Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » autori » vincenzo riso

Tutte le frasi dell'autore Vincenzo Riso

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 7; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Isola delle Femmine

Io ti dipingerei se fossi un pittore,
il cielo azzurro e la schiuma del mare,
tante barchette con i pescatori
i gabbiani tuffandosi nel mare.

Dipingerei di giorno e di notte,
i giocatori giocando a carte,
lo stesso farei con i monti ed i castelli
con tanto amore ,per essere belli.

Per me sarebbe un giorno divino
se l'Isolotto dipingessi per primo.

Vincenzo Riso - tratto da poesie di un vicchiareddu piscaturi isolano

segnalata da rossys lunedì 23 ottobre 2006

stelline voti: 9; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

La spiaggia Isolana

Nel mio paese ci sta un castello
una montagna a cresta di gallo
se lo vedessi diresti "che bello"
Ci sono i scogli a forma di cavallo.

Lungo la costa,nella Marina
c'e una pietra a forma di campana
nella spiaggia bianca e' la rina
quella e' la costa della Saverana

Isola bella baciata dal sole
la tua bellezza 'e la riva del mare,
dolce la frutta con vero sapore
bella la notte sotto le lampare.

Vincenzo Riso - tratto da poesie di un vicchiareddu piscaturi isolano

segnalata da rossys lunedì 23 ottobre 2006

stelline voti: 6; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

storia isolana(dialetto)

Sintiti chi succeri 'no paisi
genti senza soldi vonnu fatti i casi
ma c'e na storia veramente strana
di una famiglia Palermitana

Ora vi cuntu chiddu ca' passatu
'nno Municipiu ci vonnu rari aiutu
ma le donne orgogliose e prepotenti
si piglianu i soldi e vonnu l'appartamenti.

Arriva una rulotta di matina,erano i deci
e tocca la campana,a vuci forti
grida 'na signurina:datimi la casa,
e 'no ' Municipiu acchiana.

le donne unite e prepotenti
peggiu di li feri sconosciuti
'na li manu purtavanu li cati
chini di benzina e di rifiuti.

Guerra,gridava nna bedda signurina,
ina satannu peggiu di 'na giurana
'na' tutti i stanzi ittava benzina
pi ' fari nesciri tutti di la tana.

Cirina nna li manu aveva sta' picciotta
miagolava peggiu di na gatta
con un giovanotto facevano la lotta
e iddu grirava "asciuta ..asciuta"
ma tu si¡ matta?

Le donne vigliacche e crudeli
a stu picciotto vonnu ammazzari
iddi griravanu di ka' ti nna' ghiri
pi' curpa tua nn li pottimu abbruciari.

Dopo nu pocu arrivanu i pompieri
questo e' un intento,si puo' confermare
Un maresciallo e li carabineri
hanno arrestato a sti incendiari
e tutta la ciurma si purtarunu via..
Ringraziando Gesu',Giuseppe e Maria.

Vincenzo Riso - tratto da poesie di un vicchiareddu piscaturi isolano

segnalata da rossys lunedì 23 ottobre 2006

stelline voti: 19; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

a tutti i bambini del mondo

Se sei anziano ed adori i bambini
adora di piu' i tuoi nipotini,
a me danno affetto ed amore
e rendo grazie al mio Signore

Oh! Dio del cielo! i figli son belli
ma i nipotini son come le stelle
tutte le notti ti fanno sognare
nelle tue braccia li vuoi cullare

Sono angioletti come fiammelle
ce ne sono di brutti,ce ne sono di belli,
amali tutti con grande amore
e non importa il loro colore

tutti i bambini del mondo intero
hanno un sorriso dolce e sincero,
sembrano rose e diamanti
vogliamoli bene a tuti quanti.

Vola colomba ,brilla una stella,
la tua piccina e' sempre piu' bella

Vincenzo Riso - tratto da poesie di un vicchiareddu piscaturi isolano

segnalata da rossys domenica 2 aprile 2006

stelline voti: 12; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Rapina 1993

Nove di Gennaio,a li cincu di Matina
mi telefonaru ca mi ficiru n'a rapina,
yo yava currennu comu un sisperatu
e murmurava ..mi hannu rovinatu.

Sti pezzi di vigliacchi ed assassini
ca sunnu maliritti puru di parrini
senza cori e senza ciriveddi
ca vannu cunsumannu i puvireddi.

Ma chi vuliti di sti putiara
ca nun sapemu chiu' unn'amu a ghiri
li cammiali un si ponnu kiu' pagari
ti dicu a virita',e nun mi criri.

La curpa ci la dugnu ai Guvernanti
ca sunnu amici di sti delinquenti
n'hannu ngannatu si!a tutti quanti
si ci dumanni tutti su nnuccenti..

Un c'e na sira e mancu c'e matina
ca nni purtaru a tutti a la ruvina..

Vincenzo Riso - tratto da Poesie di un vicchiareddu piscaturi isolano

segnalata da rossys mercoledì 22 febbraio 2006

stelline voti: 16; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Il Mistero del numero 3

TRE i Re Magi,e ci danno un segnale
TRE Caravelle attraversano il mare
ci sono tanti TRE,con gandi misteri
anche c'e un TRE nelle bandiere

Pure nel cielo ci sono TRE stelle
che tutte le notti fan di sentinelle
ma c'e ne' TRE con nomi fatali
Marconi,Fermi e Colombo sul mare
nelle sue labbra e' diverso il sorriso
c'e anche l'inferno ,il purgatororio ,il paradiso

Ma ce n'e son TRE ancora piu belle
il Sole,la Luna,le Stelle
un altro TRE ci fa ripensare
il cielo la terra e anche il mare
TRE le parole che furon negate
TRE sulla croce i condannati
TRE i soldati di sentinella
dopo la morte trema la terra.

Risuscitava Iddio dell'amore
dopo TRE giorni ,ma ferito nel Cuore
a poco a poco si alzava pian piano
con un TRE nella sua mano

Vincenzo Riso - tratto da Poesie di un vicchiareddu piscaturi Isolano

segnalata da rossys lunedì 20 febbraio 2006

stelline voti: 13; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

il mio paese

Nel mio paese,piccolino e bello
si vede una montagna a testa di gallo
un isolotto e nel centro un castello
ai fianchi Capaci e Sferracavallo..

L'amavo tanto quando gli ero vicino
ma ancor di piu' ora che sto lontano
Oh! Dio del Cielo eterno e Divino
benedici la mia terra con la tua mano.

Questo e' un paese di sogni e d'amore
beati coloro che lo sanno amare.
E' stata la terra dei mie genitori
terra,che non so scordare

Vincenzo Riso - tratto da Poesie di un vicchiareddu piscaturi Isolano

segnalata da rossys lunedì 20 febbraio 2006



© 2000-2021 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

31 ms 16:21 19 102021 fbotz1