Frasi.Net
       

Tu sei qui: Frasi.net » frasi » segnalatori » lell 92

Tutte le frasi segnalate da lell 92

A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z

Di seguito trovi tutte le frasi segnalate da lell 92. Potrebbero esserci più persone che si sono firmate con questo nome. Il confronto degli indirizzi e-mail, riportati tra parentesi se lasciati, può dare l'indicazione di eventuali casi di omonimia.

stelline voti: 12; popolarità: 0; 0 commenti

categoria: Aforismi » ricordo

solo per te anima volata via

Gli oggetti sono macchine del tempo!!!
Alzandosi dal letto, scende le scale e passando d’avanti ad una stanza, si affaccia, è vuota, vuota come mai lo era stata. In cucina c’è un fitto silenzio, la casa sembra essere cupa, triste, abbandonata, è una sensazione strana che non aveva mai provato.
Le scale ancora riguarda e inizia a salire, entra in quella stanza e si siede. Rimane lì immobile a pensare perché il tempo passa e perché debba lasciare aloni di tristezza.
Fiona così, vede alcuni oggetti in quella triste stanza e ripensa a sua Nonna, una persona che non potrà riabbracciare mai più. Poi si gira e vede un’ immaginetta.. Si ricorda quando la comprarono al santuario di Padre Pio. Fiona era piccola e ridendo e scherzando fra i suoi parenti vedeva gli occhi di sua nonna ricchi di gioia per avere attorno una famiglia che le voleva bene.
Allora cerca di non piangere ma non ci riesce, così prende in mano la cosa più comune che trova, ma anch’essa la riporta indietro nel tempo fino a quando la nonna ogni sera le chiedeva se l’orario era esatto.
“Basta” si dice, non riesce più a stare in quella stanza,dove ogni oggetto sembra una macchina del tempo , che le fa rivivere momenti che vorrebbe poter riprovare tuttora.
È tutto però impossibile. Non si può ritornare indietro, si può solo pensare e ricordare. Oh! Ha bisogno di una boccata d’aria, così si affaccia alla finestra e vede quel giardino illuminato dal sole, dove una volta lei e i suoi cugini giocavano e ridevano con la nonna. L’aria fresca che penetra nei polmoni di Fiona le fa pensare alla freschezza della nonna e alle sue dolci mani che la accarezzavano quando ne aveva bisogno.
Tutto le fa pensare a lei, la sedia dove lei si sedeva sempre, il posto a tavola, le scale del giardino,i mobili…proprio tutto. Qualsiasi cosa di lei le mancava, dai litigi ai semplici e dolci sorrisi ,la gioia che c’era in casa, il via vai di persone,rendevano la sua dimora una villa di gioia.
Ora la casa di Fiona è comunque piena di gioia, ma il vuoto che ha lasciato la nonna è incolmabile. La sua morte le ha fatto avere nostalgia di tutti i bei momenti, perché avrebbe voluto viverli ancora per molto.

io.......racconto auto biografico - tratto da il mio cuore

segnalata da lell@92 giovedì 27 settembre 2007



© 2000-2020 copyright
Per contattarci o saperne di più sul sito vieni al CENTRO INFORMAZIONI

16 ms 00:50 25 052020 fbotz1