Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » segnalatori » ashley munther

Tutte le frasi segnalate da Ashley Munther

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z

Di seguito trovi tutte le frasi segnalate da Ashley Munther. Potrebbero esserci più persone che si sono firmate con questo nome. Il confronto degli indirizzi e-mail, riportati tra parentesi se lasciati, può dare l'indicazione di eventuali casi di omonimia.

stelline voti: 12; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Poesie

U Lobbiru

‘Nta ‘na salibba di niura lava
c’era un lobbiru ca si pappariava
“ sugnu patruni di tutta la strata
di la sciara e di lu jardinu,
a tia ca passi pi ‘sta cuntrata
nun ti scurdari di fari l’inchino.”

Tutti l’armali eranu afflitti
da ‘stu lobbiru ‘nfami e fitenti
non si vutavunu, stavanu zitti
ca affilati tineva li denti.

Un jornu passannu pi chista via
un jattaruni nobbile e fero
virennu lu lobbiru ca sputrunia
tira fora chistu pinsero:
“Comu po’ essiri, signuri mei
chiddu chi viu acc’astabbanna,
forsi m’ingannanu l’occhi mei
un lobbiru ‘nfami ca liggi cumanna!”

Lu jattu ribelli pi so natura
sfida lu lobbiru senza paura
passa spavaldo a testa isata
e spunta lu lobbiru di ‘ntra li fraschi
ci sauta supra cu ‘na vulata
l’afferra pu mussu e ci ciunna li naschi.

Scappa lu lobbiru facennu “cai cai”
sunnu finuti l’affanni e li guai
tutti l’armali filici e cuntenti
a lu jattu ci fannu la festa
li libbirau da chiddu fitenti
e libbiru torna ‘nta la foresta.

Traduzione:

Sopra un muretto di nera lava
c’era un loppide che si vantava
“sono padrone di tutta la strada
della sciara e del giardino,
a te che passi da questa contrada
Non ti scordare di fare l’inchino.”

Tutti gli animali erano afflitti
da questo loppide infame e fetente
non si ribellavano, stavano zitti
perché affilato teneva il dente.

Un giorno passando per quella via
un gatto nobile e fiero
vedendo il loppide spadroneggiare
tira fuori questo pensiero:
“Come può essere, signori miei
quello che vedo da questi parti,
forse mi ingannano gli occhi miei
un loppide infame che detta legge!”

Il gatto ribelle per sua natura
sfida il loppide senza paura
passa spavaldo a testa alta
e spunta il loppide dalle frasche
ci salta sopra con un balzo
l’afferra per il muso e gli graffia il naso.

Scappa il loppide facendo “cai cai”
sono finiti gli affanni ed i guai
tutti gli animali felici e contenti
al gatto fanno la festa
li ha liberati da quel fetente
e libero torna nella foresta.

Don Pepeo di Sant'Elia

segnalata da Ashley Munther giovedì 10 dicembre 2015



© 2000-2020 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

16 ms 10:47 22 102020 fbotz1