Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » autori » gaspare serra

Tutte le frasi dell'autore Gaspare Serra

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Tra piaceri e incanto …

Come mare ardente d’agosto
m’assali con le tue labbra
inondandomi di salsedine
per arenarti sul fianco della sera
e ritrarti ancor bagnata al mattino.

Come onda strappata dal vento
sfili le vesti della spiaggia desueta di maggio
abbandonando la tua mano umida alla mia
per lasciarmi perdutamente bere
tra le pieghe del tuo piacere.

Quant’è arduo
-dopo tutto-
sopravvivere
sprofondando
nell’abisso
dei miei occhi…

Gaspare Serra

segnalata da GaspareSerra domenica 10 giugno 2012

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

T r a t t e n e n d o … il respiro

La città della sera
-come un mappamondo di stelle
ubriache di malinconia-
riflette un cielo d’occhi
dispersi
tra coni d’ombra
e vicoli in preghiera…

Le strade son deserte,
deserti
di
silenzi
colmanti vuoti inesplicabili
d’incanto
…e solitudine

Ed io?
E tu?

Io ti vò cercando…
…tu mi stai spiando
da dietro una finestra socchiusa,
t r a t t e n e n d o il respiro…
per non appannarmi…

Su quale uscio
il vento
venderà
il tuo profumo?

Gaspare Serra

segnalata da GaspareSerra lunedì 27 febbraio 2012

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

L’ombra del respiro…

Non una parola a contraddirci,
uno sguardo a distrarci,
un abbraccio a dissuaderci.

Solo un lieve tremore
a ricoprirci di ritmi forsennati
di sacralità ed incanto.

Un vento esanime
rianimava il tuo sorriso.

Ed io andavo,
l e n t a m e n t e ,
inseguendo solo un’ombra

(l’ombra del tuo respiro…)

Gaspare Serra

segnalata da GaspareSerra mercoledì 25 gennaio 2012

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Più nulla ancora...

Labbra senza vesti
rompono muri di silenzi
tra le tue parole tremanti,
racchiudendo inesplicabili spazi
prigionieri d'ordinaria follia...

Occhi forgiati a carne
librano per te nell'aria
sguardi d’incontrollata passione,
mentre frecce tese di piacere
colgono in fretta
il frutto d'una straordinaria intesa...

Mani di sangue e sudore
colgono l'ultimo sale
da te copiosamente cosparso
sul mio capo chino.

Più nulla ancora...

Se non un pozzo senza fondo
fissante un cielo irraggiungibile,
senza sfondo…

Gaspare Serra

segnalata da GaspareSerra giovedì 15 settembre 2011

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Corpo senza nome...

Silenzi
-senza voce-
riemergono da un mare di vergini
- senza dio-
inondando di pensieri e blasfemie
ordinarie, incoscienti emozioni
calpestate
dalle foglie ingiallite d’autunno…

Spazi decrescenti
di vita
squarciano cieli incontenibili
d’inverno,
sfuggendo alle ombre segnate dal vento…

Un impercettibile caos calmo
trattiene lentamente, inutilmente
il tremore
nascosto nel tepore
dei tuoi occhi…

Ma dove strariperanno i miei sospiri
giunti al fiume senza foce
del tuo corpo senza nome?

Gaspare Serra

segnalata da GaspareSerra sabato 19 febbraio 2011

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Brecce d’incoscienza…

Il ricordo m’inonda
di parabole d’incenso e fango
schizzate tra cielo e asfalto
quali nubi sfregiate dal vento...

Come una carezza
lentamente stesa
su di un mare incostante
d’inquietudini e certezze,
dolcemente crollano
pareti di quercia e amianto
da una sponda all’altra del tempo,
aprendo brecce d’incoscienza
lungo il solco
di un’impalpabile esistenza…

E così riemergo
da una chiocciola di scale senza fondo,
sentendo il mondo girare a perdifiato
sotto i piedi…

Gaspare Serra - tratto da Blog "Panta Rei": http://gaspareserra.blogspot.com

segnalata da GaspareSerra martedì 26 ottobre 2010

stelline voti: 5; popolarità: 0; 1 commenti

categoria: Poesie

Nell’epoca delle passioni tristi …

Inesistenti rughe di un autoritratto sbiadito
ritraggono impenetrabili geroglifici
nel volto chiuso della sera,
confondendo in espressioni svanite
acri pensieri di pane
inghiottiti come dolci veleni.
Sol così l’urlo improvviso di un sole d’inverno
solleverà da tergo
parole mai uscite gettate nel vento,
dando voce al gelante silenzio …

Coperte le distanze dentro sé
scopriamo quel che veramente si è,
soffocando il respiro
nella nostra più comune indifferenza
e guardando sempre più lontano dalla finestra …
per non guardarci mai dentro.

Capaci di reagire perché incapaci d’agire
lasciamo che tutto scivoli via in fretta,
come sabbia tagliente tra le dita.
E come pigne sospese su un ramo
in attesa che il soffio di un bimbo lo spezzi
viviamo soli nell’epoca delle passioni tristi,
confidando che anche Dio si addormenti …

GASPARE SERRA - tratto da http://spaziolibero.blogattivo.com/g-s-b1/NELL-EPO

segnalata da Gaspare110 lunedì 20 aprile 2009

stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

LENTO ABBANDONO ...

Tutto si sfalda
in un lento abbandono,
su di un letto sfatto di pensieri
cigolanti e vinti …

All’istante si sorpassa senza fretta
il presente,
braccati in caccia dal futuro.

Ho perso le parole.

Son rimaste solo le ore
a rimuginare all’angolo,
scricchiolando
all’ultimo stadio di un pensiero …

GASPARE SERRA

segnalata da Gaspare110 giovedì 12 febbraio 2009

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

LE LACRIME DEL MARE ...

Convinzioni strappate al caso
spazzano via decisioni avventate
ai piedi di laconiche incertezze.

Tutto s’incatena al niente
sospeso all’estremità di un ponte
tra pornografiche luci di cielo
e inquietanti ombre del suolo.

La logica è ordinaria follia:
l’eresia della ragione
che uccide in un abbraccio l’illusione,
tenendoci ancorati al presente
senza catene.

Le lacrime del mare
non hanno religione:
son quelle dell’uomo
l’incesto tra carne ed emozione …

Non è tutto falso,
non è tutto vero:
siam solo catene
appese al filo stringente
d’un pensiero …

GASPARE SERRA

segnalata da Gaspare110 martedì 3 febbraio 2009

stelline voti: 5; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

ALI SPEZZATE ...

Tu che scambi il suo amore
per possesso
e la donna al tuo fianco
per lo sfogo delle tue frustrazioni e debolezze:
chi sei tu, vile,
per spezzare le ali ad un angelo?
Chi sei tu, insignificante nella vita,
per soffocare la sua voce
-repressa ed impalpabile-
tra le tue mani
-esangui ma inesauribili-,
ingabbiandone ogni sua speranza
nel tugurio della tua coscienza?
Come puoi scaricare sulle sue esili spalle
il fardello d’umiliazioni e vergogne
della tua morbosità?
Come puoi seppellire l’emozione
nella fossa vuota del tuo cuore,
e -dopo tutto-
avere ancora il coraggio di guardare?!

Farfalla dalle ali spezzate,
fuggi dai resti di questa vita,
sciogli ogni laccio ancora teso al cuore,
rompi il silenzio
e libera il tuo represso pianto
in urlo colmo di libertà!
Anche se un arcobaleno in bianco e nero
copre il cielo grigio di solitudine,
mira oltre il tuo sguardo denso di pudore,
fallo ora,
adesso,
per sempre!
Nessuna gioia potrà sanare
le ferite di un cuore irrimediabilmente spezzato,
come pane sconsacrato …
nessuna rinascita potrà ristabilire l’equilibrio
di un’anima appesa a un filo …
nessuno potrà ridonare la luce perduta
al tuo ormai secco viso,
scavato dal tempo e dalle lacrime …
Ma dove non puoi giungere domani,
in un batter d’ali,
potrai arrivare negli anni,
sui piedi e con la testa.
E se scegliendo la nuova strada,
seppellendo il tuo passato,
proverai paure, sentirai rimorsi,
lasciati andare,
che tu sia quel che veramente sei,
scopriti da ogni telo,
perché non esiste vita migliore
di quella che vogliamo
e non c’è motivo per non desiderarla!
Come da un seme scippato a un fusto
può nascere un fiore,
così da un presente sottratto a un destino vile
può nascere la speranza di un domani migliore!
E finché non riacquisterai il dono del sorriso
non saprai mai quanto bene possa farti
un semplice sorriso …

GASPARE SERRA

segnalata da Gaspare110 giovedì 22 gennaio 2009

◄ indietro
1 2 3


© 2000-2019 copyright
Per contattarci o saperne di più su frasi.net vieni al CENTRO INFORMAZIONI

31 ms 18:18 26 052019 fbotz1