Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » segnalatori » carlo tracco

Tutte le frasi segnalate da Carlo Tracco

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z

Di seguito trovi tutte le frasi segnalate da Carlo Tracco. Potrebbero esserci più persone che si sono firmate con questo nome. Il confronto degli indirizzi e-mail, riportati tra parentesi se lasciati, può dare l'indicazione di eventuali casi di omonimia.

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette » colmi

Dracula

Sapete il colmo per Dracula..
Andare a iscriversi all'Avis

Carlo

segnalata da Carlo Tracco domenica 5 agosto 2018

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » destino

proemio

""
IL SONNO E' DEI VILI , IL SONNO E' UN ILLUSIONE!
iO SONO UN SOGNATORE E SCRIVO UNA CANZONE

Carlo Tracco - tratto da SOGNATORE

segnalata da Carlo Tracco sabato 13 maggio 2017

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

A Paolo Borsellino

A Borsellino

Mare insanguinato e sete di giustizia
Siculo era e due volte quell'anno mori la terra sua.
Tu, la scorta, la mamma che come fanciullo attendeva te piccolo indiano il
ritorno nella capanna.
Un boato gelò l'estate! Festa di cattivi e rabbia nei giusti visi.
A noi fanciulli che assistemmo ignari della morte il carosello non resta che il monito di fare un mondo bello!!

Carlo Tracco

segnalata da Carlo Tracco sabato 13 maggio 2017

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Femmine

Femmine...
Solo Femmine.
il sudore, una goccia di inchiostro d'una penna a china dopo il capoverso.
In quei capezzoli che sono sostantivo plurale maschile. Nel poker..e la sua tavola da gioco e la regina degli scacchi! nel fiocco rosa di un amore che ha dato frutto femmina, la polena della nave di Giasone la Pizia di Delfi e sempre loro..
Femmine.. ancora..nella fiasca del vino, la barca del pescatore e la sua rete.
E loro...nella tela dell' Orecchino di perla e la Gioconda di Leonardo
e la dama, cui è sconosciuto il sesso dell' ermellino.
Femmina e' questa nostra incasinata bella e di storia miti e poeti Italia, dentro l'Europa in cui ci hanno incubati.
Quelle che amiamo che ci hanno allattato, dato da mangiare, gioire...Vivere
Le mamme, comunque femmine.
Le torre di Pisa l'Alma Mater di Bologna,
le partite di calcio …vinte o perse; la mimosa
La cicatrice, come la croce nelle Chiese!
e loro, le nostre compagne, le lacrime, le ancelle o conquiste.
La Madre del buon Gesù
La statua della LIBERTA'!
Quell'arpa che il re Davide suonò al Signore nell' Hallelujah di tutte le canzoni.
E Delle Femmine è anche un isoletta....nel mar Palermo e femmina è anche la cosa che fa a tutti invidia e gola di noi Italiani; che e' la nostra pastasciutta., come una sigaretta dopo l'amore.
“”Tu sola dentro la stanza e tutto il mondo fuori“” Alba chiara Vasco Rossi.

segnalata da Carlo Tracco sabato 13 maggio 2017

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

La mia Venere

9/5/09 La mia Venere

“ Vedo le ciglia, il cipresso, laggiù a fondo nel mezzo della vallata, la siepe e il mio vero amplesso! Urla strilla il mare, canta già la cicala e al nord il maestrale...
Soffiamo dentro l'uno alla bocca dell'altro e ci agitiamo come una nave pirata, nel mare incontro gli scogli in burrasca.
Il capitano Achab... e la chimera Moby Dick e nel frangiflutti del nostro animale istinto..di pescecane marea salmastra.
Sudore, umore... amore...uomo.. donna … natura non velo d'alcuna opposta semantica dicotomia cultura... solo questo nella lampada che guarda col pagliaccio pupazzo noi nella stanza...archetipo del bambino innocenza nella taverna ubriaca dei nostri umori.
Di che e' fatta, la cieca istintiva natura istinto natural dell'uomo di riproduzione
Divinità arcaica a cui non c'è' una spiegazione.
Della prima mia volta congiunto alla femmina sua essenza questo e' il memento: Nel morire e vivere, nell'amore e odio di Catullo o Virgilio, Freud Jung o Platone.....siamo uomini tutti colpevoli d'amare peccato”.

Carlo Tracco

segnalata da Carlo Tracco sabato 13 maggio 2017

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

PProfilo di una dea

Alla musa dormiente

Ho visto più volte l'ombra della morte accanto me danzare, ho udito il gioco dei bambini e delle stelle accanto me fare..
Ho sentito I sogni lontano accompagnare.

Ora vedo in te, l'eco che la musa mi va a cantare: addormentata che era, viva che e' vispa femmina esemplare perfetto, razza UMANA e ferma nella retina dei miei occhi!
Ferma alla stazione dei suoi sogni o chiusa nei ricordi.. come appassisce via l'umana bellezza, un giorno le tue gote saranno ricoperte dai segni della vecchiaia..e il crine dalla canizie.

Ma tu o diva nel ricordo di questi versi sarai sempre per me viva...segnata dagli amori che ti hanno rapito da ciò che forse ti ha ferito...
Ma sempre di quella luce che poeti danno!!

Nota: questa poesia la scrissi nell’inverno del 2004; ero in treno e questa ragazza di cui raccolsi il biglietto ferroviario, se ne andava a Rimini e c’era scritto Hostess e ha dormito sulla mia spalla, dandomi l’ispirazione poetica.

Carlo Tracco

segnalata da Carlo Tracco sabato 13 maggio 2017

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

VIa dell'Eridano

12/5/2017
Via dell'Eridano
Via d'antichi viandanti con gerle e buffi etruschi andavano , con loro monili e " traffici" - gesta a camminare.
Giù' su cammini la Romea peccati e mille storie
di pellegrini che dalla montagna il crinale fin li! stavano una notte a dormicchiare..
Che resta ora di gente e di vite che più non si ricordano o <Posteri?? > 
Osterie, oriente invasore, danaro e macchine mangia soldi dominatore?
Non il pane Biscotto che si cuoceva
a fuoco lento in un camino, il buon gelato che un buon vecchietto dava via
a lire poche a un bambino... 
Basta guardar l'aiuola del centro per misurare il cambio del tempo.
come la batisuosola (1 ) che col suo breve vivere nel campo lume s'e' spento!
Not in my name o posteri ora vivido sia a voi del corso del tempo il mio ammonimento!

1: Batisuosola Lucciola nella volgata dialettale di Rovigo

Carlo Tracco

segnalata da Carlo Tracco sabato 13 maggio 2017

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

La via dell' Eridano

12/5/2017
My town
Via d'antichi viandanti con gerle e buffi etruschi andavano , con loro monili e " traffici" - gesta a camminare.
Giù' su cammini la Romea peccati e mille storie
di pellegrini che dalla montagna il crinale fin li! stavano una notte a dormicchiare..
Che resta ora di gente e di vite che più non si ricordano o <Posteri?? > 
Osterie, oriente invasore, danaro e macchine mangia soldi dominatore?
Non il pane Biscotto che si cuoceva
a fuoco lento in un camino, il buon gelato che un buon vecchietto dava via
a lire poche a un bambino... 
Basta guardar l'aiuola del centro per misurare il cambio del tempo.
come la batisuosola (1 ) che col suo breve vivere nel campo lume s'e' spento!
Not in my name o posteri ora vivido sia a voi del corso del tempo il mio ammonimento!

1: Batisuosola Lucciola nella volgata dialettale di Rovigo

segnalata da Carlo Tracco sabato 13 maggio 2017

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Muto

Muto; il silenzio triste della mia stanza, la cetra spenta nella mia anima; muta è la parola che non ti so dire, ma che urla la mia anima nel profondo degli occhi.

Giace muta la speme del fanciullo che fu un tempo, barbariche sono le grida che ho dentro; le lettere che non ho più, i ricordi portati via dal tempo.
Muta come la cornamusa di uno scozzese nelle Highlands.

Fervente e triste è il rintocco della campana di mezzogiorno, quando guardi il vuoto che c’è attorno.
...E non v’è nient’altro che il tempo oltre il muto.

segnalata da Carlo Tracco sabato 13 maggio 2017

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Lara Larina Laretta

MUSE

Visioni di Lara

Larina Lara Leretta Mia Lo di un Humbert* tuo coetaneo
mia prima musa sirenetta

Febbraio 1999

Scarabocchio di lei

Neve candida e soffice s'abbatteva sui tetti a fiocchi.
Nel grigiore d''una stanza brillano nel libro di Catullo odi e i tuoi occhi.
In una macchia di caffellatte' nella pagina di Storia.
vive lei e sua bellezza.. intoccata da macchie di alcuna cosa imperfetta.
Chissà se nel lume d'uno studiolo forse a cosa pensare....in quella fatica che comune e' dovere dell'uomo; qualcuno da amare!!
Lara..
come son ora stanco e doman non vedo l'ora la campana suonare scuola ricreazione per darti uno sguardo.

Settembre 1999

Allodole solitarie albeggiavano con il migrar delle rondini prime nei sui occhi..dei quaderni affamati nell'amore, di cui sembrava la regina con le vestali sue compagne, a farle come ancelle nel trono della sua beltà cortigiane, sovrana d'amore e simulacro della bellezza. Madonna ritratta da Ghirlandaio il suo grembo casto era e la sua aria di piccola donna.
Uscendo di casa era lei l'alba sulle sue ciocche tinte castagno.
Sognatore mi colse su un fiocco di neve nell'inverno dallo studio in fallo.
E Catullo e Saffo mi parlarono di lei e delle poesie gli dei...
La rima Invicta Fire e il fuoco di amare dentro, mentre da bambina cambiava; come Dafne a pianta mutava - rea dell'amor di Apollo e lei a donna nel silente suo microcosmo cambiava, mia Lolita.

* Humbert protagonista del romanzo Lolita di Vladimir Nabokov ( San Pietroburgo 1899- Montreux 1977)

La nave

Siamo lì sulla stessa nave l'orizzonte, solcano gabbiani e pirati galeoni l'orizzonte nei tuoi occhi.
Odo lo stormire dei migratori di ritorno dall' istmo di Panama e quell'avventura in cui l'uomo giovane si tuffava..
Di tutto questo s'annaspa la psiche tra Ulisse e Alceo e sovvenire me dei tuoi giovani occhi ..
Chissà se anche tu li ricordi??

Cri Cri Cri

Settembre, Cri Cri Cri
faceva il passero col flauto di Pan assieme alle
prime rondini migrando.
Rideva lei, fuggendo in sella
alla bicicletta.
Oh che visione..
di castità e intatta purezza.
Il libro e le odi di Alceo e Catullo
sapevan la sua parvenza.

Poi; me ti presentarono.
Novembre alla sortita in ricreazione
sordina lei camminava con di sottofondo satiri
che facean nel core canzone;
poca a questo virgulto data fu L’attenzione..
“Lara mi chiamo”!
Oh, Zivago me venne in mente
e ci lasciammo senza un nulla; tristemente.
Sbirciarti sempre me fu un diletto nel mattino d’ora tarda.
Amore mio come son svaniti quei passeggeri momenti assieme alle nostre giovinezze.
Chissà la vita di quel passero quanto fugace fu..

Carlo Tracco

segnalata da Carlo Tracco sabato 13 maggio 2017

◄ indietro
1 2


© 2000-2020 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

31 ms 11:41 05 072020 fbotz1