Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » cerca » fine anno

Cerca fine anno nelle barzellette

archivio frasi | autori | classifiche | commenti | cerca | scrivi frasi

Sono presenti 35 barzellette. Pagina 2 di 2: dalla 21a posizione alla 35a.

Criteri di ricerca



 
categoriabarzellette












 
qualsiasi
 
qualsiasi
 
giornoqualsiasi































 
mesequalsiasi












 
annoqualsiasi




















stelline voti: 5; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Mi sono imbattuto in mio fratello, oggi a un funerale. Non ci vedevamo da quindici anni, ma come al solito lui ha tirato fuori dalla tasca un manganello di plastica e ha cominciato a picchiarmi sulla testa. Col tempo comincio a comprenderlo. Ora mi rendo conto che la sua frase "sei un parassita schifoso da sterminare" è sempre stata detta con pieta', non con rabbia. Ammettiamolo: è sempre stato più intelligente di me, più spiritoso, più colto, più istruito. E' un mistero per me come mai continui a lavorare in quella tavola calda. Alla fine ho deciso di lasciare W. Perché è fuggita in Finlandia con un mangiatore di fuoco. Tutto per il meglio, immagino, anche se ho avuto un'altro di quegli attacchi dove comincio a tossire con le orecchie.

stelline voti: 17; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette » avari

Un genovese sta tranquillamente mangiando a un ristorante, quando, girando gli occhi, vede un carissimo amico, che aveva perso di vista da tanti anni e che sta mangiando ad un altro tavolino; si alza, si salutano allegramente e affetuosamente e decidono di proseguire il pranzo ad uno stesso tavolo; la cosa va avanti per un oretta fra commemorazioni, barzellette e aggiornamenti delle situazioni familiari. Giunti alla fine del pranzo, nasce una simpatica discussione, perché ognuno dei due vorrebbe offrire il pranzo all'altro; dato che non si trovano d'accordo, fanno una scommessa su chi resiste di più con la testa immersa in un catino d'acqua: chi resiste di meno pagherà il pranzo per tutti e due. Il giorno dopo appare la notizia sul giornale: tutti e due morti affogati!!

stelline voti: 2; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Scandinavia. Si svolge la gara più attesa dell'anno, vince chi in un'ora riesce ad abbattere più alberi. Il primo concorrente è un taglialegna finlandese, un omone di 120 kg e 2 metri d'altezza.Si presenta con un'enorma accetta e alla fine dell'ora riesce ad abbattere 6 alberi.Il secondo concorrente e un altro omone svedese, con la stazza precedente.Alla fine dell'ora riesce ad abbattere 8 alberi.i concorrenti seguenti non superano il record, finche' si presenta l'ultimo: un nano armato di una formidabile...limetta per le unghie.Fra l risa del pubblico inizia a tagliare la base del primo albero.In un'ora taglia 60 alberi!. Il nano è dichiarato vincitore, i giornalisti lo intervistano"Come si chiama?" e il nano"Cicci e vengo dal Sahara!", un altro gli chiede"Come ha raggiunto questa abilita'!"Mi sono allenato molto", e il giornalista"Ma come nel Sahara non ci sono alberi!"e Cicci"Adesso!".

stelline voti: 6; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Una giornalista è nominata corrispondente a Gerusalemme e prende alloggio in una casa con la vista sul Muro del Pianto.Ogni giorno, quando si affaccia alla finestra, vede sempre un vecchio ebreo che prega con grande fervore davanti al Muro.Un giorno gli s'avvicina e gli chiede: "Ho visto che lei viene qui tutti i giorni.Da quanto tempo prega davanti al Muro e per cosa prega?"-e il vecchio risponde: "Vengo qui da 25 anni.La mattina prego per la pace nel mondo e la fratellanza tra gli uomini, poi vado a casa, prendo una tazza di te' e torno qui a pregare per la fine della sofferenza dei malati di tutto il mondo." "e come si sente dopo aver pregato tutti i giorni per 25 anni per queste cose?"-Il vecchio la guarda sconsolato e risponde: "Come uno che parla a un muro!"

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Un uomo entra in un bar con il suo cane. Nel bar, alla televisione trasmettono una partita di calcio con la sua squadra preferita, la Reggiana. Il barista non vorrebbe che il cane entrasse, ma il signore prega, supplica, insiste dicendo: "Il cane impazzisce se non può vedere la Reggiana giocare. Per favore, non farà nessun problema". Alla fine il barista accetta. Comincia la partita. L'uomo sta seduto a bere una birra e guardare la partita ed il cane è seduto sullo sgabello accanto a guardare. La Reggiana tira in porta ma il portiere devia e la palla va fuori. Angolo per Reggiana. Con questa, il cane abbaia come un matto, si mette sul bancone del bar a ballare, fa "high five" con la mano di ognuno li dentro, occhiolino al barista e torna al suo posto. "Mamma mia" dice il barista. "Il cane se la gode proprio. Ma cosa fa se la Reggiana fa un gol?" "Non lo so", dice l'uomo. "Ho questo cane solo da quattro anni".

stelline voti: 2; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette » dal medico

Una coppia di sposi, dopo un anno di matrimonio, non riuscendo ad avere bambini, si reca dal ginecologo. Questi chiede loro: - "Ma la sera cosa fate?". - e il marito: - "Ceniamo, vediamo la tv, ci diamo un bacetto e poi andiamo a letto". - "e la mattina?". - "Ci alziamo, facciamo colazione, ci diamo un bacetto ed io vado a lavorare". - e il dottore: - "e il pomeriggio?". - "Mangiamo, ci diamo un bacetto e andiamo a fare un riposino". - Allora il ginecologo, rivolgendosi alla signora: "Si spogli e si sdrai sul lettino!". - Il ginecologo si mette su di lei e fanno l'amore alla presenza del marito che non batte ciglio. Alla fine il dottore dice al marito: - "Hai visto come si fa ad avere bambini? E questo si deve fare tutti i giorni!". - Il marito tutto contento risponde: "Ho capito dottore". - i due sposini ringraziano ed escono. Appena chiusa la porta dell'ambulatorio al marito sorge un dubbio e torna indietro, riapre la porta e chiede al dottore: - "Scusi ho dimenticato di chiederle... Viene lei a casa o veniamo noi in ambulatorio?".

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Buffon

Una signora sta trascorrendo il fine settimana in un albergo di montagna quando la costruzione in cui si trova la sua stanza prende fuoco. Ormai tra le fiamme, la signora afferra il suo bambino di pochi anni e spalanca la finestra, chiamando disperatamente aiuto. Alle grida accorrono gli altri clienti dell'albergo, che erano usciti a fare una passeggiata nei boschi, e tra loro c'e' anche Buffon, portiere della nazionale di calcio, il quale si fa subito avanti, gridando alla signora: "Non abbia paura, signora: io sono Buffon, portiere della nazionale, lanci pure il suo bambino, ed io lo prendero' al volo". La signora e' quanto mai titubante, ma le fiamme incalzano e lei e' al terzo piano, e non sembra ci sia altra via di scampo. Intanto, anche altre voci dal basso ripetono: "Coraggio signora, lui e' Buffon, il portiere della nazionale, non c'e' pericolo. Lanci il bambino, lanci il bambino". Dense nuvole di fumo si stanno ormai innalzando, il fuoco si sta avvicinando sempre di piu'; la signora allora si decide: prende il bambino, lo bacia, e lo lascia cadere nel vuoto. Tra gli applausi dei presenti, con un volo plastico, Buffon si lancia, prende il bambino prima che cada, poi lo fa palleggiare due volte a terra e lo rinvia verso il centro del campo.

stelline voti: 2; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Due amici s'incontrano dopo anni, uno dall'aspetto normale, l'altro ben vestito con auto di lusso. "Pero', che carriera! Ma come hai fatto?". "Sono entrato in politica". "Ma si diventa cosi' ricchi?". "Ero il responsabile della costruzione di un'autostrada nel Sud; progetto molto moderno, 3 corsie, spartitraffico a siepe, ecc. Poi, in realta', ho pensato che di corsie ne bastavano due... la siepe, se anche non c'era... insomma, alla fine sono avanzati due miliardi e sai come vanno queste cose...". "Capisco...". Anni dopo i due si reincontrano. Il secondo è diventato ricchissimo: auto lussuosissima, autista, portaborse, ecc. "Ma come hai fatto?". "Ho seguito il tuo consiglio: sono entrato in politica anch'io. Andiamo a casa mia, cosi' ne parliamo meglio". Villa con campo di tennis e piscina. "Veramente bello, ma... in che campo della politica sei entrato?". "Anch'io mi occupo di autostrade. Vieni alla finestra: la vedi quell'autostrada laggiu', a 4 corsie?". "No, veramente non la vedo". "Appunto".

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Una coppia di sposi, dopo un anno di matrimonio, non riuscendo ad avere bambini, si reca dal ginecologo. Questi chiede loro: "Ma la sera cosa fate?". E il marito: "Ceniamo, vediamo la tv, ci diamo un bacetto e poi andiamo a letto". "e la mattina?". "Facciamo colazione, ci diamo un bacetto e poi io vado a lavorare". E il dottore: "e il pomeriggio?". "Mangiamo, ci diamo un bacetto e andiamo a fare un riposino". Allora il ginecologo, rivolgendosi alla signora: "Si spogli e si sdrai sul lettino!". Il ginecologo si mette su di lei e fanno l'amore alla presenza del marito che non batte ciglio. Alla fine il dottore dice al marito: "Hai visto come si fa ad avere bambini? E questo si deve fare tutti i giorni!". Il marito, contento, risponde: "Ho capito dottore". I due ringraziano ed escono. Appena chiusa la porta dell'ambulatorio al marito sorge un dubbio, torna indietro, riapre la porta e chiede: "Scusi, dottore, ho dimenticato di chiederle. Viene lei a casa o veniamo noi in ambulatorio?".

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Un giorno Dio dice a Gesu’: "Gesu’, devi tornare sulla terra: gli uomini sono di nuovo da redimere". E Gesu’: "No padre ti prego, ancora 33 anni tra quei pazzi no, non voglio!". Ma alla fine Dio convince il figlio che ritorna sulla terra. Dopo 34 anni S. Pietro, preoccupato perche’ Gesu’ non e’ ancora tornato, si reca da Dio per avere notizie e questi: "Ma Pietro, non ti preoccupare, avrà avuto un contrattempo!". Dopo 50 anni S. Pietro sempre piu’ preoccupato ritorna da Dio: "Dio, ma com'e’ possibile, Gesu’ avrebbe dovuto essere tra di noi gia’ da 17 anni!" e Dio: "Pietro, non so cosa dirti, aspettiamo ancora un po'". Dopo 90 anni un tizio vestito di jeans con la barba lunga suona alla porta del Paradiso. San Pietro gli apre: "Chi sei, straniero?". "Come, Pietro, non mi riconosci?". E Pietro: "Gesu’, sei tornato! Eravamo in pensiero per te. Seguito. Il quarto giorno due centurioni romani osservano Gesù continuare il su e giù ed incuriositi chiedono: "Aho signo', ma che stà a fa quello?". E la Maddalena risponde sospirando: "Cosa volete farci, è la sua... passione!".

stelline voti: 13; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette » computer

Questa non è proprio una barzelletta, ma una di quelle storielle con la morale. Un disoccupato sta cercando lavoro come uomo delle pulizie alla Microsoft. L'addetto del personale gli fa fare un test (spazzare il pavimento), poi lo intervista, e alla fine gli dice: "Sei assunto, dammi il tuo indirizzo e-mail, così ti mando un modulo da riempire insieme a luogo e data in cui ti dovrai presentare per iniziare.". L'uomo, sbigottito, risponde di non avere né computer né tantomeno e-mail. Il tipo gli risponde che se non ha un indirizzo e-mail significa che virtualmente non esiste, e che quindi non possono dargli il lavoro. L'uomo esce, disperato, senza sapere cosa fare e con soli 10 $ in tasca. Decide allora di andare al supermercato e comprare una cassa di pomodori. Vendendoli porta a porta, in meno di due ore riesce a raddoppiare il capitale, e ripetendo l'operazione altre tre volte si ritrova con 150 $. Capisce a quel punto di poter sopravvivere in quel modo. Parte ogni mattina più presto da casa e rientra sempre più tardi, e ogni giorno raddoppia o triplica il capitale. In breve si compra un carretto, poi un camion, e in un batter d'occhio si ritrova con una piccola flotta di veicoli per le consegne. Nel giro di cinque anni è il proprietario di una delle più grandi catene di negozi alimentari degli Stati Uniti. Allora pensa al futuro e decide di stipulare una polizza sulla vita per lui e per la famiglia. Contatta un assicuratore, sceglie un piano previdenziale e, quando alla fine l'assicuratore gli chiede l'indirizzo e-mail per mandargli i dettagli, lui risponde di non avere né computer né e-mail. "Curioso:" osserva l'assicuratore "avete costruito un impero e non avete neppure la posta elettronica; immaginate cosa potreste essere adesso, se aveste avuto un computer!"; e lui, riflettendo: "L'uomo delle pulizie della Microsoft.". Morale n° 1: internet non risolve la vita. Morale n° 2: se vuoi essere assunto alla Microsoft, cerca di avere un'e-mail. Morale n° 3: anche se non hai un computer ma lavori sodo puoi diventare miliardario. Morale n° 4: se questa storia l'hai ricevuta via e-mail o l'hai letta su un sito internet, hai più probabilità di diventare un uomo delle pulizie che un miliardario.

stelline voti: 32; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: barzellette » scuola

La prof. sta spiegando storia,alla fine della spiegazione si ferma davanti alla classe e dice:E PENZATE RAGAZZI, QUESTO è SUCCESSO 2000 ANNI Fà!!!!!!!!!!!!!!!
Un ragazzino allora alza la mano e dice:MAMMA MIA PROF,CHE MEMORIA!!!!!!!!!!!!

lilli rll

segnalata da lilli rll sabato 16 febbraio 2008

stelline voti: 5; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette » pierino

Tu cosa hai visto?

Mentre la supplente fa l'appello le cadono x terra i fogli del registro. Tutti i ragazzi si gettano a raccoglierli e intanto ne approfittano x guardare le parti intime della maestra. Alla fine quest'ultima chiama un alunno a caso e gli fa:"Tu cosa hai visto?"e l'alunno fa:"un piede" e la mestra fa."Male, una settimana di sospensione!" poi chiede a un altro alunno cosa ha visto e l'alunno fa."Io ho visto mezza gamba" e la maestra fa:"Male un mese di sospensione!" poi chiede a Pierino:"e tu cosa hai visto?" e Pierino fa:"Signora maestra è meglio che ci si rivede l'anno prossimo!"

segnalata da isacco giovedì 9 febbraio 2012

stelline voti: 20; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: barzellette » scherzi

Mai arrivare in ritardo!

Il parroco di un piccolo paese festeggia il suo 25° anno di sacerdozio.

Inizia il suo discorso:
"Cari compaesani, è molto difficile per un parroco tenere un discorso. Ci sono diversi aneddoti che potrei raccontarvi, ma sapete anche voi che c'è il "segreto confessionale". Perciò cercherò di raccontarvi questo:
Quando sono arrivato nella vostra comunità, 25 anni fa,mi sono domandato:ma dove sono finito?
Già alla mia prima confessione arrivò un tizio che mi confessò di aver tradito la moglie con la cognata e di averle trasmesso una malattia sessuale che si era preso dalla sua segretaria.
Ma sì, alla fine in tutti questi anni ho capito che il vostro paese non è poi così malvagio e che questa era la sola eccezione ......"

Dopo circa 20 minuti arriva il Sindaco, si scusa per il ritardo, sale sul podio e inizia il suo discorso: "Mi ricordo benissimo quando arrivò il nostro parroco. Ho avuto l'onore di essere il primo che lui ha confessato....."

segnalata da Lavandanana mercoledì 18 giugno 2008

stelline voti: 14; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: barzellette

super barzellette

Super barzellette

la diarr
C'è un signore che va dal dottore e dice: “Dottore ho una diarrea che non mi passa”.
Il dottore gli risponde: “Ha provato con il limone?”
“Sì ma quando lo tolgo devo correre in bagno.” ea

barba scozzese
Perchè gli scozzesi d'inverno si fanno crescere la barba?
Perchè è il sistema più economico di riscalda...mento.

La pesca
Sapete qual'è il frutto che fa più paura ai pesci?
La pesca.

Torre di controllo
La torre di controllo chiede al pilota:”Ci comunichi la sua altezza e la sua posizione.”
IL pilota:”Ehm,sono alto 1,75 e sono seduto...

A scuola
La maestra dice:”Alla fine dell'anno vi lascerò un brutto ricordo!”.
Pierino dice:”Speriamo non la sua foto.”

Polifemo
Polifemo cattura Ulisse e la sua ciurma acchiappa il primo che capita e dice ad ogni componente della ciurma: “Ti mangerò come primo.” dando un ruolo a tutti i personaggi della ciurma sino ad arrivare ad Ulisse dicendo:”Come ti chiami?”Ulisse rispose:”Chiamami Peroni sarò la tua birra.”

Il bar
Un signore va in un bar e chiede:”Quanto costa un cornetto?”
“1 Euro”
“le briciole?”
“le briciole non costano niente!”
“allora mi sbricioli un cornetto.”

Tra polpi
Il polpo maschio dice al polpo femmina
“Ciao bella polpetta”

Un euro
Il maestro:”Pierino se tu Hai un euro e chiedi a tuo padre un altro euro alla fine quanti euro Hai?”.
Pierino:”Un euro.”
Il Maestro:”Tu non conosci l'aritmetica.”
Pierino:”no,signor maestro è lei che non conosce mio padre!”.

Chili o Metri?
Pierino va in drogheria e chiede un chilo di latte.
Il droghiere gli dice:”Il latte non si pesa si misura!”
Pierino risponde:”Allora me ne dia un metro”.

segnalata da ciao sabato 26 aprile 2008


1 2
avanti ►

 


Puoi eseguire la ricerca nel sito anche tramite Google:

Ricerca personalizzata


© 2000-2019 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

47 ms 02:46 20 072019 fbotz1