Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » cerca » vegliare

Cerca vegliare negli aforismi

archivio frasi | autori | classifiche | commenti | cerca | scrivi frasi

Sono presenti 22 aforismi. Pagina 1 di 2: dalla 1a posizione alla 20a.

Criteri di ricerca



 
categoriaaforismi












 
qualsiasi
 
qualsiasi
 
giornoqualsiasi































 
mesequalsiasi












 
annoqualsiasi

























stelline voti: 5; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » amore

Una donna che ama poco veglia sulla sua reputazione e teme di perderla; quella che ama molto sacrifica facilmente la propria reputazione all'amore

Poinchelot

stelline voti: 12; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Aforismi » sogno

L'oblio dei sogni dipende molto di più dalla resistenza che dalla concezione, messa in rilievo dagli altri autori, che lo stato della veglia e quello del sonno siano estranei l'uno all'altro

Sigmund Freud

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi

Ci sono due tipi di persone in questo mondo, buoni e cattivi. I buoni dormono meglio, ma i cattivi godono le ore di veglia molto di più.

Woody Allen

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi

Quella del mistero è la migliore esperienza che possiamo avere. È l'emozione fondamentale che veglia la culla della vera arte e della vera scienza.

Albert Einstein

stelline voti: 23; popolarità: 7; 0 commenti

categoria: Aforismi » amore

ho mandato un angelo per vegliare su di te ma è tornato indietro dicendomi...non c'è bisogno di vegliare su un altro angelo!!!

segnalata da Lorenzo venerdì 12 settembre 2003

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi

"lascio alla fantasia"

"lascio alla fantasia il compito di vegliare su me quando sogno"

4tu (Fortunato Cacco) - tratto da 4tu su youtube

segnalata da 4tu sabato 17 febbraio 2018

stelline voti: 19; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: aforismi » religione » angeli

l'angelo

un 'angelo m'appare nei sogni, e dice:va e veglia in quell'angelo..al suo ritorno l'angelo dice all'altro angelo:come fa un'angelo a vegliare su, un'altro angelo....!¨!!!

segnalata da angelo giovedì 15 marzo 2007

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » sogno

Sogno

Ogni notte i sogni mi portano lontano, ma non ho paura, perché qualcuno starà sempre vegliando sul mio sonno.

Angela Randisi

segnalata da Angela Randisi lunedì 2 gennaio 2017

stelline voti: 2; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » amore

Notti d'amore....

Il mio amore così piccino/ non conosce cos'è il mattino/ è la notte che lui si sveglia/ interrompendo il mio dormi- veglia/ e vuole essere cullato/ ma son mezzo addormentato/ scendo dal letto e con coraggio/ dalla culla lo prendo in braccio/ urla e piange a non finire/ non vuol saperne di dormire/ poi si calma nessun lamento/ e io così mi riaddormento/ con in braccio quel fagottino/ un amore di bambino/... queste son le mie notti d'amore... Notti che mi riempiono il cuore...

roberto c.

segnalata da Roberto Ciminera lunedì 16 giugno 2014

stelline voti: 7; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » amore

mandai un angelo a vegliare su di te
ma lui ritorno da me
e mi disse
che non poteva vegliare
su di un altro angelo.
ti amo cucciolotto

roberta91forcucciolotto

segnalata da roberta e cuccioloto mercoledì 4 gennaio 2006

stelline voti: 51; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » nemico

Veglia scrupolosamente su te stesso come se fossi il tuo propio nemico; poichè non imparerai a dominare te stesso, se prima non impari a dominare le tue passioni e a obbedire ai dettami della coscienza.

Gibran

segnalata da fanny venerdì 24 febbraio 2006

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi

Un tempo i cieli erano popolati di elefanti. Troppo pesanti per il volo, spesso urtavano le cime degli alberi, spaventando gli altri animali. Un giorno queste creature gentili decisero di rinunciare alle proprie ali e di trasferirsi sulla terra... le stelle che vediamo brillare nella notte sono elefanti che sognano: anche nel sonno tengono l'occhio spalancato per meglio vegliare su di noi.

Gregory Colbert

segnalata da Marco sabato 13 luglio 2002

stelline voti: 16; popolarità: 3; 0 commenti

categoria: Aforismi » amicizia

Ti regalo la chiave del mio cuore amica mia...
Perchè tu possa sentirti almeno per un istante in un piccolo luogo che è tuo...
Ed io sarò felice perchè un angelo veglierà sul battito delle mei sensazioni........

Francesca x Giusy

segnalata da Crudo lunedì 23 agosto 2004

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » amore

angelo

ciao mi chiamo ,ancora non lo sà il mio nome sento il dolce cullare dei movimenti che penso siano della mia mamma , sento la sua mano che mi accarezza , sento la melodiosa voce ,ma chissà com'è fatta la mia mamma... forse è giunto il momento di conoscerla... mamma eccomi stò arrivando ... piango tanto ,ma sono stanco ho fame e freddo... o che dolce sensazione mamma stare fra le tue braccia e essere cullato dal tuo cuore ... che fatica stare al mondo però è bello , amici miei angeli si stà bene quà giù spero tanto che presto arriviate anche voi così potremmo giocare insieme, che belli i colori, ma sopratutto che bella la mia mamma... perchè non vedo più la mia mamma ... i colori ma cosa è successo... dove sono...poi tu chi sei , dov 'è la mia mamma i colori ..... io sono un angelo esattamente come tè guarda apri gli occhi anche qui ci sono i colori , tu sei un angelo speciale, sei quì a vegliare su altri angeli...Ma non vedo la mia mamma dov'è... Eccola vedi quella stella? è là.... Si eccola adesso la vedo ,ma perchè piange? E' così bella... Piange perchè perche un orco ti ha strappato dalle sue braccia, ma non disperare perchè non ti ha dimenticato ,ti pensa e ti ama se tù guardi quella stella la vedrai, falle sentire che tù ci sei e lei non piangerà più... Ha! si eccola adesso la vedo ... mamma sono quì mamma ti sento sento il tuo abbraccio sento il tuo amore , ora mamma smetti di piangere hoo ora mi vede ... A domani mamma buona notte ci incontriamo sulla stessa stella ... io vado a giocare con i miei amici sulle nuvole...

segnalata da jessica giovedì 25 febbraio 2010

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » religione

é una fattore di fede

E' scritto dentro un libro cui nessuno è dato leggere
che la bugia è solo placebo senza dogmi
eppure questa vita non si trascina, ma veglia,
per dare allo spirito il tempo di uscire dal buio.

Miu Jacqueline - tratto da Perocitando Nimesis

segnalata da Giovanni venerdì 17 giugno 2011

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi

"Sei dentro ad ogni soffio di vita che mi circonda" di 4tu©

La più grande delle canzoni d'amore sarà sempre per la mamma...sono qui, grazie a lei, a scrivere di lei...e non so come cominciare perché se non si può
spiegare la vita figuratevi chi ce l'ha data...inizio con un grazie mamma perché sei stata,sei e sarai sempre la mia forza sei come un mare senza stagione dove l'acqua è sempre calda, il sole non scotta, c'è una luna che da lassù ti veglia, le onde ti portano ovunque tu voglia e un soffice vento soffia sulle tue ali per dare ai tuoi sogni le giuste destinazioni e volare così oltre quelle nuvole che mettono la tua gioia in ombra… Questa è
per te mamma che sei dentro ad ogni soffio di vita che mi circonda…."

4tu (Fortunato Cacco) - tratto da https://www.youtube.com/watch?v=_POmbi9gxes&t=2s

segnalata da 4tu venerdì 7 dicembre 2018

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » vita

“Il cane resta accanto al padrone nella prosperità e nella povertà,
nella salute e nella malattia.
Pur di stare al suo fianco dorme sul terreno gelido,
quando soffiano i venti invernali e cade la neve.
Bacia la mano che non ha cibo da offrirgli, lecca le ferite e le piaghe causate dallo scontro con la durezza del mondo. Veglia sul sonno di un povero come se fosse un principe.”

G.G. Vest

segnalata da marines lunedì 7 novembre 2011

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi

La vecchia signora scorbutica!

Sul tavolino da notte di una vecchia signora rico­verata in un ospizio per anziani, il giorno dopo la sua morte, fu ritrovata questa lettera. Era indirizzata al­la giovane infermiera del reparto.
«Cosa vedi, tu che mi curi? Chi vedi, quando mi guardi? Cosa pensi, quando mi lasci? E cosa dici quando parli di me? Il più delle volte vedi una vecchia scorbutica, un po' pazza, lo sguardo smarrito, che non è più com­pletamente lucida, che sbava quando mangia e non risponde mai quando dovrebbe. E non smette di perdere le scarpe e calze, che do­cile o no, ti lascia fare come vuoi, il bagno e i pasti per occupare la lunga giornata grigia. È questo che vedi! Allora apri gli occhi. Non sono io. Ti dirò chi sono. Sono l'ultima di dieci figli con un padre e una ma­dre. Fratelli e sorelle che si amavano. Una giovane di 16 anni, con le ali ai piedi, so­gnante che presto avrebbe incontrato un fidanzato. Sposata già a vent'anni. Il mio cuore salta di gioia al ricordo dei propositi fatti in quel giorno. Ho 25 anni ora e un figlio mio, che ha bisogno di me per costruirsi una casa. Una donna di 30 anni, mio figlio cresce in fretta, siamo legati l'uno all'altra da vincoli che dureranno. Quarant'anni, presto lui se ne andrà. Ma il mio uo­mo veglia al mio fianco. Cinquant'anni, intorno a me giocano daccapo dei bimbi. Rieccomi con dei bambini, io e il mio diletto. Poi ecco i giorni bui, mio marito muore. Guardo al futuro fremendo di paura, giacché i miei figli sono completamente occupati ad allevare i loro. E penso agli anni e all'amore che ho conosciuto. Ora sono vecchia. La natura è crudele, si diverte a far passare la vecchiaia per pazzia. Il mio corpo mi lascia, il fascino e la forza mi abbandonano. E con l'età avanzata laddove un tempo ebbi un cuore vi è ora una pietra. Ma in questa vecchia carcassa rimane la ragazza il cui vecchio cuore si gonfia senza posa. Mi ricordo le gioie, mi ricordo i dolori, e sento daccapo la mia vita e amo. Ripenso agli anni troppo brevi e troppo presto pas­sati. E accetto l'implacabile realtà "che niente può durare" Allora apri gli occhi, tu che mi curi, e guarda non la vecchia scorbutica...Guarda meglio e mi vedrai diversa....

"Quanti volti, quanti occhi, quante mani incrocia­mo, ogni giorno. Che cosa guardiamo? Le rughe, le ostilità, i dubbi, le durezze. Se imparassimo invece a guardare i sogni, i palpiti, gli amori spesso così accuratamente nascosti?"

Bruno Ferrero - tratto da <Ci Ritroviamo al Solito Posto>

segnalata da Roberto Ciminera martedì 1 marzo 2022

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » amore

Notti D'Amore...

Il mio amore così piccino/ non conosce cos'è il mattino/
è la notte che lui si sveglia/ interrompendo il mio dormi-veglia/
e vuole essere cullato/ ma io sono mezzo addormentato/
scendo dal letto e con coraggio/
dalla culla lo prendo in braccio/
urla e piange a non finire/ non vuol saperne di dormire/
poi si calma nessun lamento/ e io così mi riaddormento/
con in braccio quel fagottino/ un amore di bambino/
... queste son le mie notti d'amore...
....quelle che mi riempiono il cuore...

roberto c.

segnalata da Roberto Ciminera venerdì 18 ottobre 2013

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » religione » Dio

LETTERA dal CIELO
"Quando ti sei svegliato, questa mattina, ti ho osservato ed ho sperato che tu Mi rivolgessi la parola, anche solo poche parole, chiedendo la Mia opinione e ringraziandoMi per qualcosa di buono che Ti era accaduto ieri: però ho notato che eri molto occupato a cercare il vestito giusto da metterti per andare a lavorare.
Ho continuato ad aspettare ancora mentre correvi per casa per vestirti e sistemarti: sapevo che avresti avuto del tempo solo per fermarti qualche minuto per dirMi "Ciao":
però eri troppo occupato.
Per questo ho acceso il cielo per te, l'ho riempito di colori e di canti di uccelli per vedere se così Mi ascoltavi: però nemmeno di questo ti sei reso conto.
Ti ho osservato mentre ti accingevi al lavoro e ti ho aspettato pazientemente, tutto il giorno, con le molte cose che avevi da fare:
suppongo che tu sia stato troppo occupato per dirMi qualcosa.
Al tuo rientro ho visto la stanchezza sul tuo volto ed ho pensato di rinfrescarti un poco facendo cadere una lieve pioggia perchè questa la portasse via: il Mio era un dono, ma tu ti sei infuriato ed hai offeso il Mio nome.
Desideravo tanto che tu Mi parlassi ... c'era ancora tanto tempo, ho pensato.
Dopo hai acceso il televisore. Ti ho aspettato pazientemente, mentre guardavi la TV; hai cenato, ed immerso nel tuo mondo, ti sei dimenticato, nuovamente, di parlare con Me.
Ho notato che eri stanco ed ho compreso il tuo desiderio di silenzio e così ho fatto scendere il sole ed al suo posto ho steso una coperta di stelle ed al centro di questa ho acceso una candela: era uno spettacolo bellissimo, ma tu non ti sei accorto di nulla.
Al momento di dormire, dopo aver augurato la buona notte alla famiglia, ti sei coricato e, quasi immediatamente, ti sei addormentato.
Ho accompagnato i tuoi sogni con musica e dolci pensieri ed i Miei Angeli hanno vegliato su di te: ma non ti importa perchè, forse, nemmeno ti rendi conto che Io sono sempre lì con te.
Ho più pazienza di quanto immagini:
mi piacerebbe pure insegnarti ad avere pazienza tu con gli altri.
Ti amo tanto che attendo tutti i giorni una preghiera: i doni che ti ho dato oggi sono frutto del Mio amore per te.
Bene, ti sei svegliato di nuovo ed ancora una volta Io sono qui ed aspetto, senza nient'altro che il Mio amore per te, sperando che oggi tu possa dedicarmi un po' di tempo.
Buona giornata".
Tuo Papà: DIO

segnalata da MARINES lunedì 7 novembre 2011


◄ indietro
1 2

 


Puoi eseguire la ricerca nel sito anche tramite Google:

Ricerca personalizzata


© 2000-2024 Frasi.net
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

110 ms 00:11 21 022024 fbotz1