Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » segnalatori » fernymax

Tutte le frasi segnalate da FernyMax

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 28; popolarità: 0; 1 commenti

categoria: poesie

L'amore sé stesso

Il tuo attimo d'abbandono
dimmelo

che l'hai dedicato
a me

Non dimenticare
quanto mi sia

indispensabile pensare
ogni ora ogni minuto

dacché t'ho conosciuta
che la tua vera gioia

sia ora con me
alla faccia del mondo

Noi due dal profondo
del nostro essere

in un sublime afflato
noncuranti delle regole

appagati soltanto
di piacere assoluto

e dell'ansia di vivere
il bene più intimo

ch'io dedico a te
e tu a me

alla faccia del mondo
come adesso

che ti amo
e sembra lo stesso

di ieri
ma è nuovo giorno

Vi si ripete
il miracolo più santo

e più inverecondo
che siamo di noi due

senza diaframma alcuno
o intermediazione

Io ti appartengo
come tu vivi di me

in questa suprema
affermazione

che è speranza e vita
oppure estrema

unzione
non altro godendo

che del tuo e mio
sorriso

elevati al cielo
più consapevoli

di aver superato
peccato e redenzione

Attraverso te e me
quale rivelazione

il karma i chakra
l'illuminazione

ed ancora
senza fine

l'Amore

FernyMax

segnalata da FernyMax domenica 2 dicembre 2007

stelline voti: 22; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: poesie

Io, che non sono

Giacomo non sono
né tu Silvia sei

Ma fra pianto
e preghiera

ho il tuo viso
che di sogni

l'anima mia
consola

soltanto che
i miei occhi

chiuda e poi
ti pensi

Preghiera nò
né pianto

io provo
ma Amore

in verità
e cos'altro

potrei riversare
nei miei versi

all'indirizzo
del tuo cuore

se non amore
ed infinito amore

Chi ha orecchie
d'intendere

m'intenda
l'alma sua

poggiando
al dolce suono

che dal core
mio dilaga

l'accolga tutto
tale che sia

l'appello mio
senza parergli brutto

né gli dispiaccia
un umile costrutto

ché all'alma sua
s'apprenda

e ne governi 'l core
per quanto creda

a rinnovare
entusiasmo ed amore

ella se ne consoli
di questo mio

cuore in piena
per tutti i santi

a venire suoi
giorni

sì che anche i miei
siano futuri

e felicissimi
del più totale

meraviglioso
Amore

FernyMax - tratto da lle mie + rosee aspettative (residue)

segnalata da FernyMax mercoledì 3 ottobre 2007

stelline voti: 24; popolarità: 0; 1 commenti

categoria: poesie

La Storia Infinita

Cosa che ognuno sa
non possa mai iniziare
prima che siano già

concluse e definite
tutte le storie varie
piccole od eccessive

di questa nostra vita
come è scritto e sarà
né altra voce lo dica

che umanità risparmi
da tant'immane fatica
di chiedere verità

luce che da luce dà
e pietra sopra pietra
innanzi d'arrivare

certi a resurrezione
completata che sia
la purificazione

Alzati orsù e cammina
Lazzaro mio è Gesù
figlio dell'uomo e Dio

che ordina e lo dice
a morte come a vita
Lazzaro fratel mio

levati dal giaciglio
ricomponi le spoglie
ché non sei andato via

è il volere di Dio
che ti ridà la vita
uomo che vieni e vai

riguadagnando essenza
di saggezza profonda
e puoi tornare in vita

essa comincia ora
a ultima storia finita
ecco che tu sei pronto

a viver di storia vera
risorgendo finalmente
a tua Vita infinita

FernyMax - tratto da 2a versione aggiornata

segnalata da FernyMax martedì 2 ottobre 2007

stelline voti: 9; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: poesie

La Storia Infinita

Cosa che ognuno sa
non possa mai iniziare
prima che siano già

tutte praticamente finite
le altre storie varie
grandi o piccolissime

di questa nostra vita
così è scritto e sarà
non c'è voce che dica

si risparmi all'umanità
tanta immane fatica
di cercar la verità

da luce dopo luce
e pietra sopra pietra
prima di arrivare

certi alla resurrezione
completata che sia
ogni purificazione

Alzati o Lazzaro cammina
è Gesù figlio dell'uomo
che ordina e lo dice

alla morte così
come alla vita
Lazzaro fratel mio

sollevati dal giaciglio
ricomponi le tue spoglie
perché non sei andato via

è il volere di Dio
che ti ridà alla vita
uomo che vieni e vai

senza fermarti mai
e recuperi l'essenza
d'ogni vera saggezza

ritornando alla vita
che non inizia che ora
a ultima storia finita

Ecco sei pronto uomo
a risorgere ora
e di Vita Infinita

FernyMax - tratto da ispirazione datami da Azuth, qui sul Frasi*net

segnalata da FernyMax domenica 30 settembre 2007

stelline voti: 8; popolarità: 0; 1 commenti

categoria: poesie

Tu, la mia fata

Quella sera, su due panche
ravvicinate
nel locale d'un amico,

con un pò di musica
appena
di sottofondo...

m'hai accolto in Te
e fu subito
fiaba...

Il mio castello incantato
fra le tue braccia
e nel tuo grembo

per restarci,
avrei voluto proprio,
all'infinito...

Poi siamo andati via
e ci siamo persi
su altre strade...

Ma Tu ritorni
nella mia fantasia
come la fata bruna,

che non m'abbandona,
o quanto vorrei...
perché al risveglio

infine,
con me non sei...
eppure Tu

mi leghi ancora
così carnale,
e spirituale,

a un sogno mistico
del mio più fido
interiore,

come un fiore
profumatissimo,
che mai

appassirà...

segnalata da FernyMax mercoledì 23 maggio 2007

stelline voti: 17; popolarità: 0; 1 commenti

categoria: poesie

Il 25 Aprile

Età del vero, età del falso.

Ora di verità come di bugie.

Da Cefalonia a Marzabotto.

Da Portius alle foibe titine...

Noi siamo gli eredi

di cotanta Storia

e osiamo venerare

il Valore dei fatti,

l'onestà di vivere

con tutta umiltà

l'impegno nobile

e immenso

di essere

semplicemente

degli uomini...

FernyMax - tratto da maturità degli anni e delle idee

segnalata da FernyMax giovedì 26 aprile 2007

stelline voti: 19; popolarità: 0; 4 commenti

categoria: poesie

Quel tempo di più

Forse tu sola
potevi darmi il colore

forte pastello
dei tuoi sogni profumati

di giovinezza
e di quell'amore,

che io ti cercavo...
ma che poi rifiutavo,

quasi timoroso
tu mi fossi appartenuta

troppo facilmente,
in un tempo così breve...

Ma tu eri vera
oasi soave, e carnale...

sì da farmi sapere
ormai più di tutto di te,

ma senza riuscire
insieme a fermare

il senso inquieto
della nostra epoca,

che si lasciava andare
agli spropositi storici,

e irrilevanti,
della contestazione...

Noi, già nuovi adulti,
eppure bambini,

senza il minimo
pudore o criterio,

solo con la fissa
di saper arrivare

a destinazione,
quantunque ignota,

ci concedevamo
tutto il nostro tempo...

Ma tu forse nò,
tu sapevi meglio di me

già cosa fare
e dove c'era da andare...

Ero soltanto io,
che non ero preparato,

in una parte di me,
a voler morire...

La mia libertà
e il mio malessere,

non ti potevano
ancora amare...

Mi occorreva forse
solo un pò di tempo,

appena un pò di più
del tempo, che allora

potevi donarmi tu...

FernyMax - tratto da lla mia vita

segnalata da FernyMax venerdì 22 dicembre 2006

stelline voti: 25; popolarità: 0; 2 commenti

categoria: Poesie

Vierno a Napule

Ma che d'è
'o ggelo d' 'o vierno
dint'a cchesta città?

Pe' ttante, forse,
è sulo 'nu muorzo
'e malincunia...

Pecché 'a mamma
m' 'o ddiceva sempe,
ca si 'o friddo è tuosto...

da nuje, a Napule,
pe' tramente ca passa,
pò durà tre gghiuorne!

E doppo? Sempe,
comm'avesse pigliato
'nu bell'appuntamento,

sta a ascì 'n'ata vota
'o sole, a 'nce scarfà
pure meglio 'e primma.

'O viern' 'e Napule
'a chi sta bbuono
quase nun se fà sentì.

Ma chillu gelo
'e tre gghiuorne
venuto all'impruvviso

a quacche sfurtunato,
magari dint' 'o suonno,
a 'nu puverello l'ha acciso,

ca nun teneva manco
'na cuperta bona
pe' se piglià calore...

Ne è bastat'una sola
'e chelle tre nott' 'e ggelo
pe' s' 'o purtà, zitta zitta...

'n Paraviso.

---------------------------------------

Inverno a Napoli

Ma che cos'è
il gelo dell'inverno
dentro questa città?

Per tanti, forse,
è solo un morso
di malinconia...

Perché la mamma
me lo diceva sempre,
che se il freddo è forte...

da noi, a Napoli,
fintanto che passa,
può durare tre giorni!

E dopo? Sempre,
come avesse preso
un bell'appuntamento,

sta a uscire un'altra volta
il sole, per riscaldarci
pure meglio di prima.

L'inverno di Napoli
da chi è in buone condizioni
quasi non si fa sentire.

Ma quel gelo
di tre giorni
venuto all'improvviso

a qualche sfortunato,
magari durante il sonno,
a un poverello l'ha ucciso,

che non aveva neanche
una buona coperta
per riprendere calore...

Ne è bastata una sola
di quelle tre notti di gelo
per portarselo, zitta zitta...

in Paradiso.

FernyMax - tratto da pensieri d'inverno

segnalata da FernyMax sabato 18 novembre 2006

stelline voti: 29; popolarità: 0; 2 commenti

categoria: Poesie

Sesso con sorpresa

Vorrei esplodere nel cielo
con colori vivaci.
Desideri procaci,
sotto l'ombra di un melo...

E dei tuoi baci ardenti
fare un arcobaleno,
senza più, senza meno,
ricco di sentimenti.

Mi piacerà esplorare,
sul tuo corpo di rosa
la cosa più preziosa,
che io saprei amare.

La tua pelle soffice
e quieta... il desiderio
divamperà ora serio,
con l'ansia di un vortice.

Ma tra i fiori del prato
una fila di formiche
rosse, non amiche,
conquista il bene amato.

E un sussulto pazzesco
dà al mio sogno pastello,
proprio sul più bello,
un epilogo burlesco...

Oh, mi rincresce, amore,
d'averti pure amata,
ma tanto strapazzata,
così senza pudore!

FernyMax - tratto da piccole licenze dell'eros

segnalata da FernyMax giovedì 16 novembre 2006

stelline voti: 16; popolarità: 0; 1 commenti

categoria: Poesie

Gioia d'amore

Vorrei congratularmi,
perché hai saputo fare
di un giorno qualunque
un memorabile evento.

Toglier lo slip in barca
non sembrava carino,
ma poi ti sei spogliata
uguale a una sirena...

E hai dato sensazioni,
dentro te, somiglianti
a inarrestabile marea,
a un deliquio infinito,

che ti si inondi lento,
e molle, lasciandoti
incollato alla sabbia,
fino a esser sommerso

interamente, e come
per un incantesimo
t'accorgi di respirare
perfino sotto l'acqua.

Allor la baci e provi
più di una corrente
di piacere e d'amore,
che va e che riviene,

che si propaga e sale,
quasi a far smarrire
totalmente la testa
preso nel suo corpo,

inchiodato a' suoi sensi,
e travolto dalle acque
erompenti da una diga
con la potenza del Fato.

Così infine, stremato,
ma felice, ringrazi Dio,
che ha ricreato in Lei,
tua compagna e amica,

la sublime consolazione
all'inclemenza del tempo,
per affrontare la vita
e ogni tipo di morte...

FernyMax - tratto da i ricordi dei vent'anni

segnalata da FernyMax giovedì 16 novembre 2006

1 2 3 4 5 6 ... 19


© 2000-2022 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

31 ms 12:42 07 072022 fbotz1