Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » autori » ares mann

Tutte le frasi dell'autore Ares Mann

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 19; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi

Il loppide ebbro dell'affetto del padrone, di nient'altro necessita.

Ares Mann

segnalata da Timeo giovedì 7 marzo 2013

stelline voti: 40; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: poesie

Lo era

Mi pùngola febbrile il giorno lieto,
non ho voluto mai passioni ardenti,
l'acredine il deliquio mi procura,
ebbrezza, crudeltà, stridor di denti.

Ares Mann

segnalata da Titti martedì 4 gennaio 2011

stelline voti: 35; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Alla tua dimora

dimensioni oniriche s'intersecano nei rapporti contrastati,sentimenti destinati a finire,errabondo e solitario è il mio essere,ma nel ritorno alla tua
dimora,pallida reminiscenza e fervido il cuore

Ares Mann

segnalata da Scipione il Turco martedì 21 dicembre 2010

stelline voti: 35; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

sarcastiche ombre

ho ripetuto tante volte "non esisti" per bandirti dalla mia mente,
ho camminato nelle notti al buio per reprimere il mio sentimento avaro,
ho strappato fili d'erba nella speranza di farmi male e tu che un'ombra emuli nelle notti di pioggia,boriosa,gongolante,incessantemente a me t'appropinqui,avvincendomi col tuo
sarcastico dire: "era la primavera,e ivi mi condusse".

Ares Mann

segnalata da Scipione il Turco martedì 21 dicembre 2010

stelline voti: 36; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

del notturno cogitar

astri cadenti non temono i soprusi,vite derelitte non taccian d'eresia,sogni conturbanti si elevano da stasi,vento,fuliggine,morte ed utopia.

Ares Mann - tratto da Decadente

segnalata da Gnappetta martedì 21 dicembre 2010

stelline voti: 33; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

l'ultimo respiro

oscura e cruenta morte trovai scandagliando il fiume in cerca del bandolo della matassa. il mio giorno era lungo, la mia notte fredda e isterica, il mio collo attanagliato dalla mortale stretta dell'anaconda, che alito di vita non lascia, mi rese conscio che di sacello non abbisognavo. mi rassegnai e chiudendo gli occhi esalai l'ultimo respiro

Ares Mann - tratto da desto

segnalata da janaka martedì 21 dicembre 2010



© 2000-2023 Frasi.net
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

47 ms 07:27 08 022023 fbotz1