Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » autori » trilussa

Tutte le frasi dell'autore Trilussa

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z


stelline voti: 6; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: poesie

Er Topo

Disse er maiale ar topo:
nun poi amà la capra, sta più grande de te!
ma er topo rispose:
sò ancora giovane, crescerò!

Trilussa

segnalata da Xavier domenica 20 novembre 2011

voti: 0; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: poesie

Er Topo

Disse er maiale ar topo:
nun poi amà la capra, sta più frande de te!
ma er topo rispose:
sò ancora giovane, crescerò!

Trilussa

segnalata da Xavier domenica 20 novembre 2011

stelline voti: 13; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

er topo

disse er maiale ar topo nun poi amar la capra,sta piu grande de te,ma er topo rispose: so ancora giovane crescerò...

Trilussa

segnalata da peppino zù martedì 21 dicembre 2010

stelline voti: 8; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Poesie

La paura

So' coraggioso e forte!
-disse un cavallo ar Mulo - e vado ar campo
pieno de fede, sverto come un lampo,
tutto contento de sfidà la morte!
Se arriva quarche palla che m'amazza
sacrifico la vita volentieri
pe' la conservazione de la razza.
- capisco, - disse er Mulo -
ma, su per giù, pur'io
che davanti ar pericolo rinculo,
nun conservo la razza a modo mio?

Trilussa

stelline voti: 9; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Felicità

C'è un'ape che se posa
su un bottone de rosa:
lo succhia e se ne va...
Tutto sommato, la felicità
è una piccola cosa.

Trilussa

stelline voti: 9; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

Carità cristiana

Er Chirichetto d'una sacrestia
sfasciò l'ombrello su la groppa a un gatto
pe' castigallo d'una porcheria.
- Che fai? - je strillò er Prete ner vedello
- Ce vò un coraccio nero come er tuo
pe' menaje in quer modo... Poverello!...
- Che? - fece er Chirichetto - er gatto è suo? -
Er Prete disse: - No... ma è mio l'ombrello!-

Trilussa

stelline voti: 11; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

L’eroe al caffè

È stato al fronte, sì, ma col pensiero,
però ti dà le spiegazioni esatte
delle battaglie che non ha mai fatte,
come vi fosse stato per davvero.

Dovresti vedere come combatte
nelle trincee d'Aragno! Che guerriero!
Tre sere fa , per prendere il Montenero,
ha rovesciato il bricco del latte!

Col suo sistema di combattimento
trova ch'è tutto facile: va a Pola,
entra a Trieste e ti bombarda Trento.

Spiana i monti, sfonda, spara, ammazza...
- Per me - borbotta - c'è una strada sola...
E intinge i biscotti nella tazza.

>

Trilussa

stelline voti: 1; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Aforismi

L'umorismo è lo zucchero della vita. Ma quanta saccarina c'è in giro

Trilussa

stelline voti: 8; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

In pretura

- Alzatevi, accusata: vi chiamate?
- Pia Tonzi. - Maritata? - Sissignora.
- Con prole? - No... con uno che lavora...
- D'anni? - Ventotto. - Che mestiere fate?

- Esco la sera verso una cert'ora...
- Già, comprendo benissimo, abbordate...
- Oh, dico, sor pretore, rispettate
l'onorabbilità d'una signora!

- Ma le guardie vi presero al momento
che facevate i segni ad un signore,
scandalizzando tutto il casamento...

- Loro potranno divve quer che vonno:
ma io, su le questioni de l'onore,
fo come li Ministri: nun risponno!

>

Trilussa

stelline voti: 7; popolarità: 1; 0 commenti

categoria: Poesie

La poesia

Appena se ne va l'urtima stella
e diventa più pallida la luna
c'è un Merlo che me becca una per una
tutte le rose de la finestrella:
s'agguatta fra li rami de la pianta,
sgrulla la guazza, s'arinfresca e canta.

L'antra matina scesi giù dar letto
co' l'idea de vedello da vicino,
e er Merlo furbo che capì el latino
spalancò l'ale e se n'annò sur tetto.
Scemo! je dissi Nun t'acchiappo mica...
E je buttai dù pezzi de mollica.

Nun è rispose er Merlo che nun ciabbia
fiducia in te, ché invece me ne fido:
lo so che nu m'infili in uno spido,
lo so che nun me chiudi in una gabbia:
ma sei poeta, e la paura mia
è che me schiaffi in una poesia.

È un pezzo che ce scocci co' li trilli!
Per te, l'ucelli, fanno solo questo:
chiucchiù, ciccì, pipì... Te pare onesto
de facce fa la parte d'imbecilli
senza capì nemmanco una parola
de quello che ce sorte da la gola?

Nove vorte su dieci er cinguettio
che te consola e t'arillegra er core
nun è pe' gnente er canto de l'amore
o l'inno ar sole, o la preghiera a Dio:
ma solamente la soddisfazzione
d'avè fatto una bona diggestione.

>

Trilussa

◄ indietro
1 2



© 2000-2014 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

15 ms 00:17 02 102014 fbotz1