Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » segnalatori » fernymax

Tutte le frasi segnalate da FernyMax

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 15; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

A Ilona Staller, sexy-speaker di Radio S.Paolo

Ilona cara, bella e impertinente,
angelo biondo, dolce ed incosciente,
quando parli d’amore, fai sul serio?
Dillo, perché poi finisce che ci credo!

Infatti... ne soffrirei terribilmente,
se questa meravigliosa tentazione,
se l’incanto della tua dimensione,
restasse, per me, soltanto un sogno,

una cara... haimé vana, suggestione!

FernyMax - tratto da Ricordi del 1978

segnalata da FernyMax martedì 8 luglio 2003

stelline voti: 11; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Soprano lirico spinto

Prigioniera di un sogno,
del ricordo di un amore
bello e breve,
Gabriella,
fai della musica
la tua amica nell’arte
e nella poesia,
ma ignori,
forse, la vita,
che t’accompagna
col suo volto ingrato.

Lo sa Iddio
perchè ti rifiuti
il coraggio di godere
le gioie più intense
e più vere,
che pure ci sono,
e che basta cercare...!

Come puoi trovare,
col viso affondato
nell’ombra
delle tue paure,
l’autentico amore?
L’amore sincero,
fatto di tenerezza
e di piccole cose...

Quando la semplicità
di un sentimento
nato per caso,
ti si strugge dentro
e ti convince a lottare,
senza che quasi
te ne renda conto,
fino allo spasimo...!

Ecco, Gabriella,
continua a sognare,
a cantare e a danzare,
ma la saggezza
ti vuole creatrice
della tua storia...

Quando la realtà,
gran maga
crudele e splendida,
t’avrà conquistata
alle sue certezze,
nel profondo dolore
e nella vera gioia,
nell’umiltà
e nella grandezza,
tu saprai volare...

Come una rondine
libera e felice,
verso nuove luci
di primavera...
O come l’aquila,
dalle grandi ali
remiganti,
verso la cima
di candide nevi!

E a te d’intorno,
nell’aria...
la tua musica
e la tua poesia,
avrai più umane
e vere compagne,
sul cammino radioso
della tua vita.

FernyMax - tratto da Ricordi del 1978

segnalata da FernyMax lunedì 7 luglio 2003

stelline voti: 14; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Poesie

La luna

Buio spezzato da tenui lame,
chiarore opaco di membra,
che si cercano nelle memorie
dell’eterno ancestrale...

Respiro l’amore sul tuo viso
fra notturni sorrisi di perle.
Mi ami, riamata da azzurre
luci di occhi che chiedono...

Platino nero di stelle
balùgina dai tuoi capelli,
spioventi sul quel seno
d’un irresistibile bianco.

Correnti sinuose del mare,
invocate il senso della vita
dal suo bel corpo e ne date
a me, che in lei solo... vivo.

Rosa urge nuda, e languida
carne, in fremiti del sangue.
Amplesso di luna, carezzi
il velluto sopra quel sangue,

seminato dentro le fiamme...
e mia, t’inghiotte il delirio.
Ora... confesso ad un gemito
l’amore, ch’è esploso dentro!

FernyMax - tratto da La mia prima poesia (1974)

segnalata da FernyMax sabato 5 luglio 2003

stelline voti: 9; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Amare comunque

Morbidi capelli...
al vento dei pensieri,
il bel viso di colei,
che fugge via lontano,
perché non è più mia!

Cosa prova l’Amore,
nella sua tristezza
ormai senza tempo...?
Passione e speranze
non m’appartengono!

Sono già d’un altro Dio,
che neppure conosce,
ma risveglia improvvisi
i suoi palpiti e i desideri
di curiosità nascoste!

Mentre io c’ho paura...
di perdere per sempre
chi più d’ogni altra
ho amato... il mio sogno,
o l’illusione segreta,

cui affido queste note,
mentre sto piangendo,
con la gioia sul viso,
ma un disperato coraggio,
e tanto dolore dentro...

FernyMax

segnalata da FernyMax giovedì 3 luglio 2003

stelline voti: 12; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Poesie

‘O penziero ‘e Nannina

Mmiezo ‘e ffronne ‘e limone
je ‘a penzavo ...
senza veré a nisciuna.

‘E ffigliole passavano p’ò llasteco
tacchettianno cu ‘e zzuoccole
stu penziero ‘e Nannina...

Nannina bella, cianciusa e fina,
me n’é fatto jettà llacreme
pe’ tanta mise

ca simme state ‘nzieme!
Ammore vola,
e ‘o tiempo nun ‘o tene...

E cchiù ‘nce penzo,
cchiù triste me ne vene.
Ma nu sfizio mò m’é fà passà...

‘e dicere stu core tujo addò stà,
si s’è mmiso ‘a capa a ffà bbene,
o sta cuvanno quarch’ata ‘nfamità!

FernyMax

segnalata da FernyMax martedì 1 luglio 2003

stelline voti: 13; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Il mio Destino

Disperato, perché...
ho perduto il mio destino!
L’ho cercato ...
nella pioggia e sul monte,
tra le foreste tropicali,
sui ghiacci
e nelle lande deserte.
L’ho cercato ...
anche nei tuoi occhi
e fra le tue braccia,
ma non l’ho trovato!

Ogni esperienza,
per la sua intensità,
mi lascia senza fiato...
Ma non mi restituisce
che un destino d’uomo
condannato a vivere,
tra lo spazio ed il tempo,
come qualcosa di finito.
Mentre io desidero,
incessantemente, solo...
il Mio Destino Infinito!

FernyMax

segnalata da FernyMax giovedì 26 giugno 2003

stelline voti: 11; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Poesie

Un dono d’Amore

Voglio offrirti una poesia
e la scrivo, in fede mia,
con dei versi benedetti,
che puoi dir quasi perfetti.

Io dipingo tutto il mondo
a quadrato, oppure a tondo,
e poi... a dritto od a rovescio,
me lo cucio di sghimbescio!

Ma per fare cose sane,
per non scriverne di strane,
ho bisogno dell’Amore...
della Donna che ha il mio fiore.

Fiore di Maggio, purpurea rosa,
parla a Colei, che vorrei in sposa.
Stelle notturne, scintille del Cielo,
non vi smarrite dietro un velo.

Dite agli amanti, ditele a Lei
tutte le vostre gioie senza nei.
Portate nel vento soave l’incanto
di sogni splendidi, col vostro canto.

Ed ai cuori in attesa quaggiù
sorrisi di gemme sempre di più,
ori ed incensi della sera lucente
di cui l’Amore vivrà eternamente.

FernyMax - tratto da Novembre 1989

segnalata da FernyMax giovedì 26 giugno 2003

stelline voti: 11; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Dolcemente... giovinezza!

Dolcemente io carezzo le tue gote...
floride e rosse come due lamponi.

Dolcemente inseguo orbite vuote,
cullandomi... fra strane suggestioni.

Mentre desidero... di poterti amare,
ove le membra se ne stiano rilassate,

dolcemente, come un lasciar andare
le nostre anime sulle spiagge dorate!

Sei l’unica sopravvissuta della terra,
rimasta qui per farmi compagnia...?!

Oh, dolce ultimo fiore d’una serra,
ch’io possa amar davvero... e così sia!

Oltre il tuo sguardo non so di verità,
trovata infine dopo molti affanni...

che faccia intensa la mia felicità
più dell’esuberanza dei verd’anni!

Essi danno quello che sei anche tu...
amore e forza di eterna gioventù!

FernyMax

segnalata da FernyMax giovedì 26 giugno 2003

stelline voti: 22; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

In ricordo di Mamma

Ricordo mia madre...
come un fiume in piena!
Un’intensa congerie d’affetti,

non sempre rasserenanti,
anzi, a volte irriguardosi...!
L’amore scatenato, insomma,

e senza mezzi termini,
ma ricco degli ideali che,
instancabilmente, trasfuse

nell’educazione dei suoi figli,
il Credo cui non si rinunzia,
perché conduce all’Infinito...

Nonostante i crolli
e le delusioni della vita.
Così era mia madre,

pronta sempre a combattere
con accenti di verità
e un’ansia di Bene assoluta,

efficace, perché guidata
da quell’Amore, che
assiduamente si nutre

alle sorgenti del Cielo,
cui saprà ritornare...
come per miracolo divino!

FernyMax

segnalata da FernyMax domenica 22 giugno 2003

stelline voti: 12; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Teresa

Mmiez’é ffronne d’ò ciardino,
sona doce ‘o mandulino.

Ma è l’ammore ca te sceta
l’uocchie nire e a pelle ‘e seta,

cu sta musica sincera
e na voce forte e allera.

N’angiulillo a core a core
vasa ‘e nnote dell’ammore

e dduie nomme ‘e presso ha ‘nciso
‘ncoppo a n’arbero d’ò Paraviso!

FernyMax

segnalata da FernyMax sabato 21 giugno 2003

1 ... 6 7 8 9 10 11 12 ... 19


© 2000-2022 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

15 ms 03:34 08 082022 fbotz1