Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » segnalatori » fernymax

Tutte le frasi segnalate da FernyMax

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 20; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Le stesse cose...

Cara Antonella,
in fondo volevamo

le stesse cose... solo,
in tempi diversi!

Eppure, per un attimo
ci ha sfiorati

un comune destino,
che ci ha stretti

l’uno all’altra.
Perciò ci siamo amati

e, forse...
ancora ci amiamo!

La vita ke è passata
è tanta ora,

come il treno perduto
dei nostri sogni...

Io ti penso ancora.
Quell’amore negato

oggi è il mio rimpianto...
Cara, mi manchi,

forse più di quanto
sia mai stato...

So che ho un problema,
ogni nuovo giorno...

ch'è quello di convivere
col santo desiderio,

che ho ancora di te,
perché io... ti amo.

ferny

FernyMax - tratto da Storia d'un amore passato

segnalata da FernyMax lunedì 18 ottobre 2004

stelline voti: 7; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Single

Me ne sto solo, sì,
cosa ci posso fare?
Non soffri, piccirì?... (= piccolino)
E' meglio non pensare!

Perché il tempo che va,
trascina via con sé
i sogni e l'umanità...
e t'allontana da me?

Inutili i rimpianti
sul latte già versato...
il gaudio degli amanti
appartiene al passato!

FernyMax - tratto da "resistenza" di fe:)fè

segnalata da FernyMax domenica 17 ottobre 2004

stelline voti: 13; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Aforismi

"Alcuni dicono che il Paradiso sia un posto nel cuore dove i vivi custodiscono i loro morti."

Dalla sequenza finale del film "Let the Evil Wear Black" , di Stacy Title (USA, 1999).

segnalata da FernyMax mercoledì 9 giugno 2004

stelline voti: 20; popolarità: 3; 0 commenti

categoria: Frasi d'amore

TRA CIELO E TERRA

Ero tornata a casa, sì, ma il mio mondo era cambiato e io sarei stata per sempre sospesa tra Sud, Nord, Est, Ovest, tra la pace, la guerra, il Vietnam, l'America. E' il mio destino stare a metà tra cielo e terra.
Quando si resiste al proprio destino si soffre. Quando lo si accetta si è felici.
Abbiamo tanto di quel tempo, mille eternità, per ripetere i nostri errori, ma basta saperli correggere soltanto una volta, per udire alla fine il Canto della rivelazione e spezzare così la catena della vendetta perpetua.
Potete udirlo adesso, nel vostro cuore... E' il canto che il vostro Spirito ha intonato fin dal momento della vostra nascita.
Se i monaci sono nel giusto e niente accade senza motivo, allora il dono della sofferenza ci porta più vicini all'Illuminazione. Ci insegna a essere forti quando siamo deboli, a essere coraggiosi quando abbiamo paura, a essere saggi nella confusione del mondo. E a lasciare andare ciò che non possiamo più tenere.
La vittoria finale si conquista nel cuore, non su questa o quest'altra terra.

Dalla "voce fuori campo" della sequenza finale del film di Oliver Stone basato sul libro della protagonista Phung Thi Le Li Hayslip.

Phung Thi Le Li Hayslip - tratto da ll'omonimo film di Oliver Stone

segnalata da FernyMax lunedì 8 marzo 2004

stelline voti: 29; popolarità: 2; 0 commenti

categoria: Poesie

Omnia vincit Amor

L’importanza di considerare
delle cose allo stesso modo...
di pensare che tu ed io
siamo le parti d’una mela,
della stessa melodia
infinita...

m’inebria
quanto non potresti
nemmeno immaginare.
Fecondo il mio pensiero
in te, complice
di pretestuose carezze,

il cui unico scopo
è d’accompagnarmi
alla Fata del Tempio,
sulla via
dell’affettuosa redenzione
da ogni dolore.

Vorrei sognarti
tutte le notti,
ed in tutte
le posizioni,
convinto, a volte,
come sono,

che la mia felicità
risieda soltanto
fra le tue braccia...
Non ha senso,
pertanto,
questo distacco:

E’ folle inseguire
ancora
l’Amore,
quando tu ce lo hai lì,
sul cuscino,
che t’attende

e geme
il suo romantico
sogno d’ebbrezza,
come una musica dolce
e un’estasi estenuante,
voglioso

delle sue certezze!

FernyMax - tratto da Vita vissuta...

segnalata da FernyMax mercoledì 15 ottobre 2003

stelline voti: 23; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Ad Anna

Eri bella, Annamaria...
Ho il tuo ricordo
stampato nella mente,
che ancora, a tratti,
ne fa vivere il cuore!

Splendido amore
durato tanto,
che mai sembrava
dovesse finire...

Ma poi dicesti
“non t’amo più”,
uscendo da una vita,
senza rintocchi,
come c’eri entrata.

FernyMax - tratto da Storie dell'Anima

segnalata da FernyMax martedì 30 settembre 2003

stelline voti: 14; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Poesie

Poesia & Vita... & Viceversa

Poesia è il solo modo...
per sentirsi ancora vivi,
in un mondo che ci abbandoni!

Quando le ultime piaghe
siano anche le più profonde
e dolorose... senza lo sfogo,

tante volte, d’una poesia,
come riavviare il Cammino,
fra il dolore e la gioia,

che è la Vita, in tutte
le sue accezioni...?!
Affidare ad un verso

un peana d’Amore in trionfo,
quanto più splendente
fa la gratificazione?...

Ma, soprattutto...
è nel dolce abbandono,
che l’enfasi poetica

delle emozioni...
doni le sue note migliori,
e le più intense...

fino all’intimo
dell’Arte antica del Vivere...
e dello Sperare e Sognare!

FernyMax - tratto da Riflessione sulla Poesia

segnalata da FernyMax domenica 27 luglio 2003

stelline voti: 15; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Poesie

Stelle d'Amore

Stelle, stelline belle,
che guardate da lassù

le nostre vite concitate
e questi passi distratti,

io credo di saperlo
a chi Voi apparteniate...

di chi sia stato il cuore
che ora brilla lassù...!

Viveva sulla terra,
qui... insieme a noi,

e ora ci dà conforto
da quel Cielo notturno

scintillando prezioso,
sublime effusione...

dello Spirito di Dio
e dell'eterno Amore!

FernyMax - tratto da Estemporanea

segnalata da FernyMax giovedì 10 luglio 2003

stelline voti: 15; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

La fine del mio amore

Questa strana tensione,
che mi scuote, a volte,
più di un terremoto...
è tutto l’amore per te,
che mi strugge dentro
riducendomi a niente!

Non so quanto reggerò
all’urto con le emozioni,
e se potrei sopravvivere
a voragini di tentazioni,
che m’ingoino il cervello
perché io diventi matto.

Ma lascia, amore mio,
che ne divenga persuaso,
anche soltanto un attimo,
della tua passione sincera,
e i miei aneliti d’amore
edificheranno la gioia,

mai più delle voragini...
Con una semplice parola,
ora, ti prego, strappami
al mio tormento... Amami,
come già anch’io ti amo:
è ciò di cui ho bisogno!

Ah, che tu possa amarmi
come ti concepii nel sogno,
già prima d'incontrarti...
bella più delle altre belle,
perché più vicina a Dio,
sublime eternamente!

E’ te che avrei dovuto
ritrovare, per sollevarmi
l’anima, o condannarmi
per sempre... Perché tu sai,
senza volerlo, senza capire
la tua forza misteriosa

e terribile, gettarmi così,
nudo e tremante di febbre,
nel baratro delle passioni,
da cui non s’esce più vivi...
Ma, chissà...? Non è, forse,
ch’io ci sia tutto già dentro?!

[Il 19 Agosto 1977 tutto doveva finire.
Era cominciato meravigliosamente il 5 Dicembre 1976.
Ho perduto tutta la mia gioia... avendone goduto profondamente
per 9 mesi stupendi, sia pure scorsi di frequente da contrarietà
per lo più non imputabili a fattori interni al nostro rapporto.
Oggi è il 28 Ottobre 1977: più di due mesi son passati, e ancora
io soffro come “quel maledetto giorno”, anche se, per fortuna,
non sempre ne sia cosciente... L’amo disperatamente ... E so
che tutto questo mio dolore ... Ella non lo dovrà sapere mai!]

FernyMax - tratto da Le poesie per Rita Rosanna

segnalata da FernyMax mercoledì 9 luglio 2003

stelline voti: 10; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Presentimento

Schiavo della tua libertà, ti guardo...
coltivando inconsistenti speranze
davanti ai tuoi occhi incantevoli,

che vagano... eternamente distratti!
Mi pare, talvolta, di poter cogliere
fra le tue labbra seriche e carnose,

profferenti tutte le gioie del mondo,
come un pauroso fremito di morte...
Sei tu dunque la verità, che io amo,

ad onta di qualsiasi altra... più santa?
Non potrò mai averti... come vorrei?
Dovrò sempre sognarti, raccogliendo,

fra le balze dei pensieri, questo senso
così avvilente di solitudine... perché tu,
così vicina, in realtà, sei così lontana...?!

Capricci di bimba, andate via da me...!
Potrei anche soffrire tanto, da odiarla
per sempre... ed irrimediabilmente!

FernyMax - tratto da Poesie x Rita Rosanna

segnalata da FernyMax martedì 8 luglio 2003

1 ... 5 6 7 8 9 10 11 ... 19


© 2000-2022 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

47 ms 10:09 17 082022 fbotz1