Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » autori » giacomo leopardi

Tutte le frasi dell'autore Giacomo Leopardi

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 1; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Proverbi » animali » cane

"La facoltà di compatire non è propria dell’ uomo. In casa mia v'era un cane che dal un balcone gettava del pane ad un altro cane sulla strada"

giacomo leopardi

segnalata da marines martedì 23 ottobre 2012

stelline voti: 5; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » morte

Invidio i morti, e solamente con loro mi cambierei.

Giacomo Leopardi

segnalata da marines mercoledì 10 novembre 2010

stelline voti: 3; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi

" E' vero, come predica Cicerone, che la virtù è il fondamento dell'amicizia, né può essere amicizia senza virtù; perchè la virtù non è altro che il contrario dell'egoismo, principale ostacolo dell'amicizia. "

Giacomo Leopardi

segnalata da Bruno Conca venerdì 6 febbraio 2009

stelline voti: 4; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi

Certo l’ultima causa dell’essere non è la felicità; perocché niuna cosa è felice.

Giacomo Leopardi

segnalata da Bruno Conca venerdì 30 gennaio 2009

stelline voti: 19; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Aforismi » comportamento

Il mondo ride sempre di quelle cose che, se non ridesse, sarebbe costretto ad ammirare; e biasima sempre, come la volpe, quelle che invidia

Giacomo Leopardi - tratto da una lettera inviata all'amico Ranieri

segnalata da Meleth sabato 9 aprile 2005

stelline voti: 22; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: SMS pronti

Bambini

I bambini trovano il tutto nel nulla, gli uomini non trovano nulla nel tutto.

Giacomo Leopardi - tratto da ROBYMILLELUCI

segnalata da ROBYMILLELUCI domenica 2 gennaio 2005

stelline voti: 11; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

...e quando miro in cielo arder le stelle;
dico fra me pensando:
a che tante favelle?
che fa l’aria infinita, e quel profondo
infinito seren? Che vuol dir questa
solitudine immensa? Ed io che sono?

Giacomo Leopardi - tratto da Canto di un pastore errante dell’Asia, vv. 84-89

segnalata da Aquila Nel Vento sabato 2 ottobre 2004

stelline voti: 15; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Frasi d'amore

Perché i celesti danni
Ristori il sole, e perché l'aure inferme
Zefiro avvivi, onde fugata e sparta
Delle nubi la grave ombra s'avvalla;
Credano il petto inerme
Gli augelli al vento, e la diurna luce
Novo d'amor desio, nova speranza
Ne' penetrati boschi e fra le sciolte
Pruine induca alle commosse belveForse alle stanche e nel dolor sepolte
Umane menti riede
La bella età, cui la sciagura e l'atra
Face del ver consunse
Innanzi tempo? Ottenebrati e spenti
Di febo i raggi al misero non sono
In sempiterno? ed anco,
Primavera odorata, inspiri e tenti
Questo gelido cor, questo ch'amara
Nel fior degli anni suoi vecchiezza impara?
Vivi tu, vivi, o santa
Natura? vivi e il dissueto orecchio
Della materna voce il suono accoglie?
Già di candide ninfe i rivi albergo,
Placido albergo e specchio
Furo i liquidi fonti. Arcane danze
D'immortal piede i ruinosi gioghi
Scossero e l'ardue selve (oggi romitoNido de' venti): e il pastorel ch'all'ombre
Meridiane incerte ed al fiorito
Margo adducea de' fiumi
Le sitibonde agnelle, arguto carme
Sonar d'agresti Pani
Udì lungo le ripe; e tremar l'onda
Vide, e stupì, che non palese al guardo
La faretrata Diva
Scendea ne' caldi flutti, e dall'immonda
Polve tergea della sanguigna caccia
Il niveo lato e le verginee braccia.
Vissero i fiori e l'erbe,
Vissero i boschi un dì. Conscie le molli
Aure, le nubi e la titania lampa
Fur dell'umana gente, allor che ignuda
Te per le piagge e i colli,
Ciprigna luce, alla deserta notte
Con gli occhi intenti il viator seguendo,
Te compagna alla via, te de' mortali
Pensosa immaginò. Che se gl'impuriCittadini consorzi e le fatali
Ire fuggendo e l'onte,
Gl'ispidi tronchi al petto altri nell'ime
Selve remoto accolse,
Viva fiamma agitar l'esangui vene,
Spirar le foglie, e palpitar segreta nel doloroso amplesso.

Giacomo Leopardi

segnalata da Monella giovedì 25 marzo 2004

stelline voti: 37; popolarità: 6; 0 commenti

categoria: Aforismi » amore

Poesia

I momenti migliori dell'amore
sono quelli di una quiete e dolce malinconia,
dove tu piangi e non sai di che.

Giacomo Leopardi

segnalata da mm_cm lunedì 8 marzo 2004

stelline voti: 4; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Frasi d'amore

Augusta

Si è fatta grande e bella,
ma è una bellezza tanto languida,
tanto pallida,
tanto sottile,
che par piuttosto uno spirito
che un corpo,
e io credo
che un soffio basterà
a farla svanire affatto

Giacomo Leopardi

segnalata da gabriel lunedì 30 dicembre 2002

◄ indietro
1 2 3 4 5 6 7


© 2000-2019 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

31 ms 07:19 17 072019 fbotz1