio colletto di picchè bianco
un quaderno a righe un pò antico
una collana di perline azzurre
ed una busta con disegni con tante piccole chitarre.
Ho trovato anche un foglio un pò logoro
dove l'inchiostro sbiadito dal tempo
sembrava sciogliersi per la forza del vento.
Ho trovato un bocciuolo di rosa appassito
pochi petali per un'intera vita.
Piccole cose ....sperdute in quel buio cassetto
dimenticate per sempre senza affetto.
Poi ho trovato una foto....era la tua,
e su una spiaggia assolata
i tuoi occhi brillavano.
In mezzo al mare erano scese le stelle
lucide e così belle che non riuscivo a guardarle.
Sorridevi felice sotto il sole dorato
ed io mi perdevo nel tuo sguardo ammirato.
Dietro la foto c'era una frase: "Amore mio ti amo...oggi, domani e sempre" .
Ho richiuso il cassetto piano...piano.
Forse stasera non ci sarà più quel bel sole dorato....
ma ruberò quel tuo sguardo ammirato...da quel cassetto vecchio e ammuffito e dolcemente senza arrossire ti porterò a dire: " "Amore mio ti amo....oggi, domani e sempre".

Laura

segnalata da Laura domenica 7 aprile 2013


 


Puoi eseguire la ricerca nel sito anche tramite Google:

Ricerca personalizzata


© 2000-2019 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

47 ms 18:03 16 092019 fbotz1