Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » segnalatori » fernymax

Tutte le frasi segnalate da FernyMax

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 15; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Erotica

Tu sei venuta sotto false spoglie,
quando all’amore avevo detto addio,
a rinnovare il senso delle voglie,
già disertate dal mio ingegno pio.

La Natura, che è madre delle cose,
mi ha insegnato che la Libertà,
se priva di esperienze strepitose,
è esasperante e senza qualità...

Questo fulgidissimo pensiero
mi assale e diventa più chiaro,
mentre va via l’Assurdo straniero,
e si cancella ogni dolore amaro...

In questo mio pensiero ci sei tu:
la mano dolce, suadente e bianca,
sù e giù, ed ancor... sempre più sù,
dal moto sapiente, che non stanca.

Solo la forza dei sentimenti veri
può alimentare incredibili emozioni,
dissolvendo tutti gli umori neri...
con buona pace de’ miei pantaloni!

FernyMax

segnalata da FernyMax mercoledì 11 giugno 2003

stelline voti: 19; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

L’amore Ti fa viva

Quando hai desiderio
d’amore, dentro...
Pensa che anche noi

lo facciamo... Vieni,
dammi la mano, e pensa
alla poesia della vita!

E quando il nostro Amore
sarà antico, pensaci...
ancora, al tuo amico,

che t’ha cercata,
instancabilmente,
fra le sue braccia...

e t’ha trovata, finalmente,
con la gioia più grande:
che Ti sentissi viva!

FernyMax

segnalata da FernyMax domenica 8 giugno 2003

stelline voti: 11; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Rosanna “senza panna”

Ma dove sei,
Fata, amore mio
dai capelli bruni...
quelle sensazioni
smarrite sono
nel buio?!

E già scopro...
nuova vita e storie
eccitanti d'amore,
dal profumo sottile
e incatenanti
i sensi e il cuore.

Ma tu,
dove sei tu?
Mio infinito Amore,
perduto nel vento,
che m’ha strappato
la furia del tempo,

e di emozioni
più grandi di noi?
...Ora ti piango!
E forse da lontano
un tuo pensiero
m’accende il ricordo.

Rosanna “senza panna”,
solo fiele, dopo...
una stagione di miele!

FernyMax

segnalata da FernyMax domenica 8 giugno 2003

stelline voti: 17; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

La “Signora”

“Amore, Amore,
Amore!” ... dicea,

rubando il cuore
del mite paggetto,

cui ingorda chiedea
passione di letto...!

FernyMax

segnalata da FernyMax domenica 8 giugno 2003

stelline voti: 10; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

La sera sulla spiaggia

La spiaggia è deserta,
alla sera,
ma una luce
rischiara di Luna
la coltre
di morbida sabbia.

Ed altre...
rispondono a mare,
con voce roca
di pescatore,
scoprendo i riflessi
del cupo salato:

scintille scherzose
su iridescenti
misteri...
E tu, Mare,
in amore,
chiami la tua sabbia

... e ancora l'attiri
invocando,
con umidi baci,
il suo sapore
d’asciutto
tormento di sole.

FernyMax - tratto da fine '74

segnalata da FernyMax domenica 8 giugno 2003

stelline voti: 18; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Frasi d'amore » lettere

Riflessioni dopo 10 anni da quel micidiale Agosto 1977

[Ideale seguito, della poesia
“Al mio amore campobassano”
segnalata da FernyMax il 27 maggio 2002]

In questo istante mi sento svuotato, con un gran nodo alla gola e una terribile voglia di piangere, che mi muore dentro...
Guardo al mio passato e mi pento di avere sprecato tanta vita, di lasciare tanti tentativi incompiuti, gli amori che ho smarrito per strada, le illusioni e i desideri lacerati da un destino inesorabile e crudele... le cose belle e grandi che avrebbero potuto essere e che, invece, non sono mai giunte ad effettivo compimento.
Adesso è come se cantassi la mia passione per tutte le cose, che ho amato e incominciato, seppellendole ancora bambine.
E pensare che avrebbero potuto darmi tanto di più, forse anche quella felicità, di cui non ho mai goduto se non coi miei sogni.
Ma tutto questo è ormai morto, e resta maledettamente inutile che io pianga sul latte versato...
Tuttavia mi sento così debole e triste, ed affamato di poesia e di tenerezze!
Perché io a quell’amore lasciato lontano lontano ci credo ancora, e non mi dà pace.
Quando le altre cose stornano la mia attenzione, e l’ansia dei tempi mi fa quasi interamente suo, consentendo poco spazio ai ricordi, non è che io riesca a capirmi, salvo che nelle apparenze, perché sulla mia verità del profondo, di questo dolore, che da tanti anni porto dentro, sempre, non c’è nulla da fare.
Nessun medico mi potrà guarire, restituirmi quello che la vita ha tolto: la certezza di un amore, che per me era “il tetto”, vale a dire il massimo che io avessi mai potuto avere e desiderare!
Ma la furia delle lotte presenti e lo slancio delle tensioni ideali, a volte ci dà l'impressione di poter fare a meno del nostro passato, di tutto quanto abbia alimentato qualche magnifica “ossessione” della nostra gioventù.
I grandi passaggi (laurea, professione, altre esperienze sentimentali e sessuali, proprietà, cultura, matrimonio, figli, amicizie, viaggi, hobby, ecc.) si mescolano e metabolizzano con la banale routine, e intanto si invecchia derubricando l'importanza dei sogni e delle speranze dei vent'anni.
Il tempo scorre, "la vita continua"... e io sono già stanco!
Ma allora, non è forse, piuttosto, la Morte, che realmente si ramifica e continua, con subdola macchinazione?
Poiché spesso mi capita di credere che la Vita sia proprio quella, bella e azzurra, ricca della speranza di un amore che non ho più... che per me non si è mai realizzata...
Sì, proprio quella che ho lasciato alle mie spalle e ritorna alla mente ancora al suono d’un nome, facendomi di nuovo soffrire e pensare, mentre mi dicono, a causa d’un mio recente successo, che io sono un vincitore; però loro non sanno!
Io invece so, che si tratta di una bugia... Vincitore!?... Sì, scusate, ma... in verità, di che cosa...?!?

FernyMax - tratto da Ricordi dell'Anima

segnalata da FernyMax domenica 8 giugno 2003

stelline voti: 9; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Notturno di preghiera

Quando il sole non dà calore,
e la notte diventa densa...

se dolci lagrime di cristallo
spuntano da una stella...

un rimpianto, muto dolore,
brilla l'angoscia nell’anima.

Ma la violetta, che ho serbato,
profuma ancora del Suo Amore.

La speranza, che torni mia,
brucia da sola fra la cenere...

attende tuttora il suo risveglio
al più caldo e tenero amplesso.

Anna, se puoi, non mi condannare.
Tesoro, se vuoi, non dimenticare.

FernyMax

segnalata da FernyMax domenica 8 giugno 2003

stelline voti: 21; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Occhi a mandorla

Teresa... e un lampo
è balenato a Shanghai!

Il mare di perle
regalava ai suoi occhi

riflessi fantastici,
esaltando il mistero

di una seduzione,
ove ancora mi perdo.

Fra sospiri, e ricordi
d’amplessi, i più caldi...

Dolce Signora,
dalla voce suadente,

colta e infantile,
capace di lanciare

al galoppo sfrenato
la mia anima!

Verso la conquista
degli spazi ideali

della sua umanità
e della Luce...

FernyMax

segnalata da FernyMax martedì 3 giugno 2003

stelline voti: 13; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Notti arabe

Antonella, tu non sei
quello che sembri essere...

Tu sei un palpito di nostalgia
per un sogno lontano!

E non vorrei ipotecare
il tuo futuro... dicendoti,

che in questo istante ti vedo
come una stella del deserto,

cadente tra le foglie di palma,
che un tuareg raccoglierà

su di un cavallo bianco,
per condurla nella sua tenda.

FernyMax

segnalata da FernyMax martedì 3 giugno 2003

stelline voti: 13; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Filosofia

L’importanza delle “cose da niente”
non è stata apprezzata dai filosofi
sempre con la dovuta onestà...!

Il cobalto ha interessato scienziati,
l’oro uomini di poca fede,
e l’acciaio ha esaltato nazioni.

Ma la verità è ancora da scoprire...
L’affermazione passa dalla negazione.
Il tutto lo si deve estrarre dal nulla!

Gli opposti finiscono per coincidere...
è il serpente che si mangia la coda!
Il valore delle conclusioni si perde...

nel vortice del grottesco e dell'assurdo,
che governano ancora questo mondo.
Ma non è, forse, l’eterna insufficienza

del tutto, che... nella infinita bellezza
di un tramonto, riesca ad affogare
lo sconcerto... della sua superabilità?!

Allora pare, che il piccolo trionfo
di una dolce verità del profondo,
recuperata dall’affettuoso ricordo,

possa suscitare il rinnovamento...
E che l’aria si muova, per incanto,
mentre le foglie crepitano al vento

dei desideri, che non vogliono morire...
e l’avvenire è già bell’e pronto! Basta
abbandonarvisi, per aver ristoro...

E’ il principio che ratifica il pensiero
in un tracciato di verità: esserci...
con tutta la forza dei sentimenti veri!

O è, ancora... un’illusione assurda?!

FernyMax

segnalata da FernyMax domenica 1 giugno 2003

1 ... 8 9 10 11 12 13 14 ... 19


© 2000-2022 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

31 ms 18:12 17 082022 fbotz1