Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » cerca » bambina

Cerca bambina nelle barzellette

archivio frasi | autori | classifiche | commenti | cerca | scrivi frasi

Sono presenti 546 barzellette. Pagina 5 di 28: dalla 81a posizione alla 100a.

Criteri di ricerca



 
categoriabarzellette












 
qualsiasi
 
qualsiasi
 
giornoqualsiasi































 
mesequalsiasi












 
annoqualsiasi























stelline voti: 18; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Barzellette » differenze

La differenza tra un uomo e un bambino sta nel prezzo dei loro giocattoli

stelline voti: 18; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette » pierino

Ragazza da alla luce un bambino: l'Enel ringrazia

stelline voti: 14; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette » uomini e donne

Gara di tiro con l'arco. Il primo candidato prende un bambino, lo mette a 100 metri con una mela in testa e scocca la fraccia. La mela si spacca in due ed il candidato: "i am... Guglielmo Tell". Il secondo candidato prende un bambino, lo mette a 200 metri con una mela in testa e scocca la fraccia. La mela si spacca in due ed il candidato: "i am... Robin Hood". Il terzo candidato prende un bambino, lo mette a 300 metri con una mela in testa e scocca la fraccia. Il bambino viene colpito ed il candidato: "i am... sorry"

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Un tale entra dal barbiere tenendo un bambino per mano.Si fa tagliare i capelli, poi si fa radere e quando il barbiere ha finito gli dice: "Bene, ora devo andare a fare una commissione nel negozio qua vicino. Le dispiace nel frattempo dare una regolata ai capelli del bambino?" Il barbiere taglia i capelli del bambino e poi aspetta che torni il signore.Pero', un'ora dopo, non è ancora tornato e rivolto al piccino gli domanda: "Beh, ci mette molto il tuo papà a tornare, eh?... "Ma guardi che quello non è mio padre"-esclama il bambino-"E' un uomo che mi ha fermato per strada e mi ha chiesto se volevo farmi tagliare i capelli gratis..."

stelline voti: 13; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette » religione » preti e suore

Un pastore luterano visita un povero villaggio afghano. Mentre passa in rassegna i bimbi mutilati che popolano la mensa voluta dalla chiesa locale, fa alcune domande: "Cari bambini, vi piacciono i giocattoli?" Tutti i bambini, saltellando sulle stampelle, annuiscono e sorridono felici. Il pastore, controllando il sacco con i regali, si rende conto di aver fatto qualche errore nelle ordinazioni. Ma per non deludere i bambini decide di fare loro comunque un dono. "Uhm, bambini miei… i trenini e le bambole sono finiti…ma vi ho mai parlato della mia fantastica collezione di granatieri prussiani e di genieri fissatori di mine?"

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Un bambino extra comunitario dopo una settimana di viaggio su un gommone per arrivare in italia senza mangiare e affamato sbarca su una spiaggia in puglia e sulla spiaggia incontra un bagnino che con un gran gusto mangia un mega panino imbottito di ogni ben di dio e comincia a fissarlo, il bagnino lo nota e si rivolge a lui: bambino hai mangiato. No risponde il bambino con gli occhi illuminati e l'acqualina in bocca. Allora puoi fare il bagno, risponde il bagnino

stelline voti: 6; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Un uomo ed un bambino stanno prenzando in una trattoria, non fanno economia: antipasto, primo, secondo, contorno, vino bibite varie. Al momento del dolce il signore chiede al cameriere: "scusi, potrebbe servire intanto il dolce al bambino che io sbrigo una commissione?" "Certo" Risponde il cameriere. Dopo due ore l'uomo non si vede, ed il cameriere si avvicina un po' incuieto al bambino: "Scusa ma tuo padre ne avrà ancora per molto?" Ed il bambino risponde: "Ma quello non è mica mio padre! Mi ha fermato per strada e mi ha chiesto se avevo voglia di farmi una mangiata gratis..!!".

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Una bambina un giorno chiede a suo padre: -Papa', cos'è questa cosa che hai in mezzo alle gambe?-e il padre: -é una bambola ti piace?--Si papa', è proprio carina!-La notte quando il padre si addormenta, la bambina si mette nel letto con lui e accarezza la bambola.La mattina seguente il papa', fecendosi la doccia si accorge che la "bambola" è senza peli.Allora chiede alla bambina: -Hei, ma per caso hai fatto qualcosa alla bambola?--No è colpa sua, lei mi ha sputato e io le ho tagliato tutti i capelli!-

stelline voti: 5; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Barzellette

Il Compagno Bertinotti si reca a far visita ad un asilo e si mette a giocare con i bambini ovviamente per propaganda politica in vista delle elezioni. Inizia cosi' un colloquio con ogni bambino, ma ad un certo punto Bertinotti viene attirato dallo splendido sorriso di una bambina dell'ultima fila. Il Compagno Bertinotti si reca da lei e le chiede: "Bella bambina, come mai sei cosi' contenta?". E la bimba: "Questa notte la mia cagna ha fatto 5 cuccioli!". Allora Bertinotti: "Bene, dunque abbiamo 5 nuovi compagni". E la bimba: "No, signore, solo 4: uno ha aperto gli occhi!".

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Nuova maestra elementare al primo giorno di scuola sfogliando il registro: "Dunque, vediamo di conoscerci un po' , chi e' Margherita?"
"Sono io", fa una bimba alzandosi in piedi. "Bene che bel nome che hai, com'e' che mamma e babbo ti hanno chiamata cosi'?", fa la maestra "Be', perche' appena nata mi e' caduta addosso una margherita e cosi' mi hanno dato questo nome.", replica la bambina. "Che bella creativita'! Chi e' invece Rosa?", fa di nuovo la maestra "Sono io", risponde un'altra bambina. "Anche a te' faccio la stessa domanda , perche' mamma e papa' ti hanno dato questo nome?"
"Pure a me, quando sono nata mi e' caduta addosso una rosa e mi hanno chiamata cosi"
"Bello, bello! Chi e'.... Viola?"
"Sono io signora maestra, ed anche a me appena sono nata mi e' caduta addosso una viola e mamma e papa' mi han dato il nome Viola.", fa un'altra bambina. "Ma che combinazione!" , replica la maestra. Ad un tratto la maestrina nota in fondo alla classe un bambino rachitico, tutto storto e dall' aria assente. "TU! LA IN FONDO! PERCHE' TI NASCONDI? COME TI CHIAMI?"
"P.... P.... PI.. PI.... PINO!" (Roberto Cereda da Arcore)

stelline voti: 4; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette » uomini e donne

LUOGO: ASSOCIAZIONE DI FEMMINISTE
PROCLAMA:
E' ora di finirla con lo strapotere maschile, è necessario affermare la indiscussa superiorità femminile obbligando gli uomini a svolgere tutti quei compiti per anni affibbiati alle donne. Da domani tutti i vostri mariti dovranno:
1) fare le pulizie di casa
2) fare la spesa
3) andare a prendere i bambini a scuola
Alcune settimane dopo nello stesso luogo:
- Allora come è andata?
Prima donna:
- Sono di origine inglese ed avendo sposato un italiano pensavo che avrei incontrato qualche difficoltà. Ho detto a mio marito: "Da domani tu dovrai: 1) fare le pulizie di casa, 2) fare la spesa, 3) andare a prendere i bambini a scuola". Il primo giorno non ho visto nulla, il secondo effettivamente ha fatto tutto quello che gli ho ordinato.
Seconda donna:
- Io sono di origine francese ed anche io ho sposato un italiano. Ho detto a mio marito:
"Da domani tu dovrai: 1) fare le pulizie di casa, 2) fare la spesa, 3) andare a prendere i bambini a scuola". Il primo giorno non ho visto nulla, il secondo non ho visto nulla, il terzo giorno effettivamente ha fatto tutto quello che gli ho ordinato.
Terza donna:
- Sugnu Carmela, sugnu siciliana e mi maritai un siciliano. Dissi a me maritu:
"Da domani tu devi: 1) stuiare la casa, 2) fare la spisa, 3) in a pigghiari li bambini". Lu primu iornu un vitti nenti, lu seconnu iornu un vitti nenti, lu terzu iornu un vitti nenti, lu quartu iornu accuminciai a vidiri dall'occhiu destru…

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Un bambino arriva a scuola con un occhio nero, la maestra un po' preoccupata: "Cos'hai fatto?". "Babbo mi ha picchiato". La maestra lascia correre, la mattina seguente il bambino arriva a scuola pieno di graffi sul viso, al che la maestra: "Oggi cos'hai fatto?". "Oggi è stata mamma a picchiarmi". "e come mai?". "Beh, tutte le volte che vado nel lettone e mi sveglio loro mi picchiano...". Allora la maestra: "Ho capito, se vuoi che i tuoi genitori non ti picchino fai cosi', se ti capita di svegliarti quando sei sul lettone fai finta di dormire, e vedrai che non ti picchierà più nessuno!". Il bambino annuisce, e la sera va a dormire nuovamente nel lettone convinto del suggerimento della maestra. Ad un certo punto si sveglia, ma forte del suggerimento avuto fa finta di dormire per non ricevere le botte, quando ad un certo punto sente la voce di suo padre che fa: "vengo" e la madre pure: "aspetta che vengo anch'io". Il bambino allora si gira di scatto gridando: "fermi, fermi, non mi lascerete mica qui!".

stelline voti: 6; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

C'e' un bambino che per Natale vorrebbe tanto le scarpe e la maglietta della Nike. Cosi' per Natale prepara un presepe e ci mette Gesu', Giuseppe e la Madonna. Poi scrive un bigliettino "Caro Gesu', quest'anno per Natale vorrei le scarpe e la maglietta della Nike" ma per Natale gli arrivano i soliti giochetti orribili. L'anno dopo, la scena si ripete: il bambino fa di nuovo il presepe, ma più bello con anche il bue, l'asinello e i re magi. Riscrive il bigliettino "Caro Gesu', quest'anno per Natale vorrei le scarpe e la maglietta della Nike", ma gli arrivano i soliti noiosissimi giochi. L'anno seguente: costruisce un presepio grande bellissimo, con i pastori, le pecore, gli angioletti, la stella...Poi inizia a scrivere il bigliettino: "Caro Gesu'..." cabia idea: prende Gesù dal presepe, e scrive: "Cara Madonna, se vuoi rivedere il tuo bambino quest'anno per Natale mi devi portare..."

stelline voti: 5; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Il sommo pontefice si reca nei paesi del terzo mondo per una visita. Comincia la rassegna alle missioni. - o che belli bambini... se avete fatto i buoni vi porto i giocattoli. Poi prosegue per altre missioni... Entra in una poverissima ed esclama: - Allegri bambini sono arrivato con tanti doni! Tutti con le faccie lunghe e disperate... - Non disperate ho portato tanti giocattoli! Il traduttore al suo seguito: - Pontefice, guardi che questi bambini non hanno nemmeno mangiato! - Aaaah... birichini non avete mangiato... allora niente giocattoli!

stelline voti: 2; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

"Un bambino sardo scrive una lettera a Gesù Bambino "Per quest'anno voglio la paystation e la pista polistil. A natale gli arrivano tanti regali tranne quelli richiesti. L'anno successivo torna a scrivere la lettera "Quest'anno visto che sono stato bravo, voglio la playstation e la pista polistil!" Anche quest'anno niente. L'anno successivo i genitori, passando davanti presepe, scorgono una lettera al posto di Gesù Bambino. Aprendola trovano scritto: "Cari Giuseppe e Maria se volete rivedere sano vostro figlio mi dovete portare la playstation e la pista polistil!" (grazie a Pedro)"

stelline voti: 12; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

La colletta

Alcuni giorni prima di Natale. Nell'Ufficio Postale di un paesino gli impiegati trovano nella cassetta una lettera con su la scritta "Per Babbo Natale". Non sapendo dove mandarla la aprono e leggono:
"Caro Babbo Natale,
sono un bambino di sette anni, mi chiamo Marco e vorrei chiederti un regalo.
La mia famiglia è poverissima, perciò non ti chiedo giocattoli, ma che mandi al mio indirizzo un milione di lire, così anche noi possiamo festeggiare il Natale con gioia"
Gli impiegati della posta, commossi e impietositi, fanno una colletta e, raggiunta la cifra di 500.000 lire, spediscono le banconote all'indirizzo del povero bambino. L'anno successivo, nello stesso periodo, nello stesso Ufficio Postale, gli impiegati trovano un'altra busta "Per Babbo Natale". La aprono e leggono:
"Caro Babbo Natale,
sono Marco, il bambino povero che ti ha scritto l'anno scorso.
Vorrei chiederti lo stesso regalo dell'anno scorso, un milione di lire.
Ti ringrazio per aver esaudito il mio desiderio lo scorso anno, ma quest'anno mandami un assegno non trasferibile, perché l'altra volta quei ladri delle poste m'hanno fregato mezzo milione!"

stelline voti: 6; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Un pediatra prende in braccio un bambino poche ore dopo la nascita per i controlli del caso. Dopo poco il bambino comincia a picchiettare la fronte del dottore con il dito indice della mano chiedendo: - Sei tu il mio papa'? Chiaramente il medico è decisamente sorpreso e va a chiamare un suo collega, al quale tocca la medesima sorte. I due medici a quel punto fanno chiamare il padre. Appena arriva gli danno il bambino in braccio. Anche con lui il piccolo comincia a picchiettargli la fronte facendogli sempre la stessa domanda: - Sei tu il mio papa'? Chiaramente il padre risponde di sì ed il figlio (continuando a picchiettare): - dà fastidio, eh? Dà fastidio??

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Vendesi tutto per il mare. Vendesi ombrellone settecento posti modello Orfei. Sagoma di bagnante che lasciato sul bagnasciuga vi tiene il posto se volete andare a prendere un gelato. Attrezzatura da sub completa di: pallone, scarpini, maglietta, pantaloncini e mezzaluna per sub-buteo. Offerte per bambini ricchi. Castello a spiaggia prefabbricato. Scavatrice vera Caterpillar per distruggere i castelli dei bambini poveri. Aquilone a motore, da dare in mano al bambino rompicogl... dell’ombrellone a fianco che, se lo porta via.

stelline voti: 7; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette

Un gruppo di bambini della terza, quarta e quinta elementare sono accompagnati da due maestre al locale ippodromo per imparare qualcosa sul mondo dei cavalli. Durante il giro alcuni dei bambini decidono di andare alle toilettes per cui viene deciso che le bambine sono accompagnate da una delle maestre, mentre i maschietti dall'altra. Dopo un po' le maestre escono e aspettano fuori, ma poco dopo uno dei maschietti esce dalla toilette e dice alla maestra che alcuni compagni non riescono ad arrivare all'urinatorio. Non avendo altra scelta la maestra entra e comincia ad issare i piccoli ragazzini prendendoli per le braccia uno ad uno. Ma giunto all'ultimo cerca di alzarlo senza riuscirci, notando pero' che è ben dotato per un ragazzino di scuola elementare. "Io credo che tu sia della quinta..." lei comincia a dire. Ma lui subito: "No madam, io sono della settima, corro su Silver Arrow. Comunque grazie per l'elevazione!".

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Barzellette » dal medico

Un pediatra prende in braccia un bambino poche ore dopo la nascita per i controlli del caso.
Dopo poco il bambino comincia a picchiettare la fronte del dottore con il dito indice della mano dicendo "sei tu il mio papà?" Chiaramente il medico é decisamente sorpreso e va a chiamare un suo collega, al quale tocca la medesima sorte.
I due medici a quel punto fanno chiamare il padre.
Appena arriva gli danno il bambino in braccio.
Anche con lui il piccolo comincia a picchiettargli la fronte facendogli sempre la stessa domanda "sei tu il mio papà?" Chiaramente il padre risponde di si ed il figlio (continuando a picchiettare) DA' FASTIDIO, EH! DA' FASTIDIO! (grazie a Paolo Bernasconi) Lezione di anatomia all'universita'.
Il cadavere steso su un piano di marmo.
Il docente: "lei esamini questo cadavere e mi dica di che e' morto" dopo un accurato esame:" per me e' morto di paralisi" vada a posto non ha capito niente.
Venga lei controlli e mi dica di che e' morto quest'uomo.
Dopo averlo girato e rigirato:" per me quest'uomo e' morto di fame.
Da cosa lo ha capito? Aveva le ragnatele al sedere.


1 2 3 4 5 6 7 8 9 ... 28

 


Puoi eseguire la ricerca nel sito anche tramite Google:

Ricerca personalizzata


© 2000-2022 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

94 ms 19:13 04 122022 fbotz1