Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » autori » giovanni giudici

Tutte le frasi dell'autore Giovanni Giudici

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 18; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Poesie

La Bovary c'est moi


Cependant le berceau remue, et il ondule tout
seul... Elle est saisie, et entend une petite
voix tre's douce, si basse, qu'elle la croirait
en elle: "Ma che're et tre's che're maitresse, si
j'aime à bercer votre enfant, c'est que je
suis moi-meme enfant"... De's ce jour elle n'est
plus seule...
J. Michelet, La sorcie're

Dice: ti cullo il bambino perché
anch'io sono un bambino - ma è assurdo.
Non può avere la voce uno che non è qui
ne' braccia ne' potrei volendo cullarlo a mia volta.
Pure il bambino vero tace se resto in ascolto
della sua finta voce nella mia finta pace.
Pure gli posso far dire ogni parola che voglio:
mio amore quanto errore e dolore ci divide
quanto futuro senza futuro si spalanca.
Vuole mettere ordine vuole che mi riposi.

Gli posso far pensare ogni pensiero che voglio:
lei pensa che io penso - mi pensera'.
Pensami nella mia camera
ingombra del mio niente.
Pensami nel mio niente carico di tutto.
Di me diranno che ho visioni che sono magra.
Di me diranno abbia cura della salute.
Ma tace il bambino vero se resto in ascolto.
Tace se resto in ascolto il tic-tac dell'orologio.
Mi ha detto non avere paura
non è quello il tempo vero
non guardare
non toccare
le vene sulle tue mani.

Giovanni Giudici



© 2000-2022 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

16 ms 16:36 17 012022 fbotz1