Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » community » forum » libero » superquark

SuperQuark

elenco forum | discussioni | post | cerca | partecipanti | proponi discussione

701 visite

Sono presenti 17 post.

messaggi per pagina
nessunostellina stellina stellina stellina stellina stellina EvilEky martedì 24 giugno 2008 01:111/17
Qualcuno di voi ha visto SuperQuark questa sera?! Vi era uno speciale di attualità riguardo il calo delle nascite e il preannunciarsi di un crollo demografico che intaccherà sull'economia dello Stato.
E' stato molto interessante, avevo già parlato della cosa in classe due anni fa con una nostra prof. patita di Piero Angela, ma è stato comunque affascinante come argomento.
Mi piacerebbe discuterne, anche con chi non ha visto il programma ma vorrebbe dire qualcosa a riguardo.

ByeBye (ora vado a letto che è tardi )

nessunoJohnritz martedì 24 giugno 2008 02:132/17
Ho visto qualcosa, sono molto diffidente verso quanto è stato proposto.
Non si sono affrontati i problemi, ci si è girato intorno sapientemente, per non disturbare in alcun modo i demiurghi impegnati a fare dell'Europa e dell'Italia in modo particolare, un esperimento folle, una seconda Torre di Babele.
E' stupefacente come la grandissima parte di politici e dei loro replicanti giornalisti, spingano a proseguire tale assurdo esperimento, e nel contempo mostrino continuamente preoccupazione.
Se davvero vedono tante problematiche basta che smettano di favorire le invasioni, abbassino il costo della vita per i cittadini, e la ripresa dei consumi interni genererà come sempre e dappertutto sia la ripresa economica che l'aumento della natalità.
I rimedi sono facilissimi, sono già stati presi in passato con successo, se non si fa niente tranne raccontare la favola che si "è preoccupati" vuole dire le cose a loro gli vanno più che bene così.
Per me una trasmissione "placebo", se non proprio disinformazione di Stato.
Roba politica insomma, a copertura del fancazzismo di lotta e di governo.
nessunostellina stellina stellina stellina stellina stellina DottCacchiuc martedì 24 giugno 2008 08:293/17
Roba politica insomma, a copertura del fancazzismo di lotta e di governo.
..assolutamente d'accordo..
nessunostellina stellina stellina stellina stellina stellina EvilEky martedì 24 giugno 2008 14:524/17
Aristotele disse che ogni stato necessita di un proprio governo, e che copiare un'altro tipo di politica (come proporrà in seguito Machiavelli) è sostanzialmente inutile: ma in fondo la Francia è molto vicino a noi per cultura, area geografica, situazione, perchè non possiamo imitarli in alcuni aneddoti politici?! Probabilmente siamo più poveri, ma si potrebbero proporzionare le innovazioni economiche e politiche francesi a misura italiana, non capisco perchè non si cerca di seguire un esempio come questo!
Perchè non si investe di più nella ricerca invece che in altri settori?! Perchè non si cercano di finanziare i sussidi per le famiglie e le cure?! Non esistono più gli economisti in Italia?!
nessunoJohnritz martedì 24 giugno 2008 19:485/17
Evi hai centrato il problema.
Una trasmissione che si occupa del calo demografico e delle trasformazioni che potrebbero (!?) avvenire sostituendo ai figli di italiani i figli di altri Stati, che vengono dai quattro cantoni del mondo, non ha senso se non si parla delle cause.
Si prendono i timori giustificatissimi della gente e li si ripropongono pari pari alla gente, senza dare soluzioni e senza sbilanciarsi sulle cause.
Questa è una operazione indegna.
Vuole dire che il Palazzo conosce i turbamenti del suo popolo e gli mette davanti uno specchio, se ne lava le mani, non offre soluzioni, fantastica su quello che è il futuribile, come se non ci fossero dei governati responsabili, e tutto avvenisse per volontà divina.

Noi italiani non abbiamo bisogno di copiare i francesi, noi dobbiamo ricordarci che fu fatto un sforzo lungo e sanguinoso per cucire le varie parti di una Penisola con il Risorgimento.
Dobbiamo avere le corrette informazioni sul periodo fascista, che è la storia dei nostri padri e nostri nonni.
E dobbiamo continuare a fare l'Italia e gli italiani invece di ritornare allo spezzatino del 1800.

Gli economisti che cosa sono in fondo? Sono degli intellettuali suis generis, dei commentatori di fatti altrui, incapaci di compiere un solo passo politico autonomo.

Non è l'immigrazione che ci porta alla crisi delle nascite e della nostra identità, è il contrario, è la nostra crisi morale e di identità che alimenta l'immigrazione e che ci sta trasformando in una "cosa" fuori controllo.

Secondo me.
nessunostellina stellina stellina stellina stellina stellina EvilEky giovedì 26 giugno 2008 01:166/17
Se ciò che è stato esposto nel programma è un problema, che porta ad ulteriori problemi probabilmente richiede tempo per trovarvi una soluzione.. come può un programma dare delel soluzioni?! Rischierebbe di dare soluzioni che vanno contro l'indirizzo di governo o che si coalizzano col governo, non possono essere di parte (anche se in certi programmi la tendenza è palese..)!
nessunoJohnritz giovedì 26 giugno 2008 01:587/17
Siamo d'accordo. E infatti la trasmissione di Quark:

"Vuole dire che il Palazzo conosce i turbamenti del suo popolo e gli mette davanti uno specchio, se ne lava le mani, non offre soluzioni, fantastica su quello che è il futuribile, come se non ci fossero dei governanti responsabili, e tutto avvenisse per volontà divina."

Quella era una trasmissione, poi c'è pure chi interviene alle assise del sindacato, oppure alle assemblee confindustrali, c'è chi dirige giornali e fa elzeviri, c'è un sacco di gente molto brava e preparata che tratta di quelle questioni.
E tutti accarezzano il popolo secondo la demoscopea, e mostrano di essere consapevoli dei problemi che affliggono il popolo.

E andiamo avanti così, con tanta gente in gamba che va a ricoprire posti di responsabilità, la responsabilità di individuare altri responsabili, diversi da loro, a cui dare le colpe e vivere felicemente alle spalle del popolo. Ben conoscendone i problemi, come testimonia Quark, e lasciandoli lì, così come stanno, senza toccare nulla, che i responsabili sono sempre altri.

Tutta comunicazione, insomma, e nessuna compiuta informazione. Fin che la barca va...

Torno indietro un attimo.
Avevi suggerito di osservare la politica della Francia di Sarkozy, che sta lavorando per contrastare l'immigrazione e l'enorme disagio interno dovuto alle generazioni successive, che sono nate in Francia e francesi a quasi tutti gli effetti, tranne quello di sentirsi francesi. Inoltre sta aiutando i redditi delle famiglie (e Tremonti ha copiato da lui lo sgravio degli straordinari!), e sta riducendo l'impazzimento della "finanza creativa" delle Banche assassine.
Allora guardiamo alla Spagna di Zapatero, che pure contrasta l'immigrazione anche con strumenti come i satelliti, oltre al filo spinato e alle fucilate. E come Sarkozy ora sta provvedendo a risolvere la crisi edilizia l'aumento dei costi alimentari, ecc.

Due Stati europei nostri cugini...un governo di destra e uno di sinistra...

Lo possiamo dire in una trasmissione televisiva tanto quotata? Questa sarebbe una informazione minimale per il popolo, e non furba comunicazione del Palazzo per tenere ignorante il popolo.
games > pacman ghostcorona Miki [Amministratore] giovedì 26 giugno 2008 02:138/17
Il 24/06 01:11 EvilEky ha scritto:
Vi era uno speciale di attualità riguardo il calo delle nascite e il preannunciarsi di un crollo demografico che intaccherà sull'economia dello Stato.
non ho seguito il programma, ma da come mi dici io non condivido assolutamente

il tasso di natalità a livello mondiale è fin troppo sostenuto

i cosiddetti paesi del BRIC (brasile, russia, india, cina),
rappresentano la metà della popolazione mondiale e hanno una economia che da anni continua a crescere vertiginosamente (10-15% all'anno)

questo vuol dire che fra qualche decennio raggiungeranno i nostri tenori economici
e quindi miliardi di persone consumeranno tanto petrolio, rame, e tutte le materie prime quanto noi
con tutte le problematiche ambientali, e non solo, del caso, e ancor di più se la popolazione continua a crescere

il caro prezzi delle materie prime è dovuto proprio a questo

per avere una idea di quanto numerosi siamo diventati basta pensare
che attualmente stanno vivendo su questo pianeta più persone di quante ne siano vissute (e poi morte) dai tempi di giulio cesare sino ad oggi
cioè siamo più numerosi dei nostri bisnonni, trisnonni, e di tanti altri antenati messi assieme

incentivare la natalità italiana, che non capisco perché dovrebbe favorire l'economia italiana, per me (e non solo) aggraverebbe un problema ben più grande a livello mondiale
nessunostellina stellina stellina stellina stellina stellina DottCacchiuc giovedì 26 giugno 2008 08:569/17
Perchè non si investe di più nella ricerca invece che in altri settori?! Perchè non si cercano di finanziare i sussidi per le famiglie e le cure?! Non esistono più gli economisti in Italia?!
No, esistono solo quelli (politici e sindacalisti, portaborse e truffatori autorizzati o meno) che si fanno i cavoli loro e basta!!
nessunostellina stellina stellina stellina stellina PulcinaRosa giovedì 26 giugno 2008 13:1610/17
Gli economisti sono economisti per se stessi, ovvero sanno come far andare bene l'economia ma del proprio portafoglio.
nessunostellina stellina stellina stellina stellina stellina EvilEky sabato 28 giugno 2008 15:4211/17
Grazie per le insormazioni Johnritz, sinceramente non sapevo che in Francia e in Spagna stessero contrastando l'immigrazione (io sono favorevole ad equilibrarla, e spero che facciano così, ma sono contraria al sopprimerla), e non conoscevo le tendenze politiche dei due stati.. thanks..

Quante cose nuove si imparano ogni giorno..

Il 26/06 02:13 Miki ha scritto:
il tasso di natalità a livello mondiale è fin troppo sostenuto
Il programma considerava lo stato Italiano, e consigliava un incremento della popolazione attiva poichè con il miglioramento della vita, e l'innalzamento del tasso di benessere è aumentata la popolazione passiva, overo gli anziani che, pensionati, non lavorano più, ma richiedono denaro.
In breve, il programma faceva notare che mancano i giovani in Italia, e che molti di questi se ne vanno, per le migliori offerte di lavoro, all'estero..
cartoons > hagar the horriblestellina stellina stellina roadwolf sabato 28 giugno 2008 18:2012/17
Il 26/06 01:58 Johnritz ha scritto:
"Vuole dire che il Palazzo conosce i turbamenti del suo popolo e gli mette davanti uno specchio, se ne lava le mani, non offre soluzioni, fantastica su quello che è il futuribile, come se non ci fossero dei governanti responsabili, e tutto avvenisse per volontà divina.". . . . Tutta comunicazione, Fin che la barca va... .... per tenere ignorante il popolo.
la politica dell'integrazione: un tempo qualcuno l'avrebbe chiamata con il proprio nome e cioè pulizia etnica.

Serve per creare un nuovo popolo, senza radici, che abbia come unico comun denominatore la sola appartenenza ad uno stato politico.

In passato (e presente) è diffusamente attuata, dall'impero romano agli USA, URSS, cina popolare e tanti altri.

Solo che non funziona: forma una massa eterogenea che non sente nel proprio inconscio alcuna identità comune e finisce per autoestinguersi, come sta succedendo...
games > pacman ghostcorona Miki [Amministratore] lunedì 30 giugno 2008 05:1013/17
Il 28/06 15:42 EvilEky ha scritto:
Il 26/06 02:13 Miki ha scritto:
il tasso di natalità a livello mondiale è fin troppo sostenuto

Il programma considerava lo stato Italiano
per me è un tema che va affrontato con una visione globale altrimenti i problemi li sposti aggravandoli, senza eliminarli
siamo in europa, e cittadini di un mondo dove le barriere nazionali e culturali sempre più diminuiranno

Il 28/06 15:42 EvilEky ha scritto:
e consigliava un incremento della popolazione attiva poichè con il miglioramento della vita, e l'innalzamento del tasso di benessere è aumentata la popolazione passiva, overo gli anziani che, pensionati, non lavorano più, ma richiedono denaro.
nella popolazione passiva sono compresi anche i bambini e gli studenti,
e ci vogliono parecchi anni prima che un neonato diventi parte della popolazione attiva,
quindi se incrementi la natalità per i prossimi 20 anni ti trovi ancor più popolazione passiva, ma a parte questo ...

è vero che nei prossimi anni avremo sempre più pensionati e meno gente che pagherà le pensioni, ma il problema non risiede nella stagnazione della natalità
bensì nel fatto che i nostri genitori, o nonni a seconda dell'età,
vanno in pensione o ci sono già andati con il sistema retributivo, e noi andremo con quello contributivo

in pratica hanno pagato pochi contributi pensionistici nel corso della loro vita, e si trovano una pensione ben più alta

noi (la popolazione attiva attuale e futura) paghiamo la nostra futura misera pensione,
e in più contribuiamo a pagare la loro attuale, però nessun altro contribuirà a pagare la nostra

quindi il discorso giusto da fare sarebbe,
per me, che il sistema contributivo andrebbe esteso (magari gradualmente e solo in parte) pure a quelli che sono già in pensione o che ci andranno entro breve

la legge deve essere uguale per tutti
invece ci troviamo con leggi, prima fra tutte la riforma dini delle pensioni,
che favoriscono gli anziani a discapito dei giovani
e nessuno ne parla perché, guarda l'età di berlusconi, prodi, piero angela,
e di tutta la classe dirigente italiana, la più vecchia del mondo

poi i giovani si disinteressano, e non sono tanti, quindi la frittata e fatta

comunque l'immigrazione di lavoratori dall'estero
aumenta il numero di persone che paga la pensione agli attuali pensionati

Il 28/06 15:42 EvilEky ha scritto:
il programma faceva notare che mancano i giovani in Italia, e che molti di questi se ne vanno, per le migliori offerte di lavoro, all'estero..
se un dottorando di ricerca guadagna in media 800 euro al mese,
molto meno di uno spazzino, per forza va all'estero,
in paesi come gli stati uniti dove c'è meritocrazia
e guadagnano 5 volte tanto

paradossalmente, se incrementi la natalità, incrementi coloro che stanno a studiare 20/30 anni qui in italia, a spese dello stato italiano, ma poi emigrano all'estero, e quindi pagheranno le tasse a stati esteri
cartoons > hagar the horriblestellina stellina stellina roadwolf lunedì 30 giugno 2008 18:4314/17
quello previdenziale è un calderone da cui tutti i governi hanno attinto impunemente dall'unità d'italia ad oggi.
se si guarda solamente alle classi sociali d'età che si "sbranano" tra di loro per stabilire chi dovrà pagare le pensioni future, non si va alla causa del problema ed alla sua soluzione nè teorica nè pratica.
ogniqualvolta un impresa di stato è andata in rosso (tutte?) da dove sono stati presi i fondi per cassa integrazioni e sovvenzioni (stra)ordinarie?

e c'è una linea comune neanche tanto occulta: tutti i politici lo fanno pensando che "tanto sono i soldi degli altri"

che tanto pagherà pantalone più avanti.

E questo la dice lunga su quanto siano un'utopia rispetto ed integrazione sociale qui in Italia (immaginarsi poi con gli stranieri).

Tornando all'argomento iniziale, vabbè, la scarsa natalità la si vuole derivante dalla precaria condizione socioeconomica giovanile. Ma 100 ed oltre anni fa si stava molto peggio ed allora perchè esistevano famiglie da 5-10 figli se non oltre?
nessunostellina stellina stellina stellina stellina stellina EvilEky mercoledì 9 luglio 2008 20:3815/17
Il 30/06 05:10 Miki ha scritto:
... è vero che nei quindi la frittata e fatta
Ho messo l'inizio e la fine del discorso che volevo quotare perchè era troppo lungo: questa parte dell'intervento è illuminante, grazie dell'informazione, interessante, erano cose che non sapevo..

Concordo..

Il 30/06 05:10 Miki ha scritto:
se un dottorando di ricerca guadagna in media 800 euro al mese, molto meno di uno spazzino, per forza va all'estero, in paesi come gli stati uniti dove c'è meritocrazia e guadagnano 5 volte tanto paradossalmente, se incrementi la natalità, incrementi coloro che stanno a studiare 20/30 anni qui in italia, a spese dello stato italiano, ma poi emigrano all'estero, e quindi pagheranno le tasse a stati esteri
Purtroppo è così.. ma gli anziani non si possono eliminare..
cartoons > hagar the horriblestellina stellina stellina roadwolf venerdì 11 luglio 2008 22:5016/17
in italia la meritocrazia c'è, ma solo in una forma molto particolare e lottizzata....

l'automeritocrazia dei politici.
nessunostellina stellina stellina stellina stellina stellina EvilEky lunedì 14 luglio 2008 12:0217/17
..hai ragione..putroppo è così..
INFO
18/10/2017: I forum di discussione sono da oggi disponibili solo in lettura. Ringraziamo gli utenti che vi hanno partecipato per tanti anni.


© 2000-2021 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

31 ms 19:42 12 062021 fbotz1